Suggerimenti

Zahareña: [Coltivazione, cura, parassiti e malattie]

Punti importanti durante la semina Zahareña
  • Quando? La primavera e l’inizio dell’estate sono periodi speciali per seminare e raccogliere i fiori medicinali di questa pianta.
  • Dove? È un piccolo arbusto selvatico dal portamento piccoloche può essere tenuto in vaso e in buona luce in giardino, per sfruttarne le proprietà medicinali .
  • Come prepariamo il terreno? Richiede terreni fertili, con elementi nutritivi di origine organica, buon drenaggio, anche se come piante spontanee , non richiedono troppo.
  • Come seminiamo? Per talea otteniamo in breve tempo dei germogli in vaso che possiamo poi trapiantare nel luogo che vogliamo in giardino.
  • Come paghiamo? Non hanno bisogno di niente di speciale. Terreni ben concimati con drenaggio fluido in vaso. All’aria aperta, vive praticamente allo stato brado senza troppe cure.
  • Quando fioriscono? Inprimaverae anche in estate, i loro steli esili con foglie fini di solito fioriscono.
  • Temperatura ideale? Vivono a temperature comprese tra 20-25ºC in estate e sopportano un massimo di 8ºC in inverno.
  • Come innaffiamo? È conveniente annaffiarle con spruzzi spesso, nei periodi caldi e non si può mai permettere che il terreno si riempia di pozzanghere dopo l’irrigazione.
  • Malattie e parassiti? I ragnetti rossi e le cocciniglie possono attaccare senza pietà la loro piccola struttura vegetale, specialmente nelle varietà più grandi.

Cos’è zahareña?

La Zahareña o Sideritis angustifolia è una pianta perenne molto popolare chiamata anche Rabo de gato , e Terral o Hierba de la almorrana, conosciuta in tutto il mondo per le sue grandi qualità medicinali.

Il Rabo de gato deriva dal modo atipico in cui i suoi fiori sono disposti a mostrare infiorescenze allungate. Cresce, al massimo, circa 30 centimetri (cm).

Ha un portamento legnoso, con un aspetto generalmente biancastro, cresce in regioni montuose di rocce calcaree, con una grande predominanza di luce solare.

Ha una caratteristica unica che lo contraddistingue: fusti dritti da cui sporgono rami con foglie fini, da cui pendono in verticale piccoli fiori di colore giallo intenso. È originario dell’Europa meridionale ed è venuto in Spagna per rimanere.

Ne esistono 150 varietà e si chiama Zahareña perché prevale nelle zone soleggiate con terreni sassosi. È importante chiarire che il genere Sideritis percorre il versante mediterraneo fino alla regione africana e parte dell’Asia, estendendosi dalle Isole Canarie al Caucaso.

Ha proprietà cicatrizzanti, antibiotiche e disinfettanti. Per questo motivo i suoi oli essenziali erano largamente utilizzati nell’antica Grecia per curare le ferite provocate dalle armi di ferro che i soldati ricevevano in guerra. Sideritis significa infatti “colui che è e ha ferro”.

Viene anche usato per eliminare i problemi digestivi, le ulcere vengono curate con dosi frequenti della pianta, così come gli spasmi intestinali. In medicina naturale, con i suoi oli essenziali viene preparato un plasma per curare le ferite della pelle, pulire le vie respiratorie, alleviare la tosse e la congestione nasale.

I suoi fiori vengono raccolti per preparare infusi dalle proprietà curative. La raccolta avviene nello stesso periodo della coltivazione, tra la primavera e l’estate.

Dove lo dobbiamo seminare?

Prospera in regioni montuose selvagge con suoli sassosi e calcarei, ad alto contenuto di calcio . È una pianta rustica, che cresce senza troppe pretese, al punto che si può avere in fioriere e terrazzi.

Non prospera in luoghi freddi, con gelate invernali. Ma nel nostro giardino cresce, purché siano soddisfatte le condizioni ambientali di buona umidità e luce naturale.

E dentro casa deve essere sempre in un ambiente molto luminoso. Ci sono varietà che si adattano ai vasi sospesi, offrendo un bellissimo spettacolo visivo.

Quando dovrebbe essere coltivata la zahareña?

Questo arbusto va coltivato in primavera, ma è molto resistente e si trapianta e si riproduce per talea, non c’è problema a farlo in qualsiasi periodo dell’anno.

Come prepariamo il terreno?

Hanno bisogno di vivere in terreni ricchi di sostanze nutritive e ben drenati. Non è molto impegnativo, perché in realtà questa pianta arbustiva selvatica è rustica, fuoristrada.

La sua fama botanica deriva dalle sue grandi qualità medicinali efficaci. Oltre ad avere il vantaggio che prospera in quasi tutti i terreni ai margini del Mediterraneo.

Come seminare una zahareña passo dopo passo?

La coltivazione e moltiplicazione di questa pianta non richiede grossi problemi. Vediamo come realizzarlo da talee.

  1. Selezionare steli di circa 10 cm e tagliare tutte le infiorescenze e le foglie con una forbice da giardino. Il taglio dovrebbe essere praticamente nudo.
  2. Prendi un vaso precedentemente preparato con un substrato ricco di sostanze nutritive e ben drenante (fori sul fondo del vaso) e pianta circa 2-3 talee nel terreno umido, mai fradicio.
  3. Porta il vaso in un luogo parzialmente ombreggiato e annaffia con parsimonia ogni giorno.
  4. 15 giorni dopo vedrai come i germogli hanno reagito favorevolmente, quindi è il momento di portarli al sole diretto del mattino.
  5. Un buon fertilizzante è conveniente quando ha circa 20 giorni. Quindi ripeti la stessa procedura ogni 3 settimane. Se si tratta di un fertilizzante liquido di origine organica, meglio è.

Di che cure hai bisogno?

La cura di questa pianta generosa, sebbene non così complicata, richiede alcune regole che devono essere rispettate. Vediamo:

illuminazione

All’aperto è il loro stato ideale, possono vivere serenamente sotto il sole splendente e anche in mezz’ombra. Su terrazzi, portici, giardini e in luoghi molto illuminati all’interno della casa possiamo averlo in vaso.

Irrigazione

Dovrebbe essere regolare, ma assicurandosi sempre che il terreno rimanga umido, non fradicio.

Passaggio

Concimare ogni 3 settimane, preferibilmente con un fertilizzante organico in forma liquida. L’humus di vermi è molto efficace.

Fioritura

Il periodo di fioritura inizia in primavera, a metà maggio e dura fino all’inizio della stagione estiva, quando appare una corolla molto appariscente di colore giallo intenso.

Innaffia la pianta ogni giorno in modo moderato, per evitare che marcisca alle radici.

Quali parassiti e malattie attaccano la zahareña?

È molto resistente, come una buona perenne rustica. Ma cocciniglie e acari possono attaccare in periodi molto caldi.

Una buona disinfezione con prodotti a bassa composizione chimica può essere utilizzata su consiglio di esperti del settore.

Bibliografia e riferimenti

  • Berdonces I Serra, Josep Lluís. (2007). Grande enciclopedia delle piante medicinali . Edizioni Tikal. Madrid, Spagna.
  • Obón de Castro, Concepción; Rivera Núñez, Diego. (1991). Le piante medicinali della nostra regione . Editore regionale di Murcia. Murcia, Spagna.
  • Peris Gisbert, Juan Bautista. (2013). Etnobotanica farmacologica valenciana. Università di Valencia. Valencia Spagna. Riprodotto da: https://www.uv.es/ramcv/2013/054_VII_I_Dr_Peris_Conferencia.pdf
  • Fresquet Febrer, José Luis. (2001). Uso popolare delle piante medicinali nelle aree urbane: la città di Valencia. Università di Valencia. Valencia Spagna. Riprodotto da: https://www.uv.es/~fresquet/medciensoc/num2/Plantas_valencia.PDF

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *