Suggerimenti

Fichi d’India: [Coltivazione, Irrigazione, Cura, Parassiti e Malattie]

L’ Opuntia ficus-indica è una pianta preistorica originaria della Mesoamerica, antica regione che oggi fa parte del Messico.

Risale alla preistoria, molto prima che gli spagnoli arrivassero nelle Americhe.

Il fico d’india è il cactus con il più alto valore agronomico al mondo. Infatti, l’ Organizzazione delle Nazioni Unite per l’ Alimentazione e l’Agricoltura ha inserito il fico d’India tra i 50 alimenti del futuro.

Fanno poco danno al pianeta e sono molto nutrienti. Viene generalmente coltivato come pianta da orto, oltre che per la produzione di fichi d’india e cocciniglia , uno dei pigmenti naturali più importanti al mondo.

Le prime opuntie introdotte in Europa molto probabilmente crebbero a Siviglia oa Cadice. Da questo punto si dispersero nei giardini delle ville e negli orti botanici.

Punti importanti quando si pianta un fico d’india:
  • Nome scientifico: Opuntia ficus-indica .
  • Nome comune: Chumbera, nopal, fico , fico d’india, palera, nopal de Castilla.
  • Altezza: da 3 a 5 metri.
  • Fabbisogno di luce: Luce diretta.
  • Temperatura: climi temperati e caldi (da 15ºC a 25ºC).
  • Irrigazione: Bassa e moderata.
  • Fertilizzante : fertilizzante organico.

Quali sono le caratteristiche del fico d’india?

Il nopa l è un cactus con un sistema di radici superficiali e carnose. In condizioni favorevoli raggiunge una profondità di 30 centimetri. Tuttavia possono estendersi fino a 4 o 8 metri sotto terra. Il fico d’India ha uno pseudo fusto costituito da cladodi.

Si tratta di succulente di sezioni piatte, più lunghe che larghe, lunghe dai 30 ai 40 centimetri, che raggiungono anche gli 80 centimetri. Una caratteristica importante dei cladodi è la presenza di gemme, o areole, che hanno la capacità di produrre nuovi cladodi, fiori e radici aeree.

Le areole, a loro volta, hanno spine raggruppate. I fiori del fico d’India sono privi di gambo, appaiono solitari sulle areole e compaiono generalmente sul margine superiore delle foglie. Questi possono essere di diversi colori e sono generalmente lunghi da 7 a 10 centimetri.

Il frutto del fico d’India è una bacca carnosa di colore giallo, verde, arancio, rosso o viola . La sua pelle è spinosa, la sua polpa è dolce e contiene numerosi semi . È lungo da 5 a 10 centimetri e ha un diametro da 4 a 8 centimetri.

Quando piantare il fico d’india?

Il periodo migliore per piantare il fico d’India è durante il mese di marzo, quando il clima inizia a diventare caldo. Nel caso in cui la zona abbia inverni miti, la piantagione può essere estesa fino a metà estate .

Dove piantare il fico d’india?

Il fico d’India può essere coltivato in diversi ambienti, da zone aride e tropicali a zone con temperature estremamente rigide.

Tuttavia, l’escursione termica, sia di giorno che di notte, deve essere compresa tra 25ºC e 15ºC.

Allo stesso modo, dovrebbe essere considerata la presenza di fenomeni meteorologici avversi, come gelate, venti di aria fredda e grandinate. In questi casi, sarà fondamentale posizionarlo in un luogo che fornisca la protezione necessaria per prevenire danni.

Il fico d’India , invece, va seminato esposto al sole, in terreni con una profondità minima di 30 centimetri per piccole colture. Nel caso di piantagioni commerciali, questo dovrebbe essere compreso tra 60 e 70 centimetri.

Come preparare il terreno?

Il fico d’India ha la capacità di crescere in diversi tipi di terreno purché abbiano un buon drenaggio. Tuttavia, i terreni ottimali sono quelli a tessitura sabbiosa o limosa, con pH neutro e leggermente alcalino compreso tra 6,5 ​​e 7,5.

Affinché il terreno sia pronto, dovrai prepararti in anticipo. È possibile eseguire lavori di lavorazione profonda per allentare il terreno, migliorare il drenaggio, aumentare l’aerazione e la capacità di trattenere l’acqua.

Nel caso di modifiche del suolo, queste dovrebbero essere fatte prima della semina e sulla base dell’analisi del suolo. Tuttavia, nel caso di coltivazione privata, qualsiasi tipo di fertilizzante organico può essere utilizzato e applicato durante la fase di produzione della pianta .

Come innaffiamo il fico d’india?

Il fico d’India è una specie che si coltiva in condizioni piovose, con piogge durante l’estate. Tuttavia, necessita di un’irrigazione supplementare se il suo periodo di sviluppo coincide con la stagione secca o quando le precipitazioni annuali sono scarse. L’irrigazione dovrebbe essere applicata moderatamente, senza intasare il terreno.

Ogni quanto innaffiamo il fico d’india?

Se il fico d’India è appena stato piantato e si trova in una regione con meno di 300 millimetri di pioggia all’anno, nei primi mesi si dovrebbero effettuare 1 o 2 irrigazioni leggere, da 10 litri.

Allo stesso modo, si possono applicare da 2 a 3 irrigazioni, da 30 a 50 millimetri d’acqua, durante il periodo di crescita. Tuttavia, le quantità e la frequenza dovrebbero essere adattate alle condizioni climatiche locali e al tipo di suolo.

Come piantare un fico d’india passo dopo passo?

Il fico d’india si riproduce principalmente per parti vegetative, che possono essere ottenute da produttori autorizzati. I passaggi per coltivarlo sono i seguenti:

  1. Scegli una pianta madre di età compresa tra 6 mesi e 1 anno, sana, larga 30 centimetri e lunga almeno 20 centimetri.
  2. Disinfettare la racchetta impregnandola con una sostanza composta da 2 parti di calce e 2 parti di solfato di rame trifasico miscelate in 100 litri di acqua.
  3. Lasciarli riposare per 2 o 3 settimane all’ombra.
  4. Scava una buca profonda 10 o 15 centimetri e posiziona lo stelo perpendicolare al sole, da nord a sud, per ricevere più radiazione solare. Nelle regioni calde, dovresti mirare a 40 gradi per evitare ustioni.
  5. Tamponare con decisione dopo la semina e innaffiare leggermente fino a quando il terreno non è inumidito.

Di che cure ha bisogno il fico d’india?

Alcune cure necessarie per coltivare il fico d’india sono le seguenti:

  1. Prenditi cura del gelo e delle temperature inferiori a 5ºC, poiché possono influenzare profondamente le prestazioni e la struttura della pianta.
  2. Proteggilo dalla grandine. Le ferite possono essere sfruttate da batteri e funghi sulla pianta.

Quali parassiti e malattie colpiscono il fico d’India?

Tra alcuni degli insetti che causano affettazioni ci sono la grande cocciniglia, il verme zebra, il verme bianco di cactus e la gallina cieca. Per quanto riguarda le malattie più gravi è l’ispessimento dei cladodi.

Riferimenti

  • http://www.fao.org/3/i7628es/I7628ES.pdf
  • http://www.scielo.org.mx/pdf/agro/v49n1/v49n1a3.pdf
  • https://riunet.upv.es/bitstream/handle/10251/3794/tesisUPV2920.pdf
  • http://iniciativasolidaria.itesa.edu.mx/resources/DCVI/3.%20El%20nopal.pdf
  • https://ciqa.repositorioinstitucional.mx/jspui/bitstream/1025/364/1/Erica%20Patricia%20Sanchez%20Vazquez.pdf

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.