Suggerimenti

Come piantare oleandri nel tuo giardino: [passo dopo passo + guida completa]

 Oleandro (nome scientifico Nerium oleander) È un arbusto con bellissimi fiori che può raggiungere un’altezza fino a 6 metri. 

Il suo fitto fogliame rimane verde tutto l’anno ed è in grado di resistere a temperature molto basse .

È un albero a crescita rapida , appartenente alla specie sempreverde, il cui fogliame denso rimane verde tutto l’anno e i suoi fiori giganti di vari colori come il rosa , il bianco, il giallo o il rosso rimangono vivi anche in qualsiasi stagione.

Si vede praticamente ovunque , dalle rive del Mar Mediterraneo alle leggendarie terre cinesi.

Cresce negli alvei asciutti dei fiumi mediterranei con grande facilità , anche in periodi di grande siccità. Si può osservare in anfratti e torrenti , molto aridi nei periodi estivi.

È anche conosciuto con i nomi di Trinitaria, Laurel de Flor, Baladre o Rosa Laurel.

Si riproduce rapidamente attraverso la tecnica delle talee , il cui periodo ideale per la loro coltivazione è la primavera e l’ estate .

Punti importanti durante la semina degli oleandri
  • Quando seminare? L’oleandro viene piantato tra ottobre e aprile.
  • Dove farlo? Si può infatti adattare a qualsiasi ambiente.
  • Come preparare il terreno? Richiedono terreni ricchi di sostanze nutritive e  ben drenati
  • Come innaffiamo? In terra basta annaffiarla ogni 4 o 5 giorni e in vaso abbondantemente, ma senza allagamenti e giornalmente
  • Come seminiamo passo dopo passo? Il modo migliore è la tecnica del taglio, per ottenere la sua rapida moltiplicazione.
  • Quali parassiti e malattie ha? Può soffrire di necrosi da funghi e attacchi di afidi, cocciniglie , cancro , scabbia o ascochite, tra le altre malattie.    

Quando piantare gli oleandri?

 Predilige i climi temperati  ed è arrivato anche negli Stati Uniti, in Argentina, Uruguay, Colombia, Venezuela e Panama.

L’oleandro viene piantato tra ottobre e aprile, cioè dall’autunno alla primavera , ma gli esperti consigliano di aspettare fino ad aprile per ottenere risultati superiori.

Ma c’è chi consiglia di piantare giovani oleandri nei mesi di agosto-settembre, subito dopo il periodo di fioritura.

Questo perché quando vengono piantate in primavera , la fase di fioritura si accorcia proprio nel primo anno di vita .

Va sempre piantato in luoghi con molta luce solare diretta , in modo che possa crescere.

Gli oleandri hanno una caratteristica unica che li rende davvero speciali: sono altamente velenoso

Sapevi che l’oleandro è una pianta tremendamente velenosa ?
Sì. La più velenosa di tutte le piante , per essere più precisi.

Tutte le sue parti contengono un componente tossico che non dovrebbe mai essere ingerito. Per questo vanno maneggiati con l’ausilio di guanti ed è obbligatorio tenere lontani da loro bambini e animali.

Alcune conseguenze della sua elevata tossicità sono: nausea, vomito, depressione, vertigini, convulsioni e persino aritmia cardiaca.

Nonostante questo, la loro rapida crescita con bassi costi associati , grazie alla loro minima manutenzione , con grandi fiori vistosi che durano tutto l’anno , fanno degli oleandri i preferiti di molti nel mondo.

Dove coltivare gli oleandri?

Può effettivamente essere adattato a qualsiasi ambiente given la sua elevata resistenza e rapida crescita,  ma ha bisogno di più consumo di acqua quando imperversa il clima temperato e di tanta, tanta luce solare.

Piantarla nel punto più soleggiato del giardino è per lei affascinante , con orientamento a sud.

E se viene posizionato vicino a una parete per decorarle , non ci farà fare brutta figura anche perché è capace di adattarsi anche agli ambienti salini.

Nei luoghi dove l’ inverno non è proprio benevolo è meglio averli piantato in vasi o vassoi. In tutte le stagioni, escluso l’ inverno , possiamo averlo sul terrazzo o su un’ampia vetrata , ma non nel periodo dei temporali gelidi o dell’inverno con temperature molto basse.

Come preparare il terreno per piantare oleandri?

Anche gli oleandri, come tutte le specie floreali  richiedono terreni arricchiti di sostanze nutritive e di buon drenaggio per evitare che le sue radici vengano danneggiate .

Per questo motivo questa specie abbonda in luoghi con suoli sabbiosi e calcarei , dove la luce solare diretta la colpisce.

È opportuno scegliere un terreno ricco di humus , con un ottimo drenaggio per evitare che le radici soffrano di umidità stagnante.

Per le piante che vivono in casa , è possibile utilizzare un pacciame o una miscela di terriccio per braccia , terreno per piante e terreno da giardino. I terreni argillosi non dovrebbero essere usati e un fertilizzante multiuso 20-20-20 è molto nutriente.

Non possiamo mai lasciare  il terreno si asciuga completamente,  ma  né che si allaga. 

Tuttavia, questa pianta è così forte che può tollerare e terreni con un alto livello   di pH e un alto contenuto di sale.

Come innaffiamo gli oleandri?

Sulla terra,  è sufficiente annaffiarlo ogni 4 o 5 giorni, ma sempre lì per assicurarsi che il terreno non  sia impregnato d’ acqua o saturo o asciutto.

E se invece di un giardino, lo abbiamo piantato in un vaso dentro casa , dobbiamo spruzzare di tanto in tanto le sue foglie e annaffiare più abbondantemente nella stagione calda . Ogni giorno è la cosa prudente da fare, purché disponiamo di un buon sistema di drenaggio.

Poiché l’Oleandro ricerca il calore, all’interno di un edificio (come pianta da interno ) dobbiamo posizionarlo vicino a una finestra con vista a sud.

E d’ inverno , fuori o dentro casa, conviene annaffiarlo ogni 15 giorni. Anche l’imbottitura dovrebbe essere posta per proteggere il fogliame e le radici dal freddo, soprattutto quando affrontiamo gocce inferiori a 7 ° C, perché morirà.

La temperatura dove si sviluppa al meglio è unica tra 20 e 24 ° C. Ma supporta temperature più elevate.

Forse ti interessa anche: la potatura degli oleandri

Come seminare gli oleandri passo dopo passo?

Il modo più rapido per moltiplicare è la tecnica delle talee .

Il meccanismo di funzionamento è semplice . Le talee vengono solitamente preparate in autunno e ripiantate in primavera .  Vediamo come fare:

  1. Tagliate un ramo di circa 15 cm , eliminate tutte le foglie dalla base e lasciatene solo 4 in cima.
  2. Subito dopo, tagliare a metà la talea e immergere la talea in un bicchiere d’acqua , fino a quando non germoglieranno radici di circa 3 cm.
  3. Pianta la talea in un vaso , dandogli il tempo di attecchire. Dovrai attendere circa due stagioni prima di procedere al tuo trapianto definitivo.
  4. La data ideale per il trapianto va dalla fine dell’inverno all’inizio della primavera , avendo sempre cura che si trovino nel punto più soleggiato del giardino.
  5. Dovresti scavare una buca due o tre volte più larga della zolla . Non dimenticare che è sbagliato seppellire la pianta troppo profondamente. Bisogna evitare che il suo fusto rimanga sotto terra.
  6. Con molta cura devi trasferire la pianta nella buca, spostando il vaso da un lato all’altro, fino a quando non puoi rimuoverlo completamente, senza toccare o intaccare le radici. Una volta estratto completamente, devi metterlo nel buco.
  7. Aggiungi terreno a circa metà della zolla con terreno da giardino, facendo sempre attenzione a non danneggiare le radici.
  8. Innaffia abbondantemente il terreno in modo che si compatta all’interno del foro che hai tappato.
  9. Finisci di riempire gradualmente la buca con altra terra da giardino e aggiungi molta più acqua, senza che si formino pozzanghere. La parte superiore deve essere inumidita ma non ricoperta di pozzanghere.
  10. Se preferisci coltivare più oleandri, dovresti tenerli a circa 2-4 metri di distanza l’uno dall’altro .

Per saperne di più, puoi vedere: Talee di oleandri .

Quali associazioni favorevoli ha?

Nei giardini di solito vendono ibridi con combinazioni spettacolari che consentono la coltivazione di varie composizioni floreali che risalteranno nel giardino.

Quali parassiti e malattie colpiscono l’oleandro?

Come molte specie di fiori , può soffrire di necrosi nei suoi germogli verdi che possono diffondersi all’intera pianta e seccarla se non curata. Questa malattia è causata dal fungo Ascochyta heteromorpha.

Anche cocciniglie e afidi lo attaccano, producendo una malattia chiamata Negrilla e le sue radici possono marcire a causa dello scarso drenaggio o della presenza di Fusarium .

Allo stesso modo, può essere attaccato da malattie come il cancro, la scabbia o l’ascochite , causate da funghi.

Se le sue foglie appassiscono e i grandi boccioli dei fiori non si illuminano, non si aprono, allora è anche malato e se non c’è sviluppo in esso è perché ha bisogno di più acqua per nutrirsi.  Il terreno dove abita l’Oleandro deve essere sempre umido. 

Per questo sarà necessario applicare trattamenti curativi con fungicidi o insetticidi e controllare periodicamente foglie e rami.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.