Suggerimenti

Non tutti i giardini hanno bisogno di sole: impara a coltivare i funghi

Sapevi che puoi coltivare funghi in casa ? Con l’orto micologico si ottiene una grande quantità di funghi in pochissimo tempo e senza fatica.

La stanza sul retro, il ripostiglio, la cantina, il seminterrato… Hai un luogo buio e tranquillo? Bene, ecco il tuo spazio domestico per la coltivazione dei funghi .

Scopri qui tutto quello che c’è da sapere per mettere in pratica questo hobby curioso, educativo e delizioso.

Ti sorprenderà.

La mini teoria che dovresti conoscere sulle caratteristiche dei funghi

Come sapete, l’ autunno , l’inverno e la primavera sono le stagioni ideali per consumare i funghi (e coltivarli).

Ma potresti non sapere che i funghi non sono piante. I funghi sono funghi, le piante sono piante e gli animali sono animali.

La sua fisionomia, germinazione, necessità e sviluppo sono particolari. Questo è ciò che rende possibile avere un giardino micologico nel luogo più inaspettato della casa.

Per comprendere la loro coltivazione, devi prima sapere come sono.

Come sono i funghi e come si riproducono?

Si stima che ci siano tra due e quattro milioni di specie di funghi.

Alcune decine di migliaia di queste specie producono funghi.

Alcuni di tutti quei funghi sono commestibili.

E alcuni di questi sono seminativi.

Vedete, i funghi commestibili rappresentano una piccola percentuale del totale, ma sono un alimento molto importante nella gastronomia e nella cultura di tutto il mondo. La sua varietà sorprende ogni fan.

Possono essere molto diversi tra loro, sia per forma che per gusto, odore e proprietà nutritive. Ma tutti condividono caratteristiche comuni in misura maggiore o minore.

Devi identificare:

  • Torta o chiedilo . È quel gambo che sostiene il fungo. È più legnoso e può essere più o meno denso e lungo a seconda della specie di fungo e del suo metodo di coltivazione.
  • Cappello . Sta in piedi ed è la parte più carnosa e interessante della cucina. La sua forma, consistenza, dimensione e colore sono molto vari. Nella sua parte inferiore vedrai l’ imenio , un tessuto con una struttura lamellare, spugnosa, tubolare o pieghettata. In questi spazi si formano i milioni di spore microscopiche del fungo.

Come si riproducono i funghi?

Ti interessa sapere questo se vuoi coltivare funghi in casa.

Le spore sono come i semi delle piante. Dalle spore liberate nasceranno nuovi funghi che, in seguito, svilupperanno funghi.

Guarda questo: i funghi sono la parte feconda del fungo , non il fungo stesso. Il fungo è nel terreno e, quando è il momento di riprodursi, sviluppa il fungo.

In altre parole, il fungo è per il fungo ciò che il frutto è per l’albero.

Quando le spore atterrano su un substrato adatto, germinano e formano un filamento ramificato chiamato ifa .

Man mano che i milioni di ife crescono, formano un groviglio di fili, il micelio .

Cos’è il micelio?

Il micelio funge da radice del fungo. Da esso, quando verrà il momento, germoglierà il corpo del fungo, che è ciò che ci interessa.

Qual è la conclusione? Per coltivare funghi in casa , i semi del tuo orto biologico possono essere spore o miceli.

Quali tipi di funghi puoi coltivare in casa?

Ci piacciono i funghi e ci sono molte varietà e modi per gustarli. Con poche eccezioni, è possibile coltivare le principali varietà di funghi su piccola scala.

Questi sono i funghi più usati:

  • Fungo parigino ( Agaricus bisporus )

Il sano champignon il fungo più conosciuto. Con un cappello bianco arrotondato e appiattito e un piede corto, è molto usato in cucina. È a crescita rapida e facile da coltivare.

Il fungo bianco è la varietà di funghi più coltivata in Spagna. Ti sei mai chiesto da dove viene? In questo video lo spiegano molto bene:

  • Fungo Portobello ( Agaricus brunnescens )

Questa specie di fungo ha la stessa forma di quello di Parigi, ma di colore marrone chiaro. È considerato un po’ più selezionato del precedente e ha un gusto più delicato, particolare e dolce e una consistenza più carnosa.

  • Fungo ostrica o fungo comune ( Pleurotus ostreautus )

Il secondo fungo più consumato cresce a grappoli su tronchi e ceppi d’albero, dai quali emerge con il piede in posizione laterale.

È di colore marrone chiaro o grigio e la sua polpa è soda e dal sapore dolce ma molto caratteristico.

  • Fungo di cardo ( Pleurotis eryngii )

Ha un piede grosso, alto, a forma di campana e un cappello marrone piatto e rotondo. La sua carne, densa e tenera e dal sapore delicato e leggermente dolce, acquista potenza man mano che cuoce.

  • Fungo di pioppo ( Agrocybe aegita )

È un fungo di facile coltivazione che cresce in natura sui tronchi degli alberi, a grappoli. Il suo piede è lungo e il cappello arrotondato e appiattito è color crema. Ha un sapore intenso, con un tocco fruttato.

  • Shiitake ( Lentinula edodes )

Il famoso e sempre più ambito shiitake arriva dall’est asiatico (Cina, Giappone). Ma puoi coltivare funghi shiitake nel tuo giardino micologico urbano.

Il gambo è fibroso e duro. Il cappello è arrotondato, leggermente appiattito e di colore marrone. Il suo sapore è molto intenso, quindi viene utilizzato in piccole quantità e quindi non sarà necessario creare un raccolto “grande” per avere abbastanza funghi.

  • Enoki o enokitake ( Flammulina volutipes )

Grazioso, dall’aspetto delicato, l’ enoki asiatico è stato introdotto nella nostra cucina attraverso piatti orientali.

Cresce in densi grappoli con fusto molto lungo e sottile. Il cappello è piccolo, quasi un bottone all’estremità dello stelo. L’intero fungo è di colore bianco come la neve, se viene coltivato nell’oscurità totale.

Il suo sapore è delicato, con un tocco di frutta secca.

Forse vi mancheranno in questa lista i finferli o robellón ( Lactarius deliciosus ) e il fungo zucca ( Boletus edulis ). Sono due dei funghi selvatici più apprezzati in Spagna.

Si possono coltivare finferli e Boletus edulis ? La verità è che lo fa, ma non è una forma di fungicoltura molto efficiente. Devi avere un giardino con alberi maturi o un appezzamento di bosco e armarti di pazienza.

Tanta pazienza per aspettare diversi anni prima che i funghi germoglino.

E qui intendiamo spiegare come avere una coltivazione di funghi facile e veloce in casa, garage, cantina o cantina. Vediamolo.

Cosa serve per coltivare funghi?

La coltivazione dei funghi è la più diffusa tra gli appassionati di fungicoltura su piccola scala. Pertanto, ci concentreremo sullo spiegare come coltivare i funghi in cantina, in cantina o in casa .

Le linee guida di base sono le stesse o simili per i funghi più comuni, anche se i tempi, le esigenze di umidità e temperatura, nonché le caratteristiche del substrato possono variare.

Di cosa hai bisogno per la coltivazione domestica dei funghi?

La coltivazione dei funghi è poco impegnativa per materiale o utensili.

La cosa buona dei funghi commestibili più comuni è che crescono abbastanza velocemente e in luoghi bui che non potrebbero essere usati per coltivare verdure.

Vale a dire, se ti penti di non poter avere un orto urbano perché manca uno spazio luminoso, sei fortunato. Puoi abilitare un seminterrato, una grotta, un garage o anche una stanza buia che hai libero.

Hai bisogno di molto spazio?

La verità è che no.

Come le piante, puoi coltivare funghi in spazi delle dimensioni di un vaso, una scatola (anche di cartone) o un tavolo da coltivazione in legno . La produttività può essere piuttosto elevata, il che la rende una coltura molto efficiente.

Le piante hanno bisogno di luce per fotosintetizzare e creare materia organica dagli elementi nel terreno.

Questo non è il caso dei funghi.

I funghi si nutrono di materia organica , non ce la fanno. Ecco perché non hanno bisogno di luce e appaiono in luoghi bui senza grossi problemi.

Ciò significa che è necessario un substrato nutriente , che di solito è una forma di letame, compost, paglia di cereali, segatura o legno in decomposizione.

Comunque sia, l’importante è che questo substrato sia ecologico e naturale al 100% .

I funghi si nutriranno di esso e vogliamo che i funghi siano biologici e sani.

Ci sono kit di coltivazione di funghi sul mercato a casa che includono tutto il necessario. Questi kit possono apparire sotto forma di scatole o proiettili di terra con il seme del fungo, che devi solo piantare secondo le istruzioni che suggeriscono.

Da ognuna di queste balle si possono ottenere diversi raccolti di diversi chili, a seconda delle dimensioni del kit.

Come puoi vedere, è una coltura molto redditizia e produttiva .

Dove trovare il micelio del fungo?

Se utilizzerai un kit per la coltivazione dei funghi, includerà il micelio in grani o in un formato simile. È ciò di cui hai bisogno per crescere.

Un’altra opzione è quella di acquistare separatamente il micelio del fungo da piantare nel proprio substrato.

E un’altra alternativa è inoculare le spore . Questi possono essere trovati nel mercato o puoi provare a prenderli da altri funghi.

Tuttavia, la coltura mediante inoculi di spore è meno sicura, più lenta e i suoi risultati meno affidabili.

Come coltivare i funghi passo dopo passo

Se utilizzerai un kit di coltivazione, sarà più facile per te. Basta seguire le istruzioni che include.

Ma se vuoi imparare a creare il tuo giardino micologico, continua a leggere.

1. Procurati una buona grow box

È preferibile che l’orto sia contenuto in una cassetta o un tavolo per la coltivazione biologica, realizzato con legno proveniente da foreste sostenibili .

Queste scatole non sono trattate con sostanze chimiche inquinanti che potrebbero penetrare nel substrato. Resistono all’umidità meglio del cartone e consentono una traspirazione migliore della plastica.

2. Massimizza l’igiene

Eventuali spore di funghi diversi dal fungo potrebbero contaminare il substrato . Qualsiasi intruso potrebbe colonizzare il substrato e competere con il fungo, farlo ammalare o distruggerlo.

Pertanto, nella fungicoltura è molto importante mantenere una corretta igiene.

Prima di crescere, lavati bene le mani e pulisci gli utensili , compresa la scatola.

Puoi usare un sapone ecologico, alcool o qualche disinfettante naturale.

3. Prepara il substrato per i funghi

Per i funghi, dovresti creare una miscela adatta di paglia, torba, segatura e letame o letame di pollo.

Inizia con un primo strato di paglia di grano (preferibile), orzo o farina d’avena. È una buona idea bollirlo prima dell’uso per evitare la contaminazione con altri funghi.

Distribuiscilo uniformemente sul fondo della grow box occupando un terzo della sua altezza.

Aggiungere un secondo strato di muschio di torba mescolato con un po’ di segatura .

Infine ricoprire l’ultimo terzo con letame di pollo o letame ben sminuzzato .

4. Semina il micelio nei noccioli dei funghi

Devi solo schiacciare il micelio del grano che hai comprato o ottenuto dalla superficie del letame.

Quindi, coprire con un po’ di torba e acqua .

Il substrato deve essere umido , ma non impregnato d’acqua. I funghi apprezzano l’umidità, ma non “essere bagnati”. E non vogliamo che muffe invadenti crescano in nessuna circostanza.

5. Prenditi cura della coltivazione dei funghi

Una volta che la semina è pronta, assicurati di lasciare la scatola coperta in un luogo buio o poco illuminato. L’ideale è coltivare funghi in cantina o in cantina , ma si può anche usufruire di una stanza libera e buia.

Se è quest’ultimo caso, assicurati che il sole non riscaldi le pareti di quella stanza.

Devi annaffiare regolarmente . È meglio farlo con una pistola a spruzzo o un annaffiatoio che con un getto d’acqua. Non innaffiare sui funghi, ma a terra.

L’umidità ideale per questa coltura è del 75-80% . È necessaria anche una ventilazione e una temperatura compresa tra 10 e 30 ° C. L’ideale è intorno ai 17-18ºC .

Circa una settimana dopo la semina, vedrai un pelo bianco sulla superficie della torba. Questo è il micelio in via di sviluppo, che è venuto in superficie.

Buone notizie allora.

6. Raccogli i funghi

In circa tre settimane i funghi saranno germogliati e cresciuti fino ad un diametro adatto al consumo (tra 5 e 8 cm).

Non tagliarli. Per raccoglierli, torcere delicatamente i corpi finché non si staccano dal substrato.

E cosa succede dopo? I miceli che rimangono nel terreno continuano a svilupparsi in tempi diversi, quindi la raccolta continua. Se tutto va bene, puoi raccogliere funghi biologici ogni 7-10 giorni , fino a quando il substrato non ha esaurito i suoi nutrienti.

Ricominciamo da capo?

Funghi e funghi nostrani, potrebbe essere più semplice?

Con questo semplice sistema di coltivazione puoi avere funghi biologici senza preoccuparti della luce solare o di cure complesse.

È facile, veloce ed è molto efficiente. In pochissimo tempo si possono gustare i frutti della terra in grandi quantità e periodicamente .

Con i kit di coltivazione avrai un orto domestico produttivo con cui ottenere un cibo sano e nutriente per tutto l’autunno, l’inverno e la primavera.

Ci racconti le tue ricette con i funghi? Con il giardino dei funghi puoi provarli e ripeterli tutti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *