Suggerimenti

Tannini e le loro proprietà antinfiammatorie, cicatrizzanti, antiossidanti e antisettiche

Il regno vegetale è una grande fabbrica chimica. Qualcosa come una grande azienda farmaceutica, ma non a scopo di lucro. Tra la sua vasta gamma di “prodotti” troviamo i tannini , presenti in un gran numero di piante e con un numero crescente di utilizzi.

Tannini

Provengono dal metabolismo delle piante e sono un tipo di flavonoidi, polifenolici . La sua presenza è facilmente riconoscibile dal sapore aspro, un esempio è il cachi.

Le piante li usano come difesa contro gli erbivori, causando il rifiuto negli animali di consumarli. Ad esempio, il frutto acerbo è ricco di tannini.

Hanno la capacità di far precipitare l’albumina e prevenirne la putrefazione, ecco perché, fin dall’antichità, venivano usati per curare il cuoio.

Le proprietà dei tannini

Non esiste un solo tipo di tannino. Esistono tannini idrolizzabili, complessi, proantocianidine… Ogni pianta crea la sua formula di tannini che agisce in sinergia con il resto delle sue proprietà, sebbene generalmente condividano alcune caratteristiche o indicazioni:

  • Astringente. Conferisce proprietà antidiarroiche, come l’infuso di foglie di mora.
  • Emostatico locale e cicatrizzante. Promuove la coagulazione e la guarigione delle ferite. Per lavare e cicatrizzare le ferite si usano infusi di varie piante ricche di tannini come la salmola.
  • Antisettico locale. La sua capacità di precipitare le proteine ​​conferisce loro proprietà antibatteriche, fornendo valore nel trattamento di ferite e piaghe sulla pelle e sulle mucose. Ad esempio, l’uso della ratania nell’igiene e nella cura dell’orofaringe.
  • Antinfiammatorio e favorente il ritorno venoso. L’uso, orale o topico, di preparati con piante ricche di tannini (amamelide, ippocastano) è molto diffuso nel trattamento di problemi vascolari, come vene varicose ed emorroidi. Alcune proantocianidine inibiscono i mediatori dell’infiammazione, da qui la loro efficacia.
  • antiossidante Hanno la capacità di stabilizzare le specie reattive dell’ossigeno. Ciò fornisce un campo di azione terapeutico molto ampio: danno ossidativo, processi infiammatori e processi degenerativi. Il melograno è un frutto carico di antiossidanti, che deve parte della sua fama terapeutica ai tannini.

Va ricordato: non sono solo i tannini, è l’effetto sinergico dell’intera pianta o del cibo. Ecco perché si verificano casi contraddittori: preparazioni ricche di tannini che hanno un’azione vasocostrittrice, come quelle a base di amamelide, e altre come il vino rosso, che hanno la capacità di bloccare la vasocostrizione.

Dove sono presenti i tannini?

Sono presenti in una moltitudine di piante. Alcuni dei più usati sono nominati sopra: amamelide, ratania, melograno, mora, ecc. Altri alimenti comuni sono: uva e vino rosso, tè, caffè, mele cotogne, cachi, mele, ribes, mirtilli, fragole, spinaci, noci, ecc. Si trovano anche in un gran numero di infusi. La chiave è la durezza e il sapore amaro.

Tannini, ferro e altri minerali

Una proprietà negativa del consumo di cibi ricchi di tannini è la capacità di ridurre significativamente l’assorbimento del ferro e di altri minerali come il calcio. Pertanto, una chiara indicazione al riguardo è quella di separare l’assunzione di cibi ricchi di tannini dall’assunzione di fonti di ferro, generalmente i pasti principali:

  • Non bere caffè o tè fino a 2 ore dopo aver mangiato.
  • Non assumere frutta ricca di tannini durante i pasti principali: mela cotogna, melograno, mela, frutti di bosco, noci…
  • Non mischiare integratori di ferro con integratori ricchi di tannini.
  • Prestare particolare attenzione a queste indicazioni quando il fabbisogno di ferro è aumentato (carenza di ferro, recupero da forti emorragie, malnutrizione, gravidanza).

Precauzioni per il tannino!

  • I tannini sono astringenti, in caso di stitichezza limitarne l’assunzione per regolare il transito intestinale.
  • In caso di gastrite o ulcera gastroduodenale, possono causare un aumento del disagio.

In grandi quantità sono tossici

Prova di questa tossicità è l’evento alla fine degli anni ’80 in Sud Africa, dove morirono centinaia di antilopi. Le acacie, base della loro dieta, essendo minacciate dall’aumento del numero di antilopi, moltiplicarono la produzione di tannini del 250% con esito fatale per loro.

La verità è che le proprietà dei tannini sono molto interessanti. L’importante è la dose e avere il consiglio del medico o dello specialista. .

Ebm

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *