Suggerimenti

Kalanchoe daigremontiana: consigli, cura e proprietà

Il suo nome comune come la  pianta kalanchoe daigremontiana è conosciuta come spina dorsale del diavolo. Probabilmente è dovuto al modo in cui dispiega le foglie e al modo in cui da esso emergono nuovi fusti, formando una caratteristica disposizione legata ad uno scheletro.

Questa caratteristica pianta ha una serie di cure che vi racconteremo rigorosamente. A titolo di curiosità, possiamo dirti che possiamo coltivare la  kalanchoe daigremontiana  sia indoor che outdoor, sistemata in vaso, quindi abbiamo molte opzioni per averla a casa o in terrazza.

Dati caratteristici di Kalanchoe daigremontiana

  • Famiglia:   Crassulaceae  (Crassulaceae)
  • Sottofamiglia:  Kalanchoideae
  • Genere:  Kalanchoe

Per quanto riguarda lo sviluppo, raramente supera il metro di altezza se coltivata in vaso. Come quasi tutte le Crassulaceae, il suo sviluppo radicale è limitato e dall’umidità ambientale ricava gran parte dell’acqua di cui ha bisogno.

Una curiosità della Kalanchoe daigremontiana  è la sua capacità di formare nuovi germogli dalle sue foglie, cosa che caratterizza questa pianta e che le conferisce il valore che attualmente ha per la sua coltivazione.

La sua fioritura avviene letteralmente quando ne ha voglia. È un fatto aneddotico che oggi sorprende la comunità scientifica e non c’è motivo per cui. Le condizioni per la sua fioritura, infatti, non sempre esistono a priori o non lo fanno durante il suo ciclo vitale.

Chiavi nella coltivazione di  Kalanchoe

Climatologia

Appartiene alla famiglia delle Crassulaceae (C rassulaceae), offre magnifiche condizioni di adattamento ai diversi climi. Pertanto, può essere coltivata sia come pianta da interno che da esterno.

Temperatura

Bisogna evitare di coltivarla in zone particolarmente fredde o ombrose, poiché necessita di un intervallo di temperature per il suo sviluppo superiore ai 10ºC, con l’optimum compreso tra 18ºC e 28ºC.

illuminazione

Se coltiviamo una qualsiasi varietà di  Kalanchoe,  cercheremo sempre la sua disposizione in pieno sole e senza alcun ostacolo all’ingresso della luce.

Umidità

Le sue foglie e gli steli hanno la capacità di immagazzinare l’umidità molto bene all’interno. Salvo zone particolarmente secche, non sarà necessaria l’irrorazione fogliare e sarà sufficiente solo l’umidità del supporto.

caratteristiche del suolo

Come piantare Kalanchoe in giardino

Le opzioni per modificare il terreno nel terreno sono molto più limitate rispetto alla coltivazione in contenitore. Prima di mettere a dimora Kalanchoe daigremontiana, cercheremo di aerare il terreno con il suo ribaltamento di almeno i primi 30 centimetri. Incorporeremo uno strato di materia organica e rimuoveremo con la terra.

In questo modo, miglioreremo la capacità di ritenzione dell’umidità ma senza causare ristagni idrici che influiscono sullo sviluppo delle radici.

Pertanto, evita i terreni pesanti e argillosi poiché i peli assorbenti delle radici di  Kalanchoe daigremontiana  sono molto sensibili. Cercheremo una consistenza del terreno che sia una miscela tra limoso e sabbioso.

Come piantare Kalanchoe in una pentola

Quando prepariamo il substrato per la coltivazione in vaso, possiamo optare per un mix di substrato commerciale (torba) che può contenere un po’ di sabbia. Ciò di cui abbiamo bisogno è una sufficiente capacità drenante per non causare ristagni idrici e limitare l’ossigenazione delle sue radici, già alquanto scarse.

È importante che il contenitore o vaso in cui lo coltiviamo abbia un diametro sufficiente, almeno 30 centimetri, e più di 20 cm di profondità. Nella parte inferiore, collocheremo ghiaia di medie dimensioni per favorire il drenaggio, con sufficienti fori sul fondo che consentano il libero deflusso dell’acqua di irrigazione.

Tra il piatto e la pentola possiamo posizionare pietre o oggetti piatti che offrono una separazione tra le due parti. In questo modo eviteremo la risalita dell’acqua per capillarità e la putrefazione delle radici.

Irrigazione e concimazione

Uno dei peggiori nemici delle Crassulaceae e, nello specifico, della Kalanchoe daigremontiana  è l’irrigazione eccessiva. Si commette l’errore di trattarla come se appartenesse a un’altra famiglia e nella maggior parte dei casi si porta alla completa putrefazione della pianta.

Questa pianta è molto resistente alla salinità e ha una grande capacità di sfruttare l’umidità ambientale e la rugiada mattutina. Pertanto, il contributo irriguo deve essere molto limitato.

Con questo intendiamo che con temperature elevate, nella stagione estiva, annaffieremo al massimo 1 volta a settimana. In inverno, con una maggiore umidità ambientale, non irrigheremo se non per picchi di temperatura.

Con 1 litro per irrigazione e una pianta alta oltre 0,5 metri, sarà sufficiente per favorirne la crescita e l’assimilazione di buona parte dell’acqua.

Per quanto riguarda l’ abbonato,  con l’aumento delle temperature osserveremo un allungamento degli steli e l’emergere di nuovi germogli sulle foglie. In quel momento può essere opportuno utilizzare concimi a cessione graduale sotto forma di granuli o liquidi che possono essere aggiunti insieme all’acqua di irrigazione.

Altre cure di  Kalanchoe

Kalanchoe daigremontiana non richiede cure aggiuntive. Puoi tagliare steli marci o con lesioni visive. Effettueremo il trapianto purché, quando lo avremo in vaso, vediamo che è diventato eccessivamente piccolo.

riproduzione e moltiplicazione

Per la forma e l’aspetto delle sue foglie, è facile riprodurre Kalanchoe daigremontiana.

La pianta può moltiplicarsi dalle sue foglie, che devono essere piantate in un substrato umido in modo che emettano nuove radici e formino una nuova pianta.

Il sistema di riproduzione più semplice consiste nel colorare più foglie su un substrato costantemente umido. Tra pochi giorni vedremo la formazione di nuove foglie sulle loro gemme ascellari.

Quando i gambi escono e con molta attenzione, li rimuoviamo dalla foglia e li piantiamo nello stesso substrato. Con questa semplice operazione possiamo ottenere molte piante da una foglia precedente, identica alla madre.

Leggi tutto: elenco delle piante da coltivare

prodotti correlati

Quanto costa acquistare kalanchoe daigremontiana?

Attualmente, la kalanchoe daigremontiana  è molto standardizzata e ci sono molti vivai e ipermercati dove possiamo acquistarla, anche su internet.

Il prezzo medio per un vasetto (diametro 10 cm) è compreso tra 3-4 €

Proprietà medicinali di Kalanchoe daigremontiana

Ultimamente si parla molto delle proprietà della Kalanchoe daigremontiana e dei suoi benefici naturali.

Il suo uso medicinale è diffuso in diverse parti dell’America Latina, dell’Asia e persino dell’Africa.

Queste sono le seguenti attribuzioni che sono fatte di Kalanchoe.

  • Ferite e ustioni di scarsa guarigione
  • infezioni
  • Reumatismi
  • infiammazioni
  • Ipertensione
  • Calcoli renali
  • diarrea

L’applicazione esterna, per facilitare la guarigione e la cicatrizzazione delle ferite, avviene tramite cataplasmi. Si utilizzano le foglie da cui si estrae il succo cellulare e si applica, come se fosse vaselina, sulla ferita.

Internamente vengono solitamente preparati come infuso o in insalata.

Non è difficile trovare informazioni che parlino delle proprietà della Kalanchoe daigremontiana  al punto da rasentare il miracoloso. Tuttavia, la comunità scientifica ne riduce notevolmente gli effetti e confessa che molti di essi non sono stati ancora dimostrati o valutati.

Gli effetti medicinali di una pianta sono dati dalla presenza di qualche composto farmacologicamente attivo, noto come principio attivo.

Nella Kalanchoe daigremontiana sono stati trovati alcuni flavonoidi con attività antiossidante e antinfiammatoria, noti come quercetina  o bufadienolidi. [ informazioni aggiuntive].

L’effetto di queste sostanze sintetizzate dalla kalanchoe nei trattamenti contro vari tumori è attualmente in fase di sperimentazione, ma è troppo presto per conoscerne i risultati e quindi non possiamo anticiparli.

Kalanchoe daigremontiana può curare il cancro?

Alla pianta di Kalanchoe daigremontiana , ormai da alcuni anni, è stata attribuita la capacità di agire efficacemente contro le malattie. Uno di questi è la cura di diversi tipi di cancro.

In diverse riviste e blog informativi si parla di una grande capacità di rigenerazione cellulare, ma senza fornire informazioni scientifiche. In essi, si consiglia di assumere circa 30 grammi di foglie crude o in infusione al giorno per ottenere questi effetti commentati.

Quali composti biologicamente attivi troviamo in Kalanchoe?

  • Quercitrina: possiede una certa attività insetticida
  • Flavonoidi:  proprietà antinfiammatorie e antiossidanti con la capacità di ridurre i radicali liberi.
  • Daigremontianin:  uno steroide con effetto sedativo e che provoca la contrazione muscolare.

In diversi studi scientifici è stato inoltre riscontrato che questo composto, la daigremontianina, ha un effetto citotossico ed è efficace contro alcune linee cellulari tumorali. [ Attività citotossica dei bufadienolidi]

Ciò significa che questo principio attivo può essere infatti interessante contro diversi tipi di cancro, ma in forma pura e praticato in vitro e sugli animali. Ciò significa che al momento non ci sono informazioni sufficientemente gravi per metterle in relazione con gli effetti positivi dell’assunzione quotidiana della pianta per frenare il cancro negli esseri umani.

In sintesi, sono necessarie ulteriori ricerche e test medici, ma sembra che alcuni dei principi attivi della Kalanchoe daigremontiana siano interessanti per la medicina moderna.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.