Suggerimenti

Potare i lamponi: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]

Il lampone è uno dei frutti più apprezzati in campo culinario per il suo sapore squisito. Avere una pianta in giardino è un vero vantaggio perché è in grado di offrire la produzione lo stesso anno in cui viene seminata.

Il dettaglio è che si tratta di una specie abbastanza invasiva che ha bisogno di prestare molta attenzione alla sua crescita per evitare problemi.

Ed è proprio quello che otterrai con una corretta potatura, oltre ad ottenere frutti più ricchi e abbondanti. Ti stai iscrivendo per scoprire tutti i segreti della potatura del lampone? Qui li spieghiamo uno per uno.

Perché potare i lamponi?

Uno dei motivi principali che porta ad attuare la potatura dei lamponi ha a che fare con la crescita accelerata che solitamente ha. In questo senso, quando si trascura la potatura, ciò che si ottiene come risultato è una pianta che occupa un’estensione molto maggiore del previsto.

Ciò influenzerà direttamente la qualità e la quantità dei frutti poiché dovrai spendere molte energie in tutti i rami. E questa è un’altra delle considerazioni che si prendono in considerazione per promuovere la potatura come una delle cure fondamentali: la qualità dei frutti .

Un terzo motivo è orientato alla salute della pianta , poiché in tutte le specie è comune che ad un certo punto compaiano aree in cattive condizioni. Attraverso la potatura sarai in grado di eliminarlo e far sembrare la tua pianta in perfette condizioni.

Quando è meglio eseguire la potatura del lampone?

La potatura di questa specie  è consigliata durante il periodo di riposo vegetativo che avviene in inverno .

Si consiglia di attendere gli ultimi giorni per fare in modo che l’innalzamento delle temperature con l’arrivo della primavera stimoli il flusso della linfa.

Pertanto, la pianta di lampone inizierà a guarire rapidamente le sue ferite e genererà forti germogli.

Quali strumenti dobbiamo usare per potare i lamponi?

Essendo una piccola pianta con rami piuttosto sottili, tutto quello che dovete tagliare è normale forbici. Ricorda che è molto importante che questi siano ben affilati e disinfettati in modo da non contrarre malattie.

Ma poiché produce spine, è consigliabile utilizzare guanti e occhiali protettivi per evitare di ferirsi durante il lavoro.

 

Quali considerazioni dobbiamo tenere in considerazione quando si potano i lamponi?

I lamponi, a differenza di altre specie, si distinguono per essere presentati in due tipologie molto diverse per sistema produttivo. Da un lato ci sono quelli che generano una sola fioritura all’anno, che sono in estate , e dall’altro, quelli che possono fiorire due volte l’anno, che sono in autunno.

Poiché hanno fusti di caratteristiche diverse, è essenziale applicare una potatura che si adatti alle loro condizioni particolari , quindi è la considerazione principale.

Come potare i lamponi senza danneggiare la pianta?

Quando arriverà il momento di metterti al lavoro, dovrai seguire i seguenti passaggi a seconda del tipo di lampone in questione.

Lampone di produzione in autunno

La caratteristica principale di questo lampone è quella di poter produrre due volte l’anno: una in autunno e una in estate.

  1. Taglia i gambi più sottili che sporgono dal terreno , questi sono in realtà ventose e non producono frutti. È importante tagliare esattamente a filo del terreno.
  2. Eliminate tutti i fusti che hanno già prodotto un ciclo di frutti a livello del suolo perché non fioriranno più. Non lasciarne alcun residuo perché possono diventare un luogo ideale per lo sviluppo di malattie.
  3. Scartare i gambi che sono in cattive condizioni , malati o appassiti, anche se non hanno prodotto frutti prima.
  4. Pulisci ciò che resta della pianta per fare spazio agli steli produttivi. L’idea qui è quella di selezionare ciò che è nelle condizioni migliori, più lunghe e più resistenti e scartare il resto.

Lamponi di produzione in estate

I lamponi che fruttificano in estate si distinguono per aver emesso una sola produzione all’anno. In questo caso, l’operazione di potatura diventa molto più semplice perché viene eseguita in modo da eliminare gli steli che hanno già generato produzione.

Questo perché quegli steli non sono già in grado di rifiorire, quindi non c’è motivo di lasciarli lì. Vanno eliminati anche i polloni e tutti quelli che ne sono in qualche modo colpiti , siano essi appassiti, secchi o deboli.

Dopo che la pianta inizia a fiorire, vale la pena tagliare alcuni steli in modo che la pianta concentri più energia su quelli che rimangono e produca frutti migliori.

Se integri tutto il lavoro di potatura con il resto delle cure consigliate, godrai di ottimi raccolti ogni anno.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.