Suggerimenti

Agricoltura biodinamica: cos’è? Funziona davvero?

 Agricoltura biodinamica parte dell’idea di creare un sistema di interrelazione tra i tre elementi intervenienti :

  • Piante .
  • Il terreno .
  • Gli animali che fanno parte dell’ecosistema.

L’agricoltura biodinamica è una forma di agricoltura alternativa molto simile all’agricoltura biologica, ma comprende diversi concetti esoterici tratti dalle idee di Rudolf Steiner (1861-1925). Sviluppato inizialmente nel 1924, è stato il primo dei movimenti di agricoltura biologica.

Tratta la fertilità del suolo, la crescita delle piante e la cura del bestiame come compiti ecologicamente interconnessi, enfatizzando le prospettive spirituali e mistiche.

La biodinamica ha molto in comune con altri approcci organici: enfatizza l’uso di compost e materia organica domestica come il compost ed esclude l’uso di fertilizzanti sintetici (artificiali), pesticidi ed erbicidi su suolo e piante. I metodi unici dell’approccio biodinamico includono il trattamento degli animali, delle colture e del suolo come un unico sistema, un’enfasi sin dall’inizio sui sistemi di produzione e distribuzione locali, l’uso del tradizionale e lo sviluppo di nuove razze e varietà locali.

Alcuni metodi utilizzano un calendario astrologico di semina e semina.

L’agricoltura biodinamica utilizza vari additivi erboristici e minerali per il compost e gli spray in campo; Questi sono preparati con metodi più simili alla magia simpatica che all’agronomia, come seppellire il quarzo macinato incorporato nel corno di una mucca, che si dice raccolga “forze cosmiche nel terreno”.

Cos’è l’agricoltura biodinamica?  

È noto come un processo di produzione agricola che rispetta i cicli per la creazione delle colture, nonché l’influenza individuale di ciascuno degli elementi che compongono la vita all’interno di questo sistema.

Nell’agricoltura biodinamica tutte le parti giocano un ruolo fondamentale ed è per questo che si pone particolare enfasi nel garantire che tutte siano in condizioni ottimali per offrire prodotti di alta qualità.

Poiché è inquadrato nell’agricoltura biologica , è comune che all’interno dei suoi processi di lavoro l’ uso di sovesci , l’attenzione sia rivolta alla cura del suolo , al modo di attaccare i parassiti , al metodo di semina, tra gli altri.

 

Come funziona l’agricoltura biodinamica?  

Uno dei principali precetti per il funzionamento dell’agricoltura biodinamica è la valutazione win-win (win to win) tra uomo e suolo. Significa che non si basa su uno sfruttamento accelerato delle risorse.

Se ci fermiamo ad osservare l’ origine della parola biodinamica , possiamo stabilire che la fonte del funzionamento si basa sull’energia che muove la vita , poiché questo è il metodo che la natura ha utilizzato individualmente per fornirci sempre.

È quindi per questo motivo che operiamo secondo un calendario di semina , dove si tiene conto non solo della caratterizzazione del terreno e dei tempi di coltivazione, ma anche di altri aspetti come l’influenza della luna, delle stelle e delle stelle.

 

Preparazioni biodinamiche e preparazione di fertilizzanti organici

Poiché nell’agricoltura biodinamica tutti gli elementi concorrono per ottenere i risultati , è logico pensare che anche i prodotti utilizzati per favorire gli elementi nutritivi del terreno abbiano uno specifico processo di preparazione .

È in questo senso che diventa così importante conoscere l’esatto procedimento per l’utilizzo dei preparati biodinamici , poiché tutti hanno un uso e una funzione ; così come il fertilizzante organico.

A tal fine, Rudolf Steiner ha presentato alle parti interessate i 9 preparativi di base per far produrre il terreno alla sua massima capacità.

Per classificarli li ha elencati dal numero 500 al 508 e poi vedremo i dettagli di ciascuno.

   

Sterco in corno

Si prepara  con letame bovino che è posto sulle corna di mucca durante il periodo autunnale .

Questi vengono interrati in un buon terreno , privo di agenti che ne disturbino lo sviluppo (come muri, radici profonde, biocostruzioni , ecc.) e vengono lasciati riposare fino alla primavera.

Dopo questo, la preparazione viene rimossa dalle corna e conservata in un luogo fresco e asciutto per essere utilizzata al momento della semina . Le corna possono essere pulite e riposte per un uso successivo.

   

Silice in corno

Il passo iniziale è quello di posizionare il silicio macinato nelle corna di mucca (qui le corna non dovrebbero essere riutilizzate a causa delle proprietà chimiche in cui si sviluppa il preparato ). Questi verranno lasciati riposare nel terreno per 6 mesi.

Quando lo si utilizza a terra, va mescolato con acqua in modo da ottenere un liquido lattiginoso. È preferibile che il suo utilizzo venga fatto durante il pomeriggio, quando il sole non brilla più così forte.

achillea

La preparazione dell’achillea si effettua con l’utilizzo dei suoi fiori che vanno raccolti , preferibilmente, in una giornata molto soleggiata . Questi sono posti in una vescica di cervo e lasciati riposare al sole.

Per completare il processo, dovrai seppellire la vescica e lasciarla fare il suo processo per 6 mesi , poiché durante essa è incluso l’ inverno .

   

Camomilla

Questa preparazione si ottiene con i fiori di camomilla , che vengono raccolti e lasciati essiccare all’ombra.

Durante questo periodo vengono leggermente inumiditi con un infuso ricavato dalla stessa pianta e introdotti nell’intestino di una mucca sana.

Il risultato sarà interrato per tutta la stagione e si prevede che arrivi la primavera per estrarlo. Il suo risultato aiuterà il terreno ad ottenere un buon humus .

Ortica

Per questa preparazione, vengono utilizzati gli steli e le foglie dell’ortica che vengono interrati in una cassetta di legno o di torba per evitare il contatto diretto con la terra.

Per ottenere i risultati attesi, la decomposizione deve essere consentita per un anno intero.

Per saperne di più : Come preparare la poltiglia di ortica

   

Quercia

In questa preparazione sono necessari due ingredienti principali : pezzi di tronco di una quercia non molto vecchia e il cranio pulito di un ruminante.

Il procedimento consisterà nello schiacciare il tronco e l’ottenuto verrà inserito nel cranio che verrà coperto e interrato in autunno per farne uso durante la primavera .

Dente di leone

Qui verranno utilizzati i fiori di tarassaco che devono essere raccolti all’alba , prima che aprano i petali più interni.

Questi fiori vengono inumiditi con un po’ di infuso ricavato dalla stessa pianta e avvolti in un pezzo di mesentere bovino che verrà interrato fino alla prossima primavera.

   

Valeriana

La sua preparazione è molto semplice e si ottiene premendo le foglie di questa pianta per estrarne tutto il succo . Questo verrà lasciato riposare in bottiglie scoperte per 5 o 6 settimane.

Per completare l’opera, le bottiglie verranno coperte e riposte in un luogo buio, estraendo quanto necessario per ogni utilizzo.

coda di cavallo

L’ultima preparazione è a base di equiseto . Questo si ottiene con un infuso ricavato dai suoi steli.

È importante notare che la raccolta di questi steli dovrebbe essere fatta con abbastanza sole e allo stesso modo verrà applicata a terra poiché è benefica in estate , autunno e primavera.

Fertilizzante organico

Questo sviene dal resto perché è ottenuto da resti di animali , avanzi di cibo o qualsiasi altra fonte di origine naturale. 

La sua fabbricazione può essere fatta in modo semplice e casalingo, anche se per questo è necessario avere del tempo per ottenerlo.

   

È in questo senso che allora si può pensare che il compost organico si possa ottenere attraverso diversi processi . Tuttavia, uno dei metodi che è più semplice e più sicuro è il seguente:

  1. Posiziona un contenitore con un buon fondo e apri dei fori in tutte le aree per farlo respirare.
  2. Metti circa 10 cm di terreno.
  3. Successivamente, verranno collocati tutti i rifiuti organici di casa, come gusci di verdure , avanzi di caffè o tè, alcune foglie verdi avanzate, ecc.
  4. Sono questi resti taparán con un po’ più di terra.
  5. È importante che il composto venga mescolato dal basso verso l’ alto ogni due settimane , in modo che il tutto diventi omogeneo.
  6. È normale che compaiano dei vermi bianchi che si occuperanno della decomposizione della materia organica .
  7. Quando odora di terra umida ed è piuttosto scuro, è pronto.

L’agricoltura biodinamica è vera o è una frode?

Questa è una vera pratica che ha dato ottimi risultati in tutto il mondo, motivo per cui la sua applicazione sta diventando sempre più comune .

La realtà mostra anche che la crescita demografica influenzerà sempre di più il territorio in modo peggiore , motivo che rende obbligatorio utilizzare un meccanismo più sostenibile per lavorarli, rispettandone i cicli.

Per maggiori informazioni, lasciamo alcuni link ad articoli scientifici:
  • L’agricoltura ecologica e la sua influenza sulla prosperità rurale: visione di una società agraria (Murcia, Spagna).
  • Analisi degli stili di agricoltura biologica.
  • Agricoltura ecologica: un’alternativa allo sviluppo sostenibile nelle campagne messicane.
  • Cos’è l’agricoltura biodinamica? 
  • Il concetto di agricoltura biologica e la sua idoneità a promuovere lo sviluppo rurale sostenibile.

Vantaggi e svantaggi dell’agricoltura biodinamica

Come tutti i processi vitali, anche l’agricoltura biodinamica presenta alcuni aspetti positivi e negativi .

Vantaggio  che di seguito si riassumono: 

  • Cura e mantenimento del territorio come fonte originaria di produzione alimentare.
  • Rispetto per tutti gli elementi coinvolti nel processo e non solo per l’interesse dell’uomo ad ottenere il proprio cibo.
  • Ottenere prodotti molto più sani che aiutino le persone che li consumano ad avere un migliore stato di salute.
  • Puoi evitare di aumentare la deforestazione .
Svantaggi:

Ma ha anche avuto la sua opposizione , soprattutto in campo scientifico, dove è stato sottolineato che queste procedure  non sono in alcun modo verificabili .

Il fatto è che l’agricoltura biodinamica cerca di promuovere un nuovo metodo di semina e trattamento del bestiame la cui idea principale è quella di migliorare le proprietà del cibo ottenuto , senza trascurare il benessere della terra.

   

Storia dell’agricoltura biodinamica

L’agricoltura biodinamica è stata il primo tipo di agricoltura biologica moderna.

Il suo sviluppo iniziò nel 1924 con una serie di conferenze sull’agricoltura tenute dal filosofo Rudolf Steiner a Schloss Koberwitz, in Slesia, in Germania (oggi Kobierzyce, in Polonia).

Queste conferenze, la prima presentazione conosciuta dell’agricoltura biologica, si sono svolte in risposta a una richiesta degli agricoltori che hanno osservato il degrado delle condizioni del suolo e il deterioramento della salute e della qualità delle colture e del bestiame in conseguenza dell’uso di fertilizzanti chimici.

I 111 partecipanti, meno della metà dei quali erano agricoltori, provenivano da sei paesi, principalmente Germania e Polonia. Le lezioni furono pubblicate nel novembre 1924; la prima traduzione inglese apparve nel 1928 con il titolo The Agricul

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *