Suggerimenti

Seminare il coriandolo: [coltivazione, cura, suolo, irrigazione e parassiti]

E l coriandolo, e come lo zafferano , è una di quelle erbe che esalta il sapore dei tuoi pasti  troppo per ignorarlo e non crescono nel vostro giardino .

Veramente.  Piantare il coriandolo è facile e ancora di più se segui i passaggi che ti indichiamo .

Leggi questo articolo (massimo 5 minuti) . Mettilo in pratica. Raccogli il coriandolo ECOLOGICO e SENZA PESTICIDI  per la tua cucina

La semina del coriandolo passo dopo passo:
  1. Quando? Inizio primavera o inverno .
  2. Dove? Luogo che riceve il sole per la maggior parte della giornata.
  3. Come prepariamo il terreno? Ben mescolato, con un PH compreso tra 6,2 e 8.
  4. Come otteniamo i semi? Certificati di un vivaio locale o di un negozio specializzato.
  5. Come li piantiamo? Quasi poco profondo, 5 mm di profondità.
  6. Che separazione lasciamo tra i semi? Due o tre semi ogni 15-20 cm.
  7. Come innaffiamo? Con gocciolatoio, ideale.
  8. Quante volte? Il coriandolo ha bisogno di umidità, ma senza soffocare la pianta.
  9. Quando raccogliamo? Quando gli steli sono tra i 10-15 cm.
  10. Che parassiti ha? Radici bianche , verme guerriero, acari.

E l coriandolo è un’erba che ha proprietà sorprendenti per il gusto e la cucina internazionale. Per molti può essere un gusto acquisito , mentre per altre società è un condimento indispensabile della gastronomia locale. E nonostante il detto citi coriandolo buono ma non tanto” ci dichiariamo appassionati di questa erba e dei suoi molteplici usi.

Conosciuto anche come coriandolo e prezzemolo cinese , ha visto le sue origini nell’Europa sudorientale e nel nord Africa ma ha rapidamente diffuso la sua popolarità in tutte le parti del mondo grazie al suo forte sapore e potere aromatico , diventando, ad esempio, un elemento molto tipico dei pasti. autoctono latinoamericano.

Oltre alle sue infinite qualità gastronomiche , ha trovato spazio nella bellezza e nei trattamenti alternativi , trovando impiego in oli, infusi, tonici e tanti altri prodotti.

Sono talmente tante le proprietà e gli usi che ha avuto nel corso della storia (dalla conservazione delle carni alla creazione di basi di essenze profumate) che si può dire che ha ben meritato il suo nome , che si traduce come “pianta che fa bene all’uomo” un titolo molto illustrativo.

Come piantare il coriandolo?

Avere il coriandolo sempre disponibile è piuttosto semplice . Sarà una buona aggiunta al tuo giardino delle spezie di casa e non rimarrai deluso dal sapore immenso che darà al tuo cibo, quindi vai avanti!

Scegliere il posto dove piantare il coriandolo

Prima di tutto, è necessario trovare un posto soleggiato in casa dove possa essere piantato. Che si tratti di una porzione di giardino che riceve il sole, o in un vaso sul davanzale o sul balcone, ognuna di queste alternative sarà valida per piantare il coriandolo, che generalmente non sarà molto invasivo o occuperà grandi porzioni di spazio.

Molte persone scelgono persino di averlo in piccoli barattoli di vetro nella loro cucina, purché riceva la luce solare diretta.

Qual è il momento ideale?

Bisogna stabilire il momento ideale per seminarlo, potremmo dire che il coriandolo non ama troppo il caldo.

Quindi fiorisce e muore rapidamente in estate, quindi l’opzione migliore è optare per la primavera o l’inverno per la sua semina e quindi poterla godere un po’ più a lungo. Per i climi tropicali , il coriandolo predilige le stagioni più fresche e secche.

Che substrato utilizziamo?

Per il substrato si consiglia di realizzare un terreno sciolto e ben drenato, con un PH compreso tra 6,2 e 6,8 dove il coriandolo si sente a suo agio, anche se in questo senso non è particolarmente impegnativo.

Si sconsiglia il compost di materia organica poco decomposta.

Compra dei buoni semi di coriandolo

Procurati dei buoni semi di coriandolo , idealmente puoi cercarne di certificati in un vivaio locale . Sfortunatamente, il coriandolo non può provenire dagli avanzi della tua cucina.

Poiché il coriandolo cresce molto velocemente, è consigliabile avere una buona scorta di semi, per sfruttare l’intera stagione.

Come seminiamo i semi?

La coltivazione del coriandolo è semplice.

I semi vengono gettati quasi superficialmente , idealmente a circa 5 millimetri di profondità nel terreno , se non si ha alcun rischio di uccelli o parassiti, è possibile posizionarli sciolti a caso nel vaso prescelto.

È possibile scegliere un vaso o un contenitore che sia almeno 18 pollici (45 cm) di larghezza e 8 a 10 pollici (20-25 cm) di profondità.

Non è consigliabile trapiantare il coriandolo , quindi il vaso deve essere abbastanza grande da sostenere la pianta adulta e stare comodamente nel luogo dove riceverete il sole.

Se invece vuoi seminare abbastanza coriandolo in un campo, ti consigliamo di depositare da 2 a 3 semi separati tra 15 e 20 centimetri , in questo modo avrai una semina importante e ben distribuita.

Se si vuole essere un po’ più ecologici, è possibile seminare il coriandolo in una bottiglia di plastica (idealmente media) o in una lattina, basta aprire dei buchi alla base (con un coltello caldo può essere un’operazione facile) posizionare prima alcune pietre e grana per contribuire ulteriormente al drenaggio e infine aggiungere un buon strato di substrato, dove posizionare strategicamente da 1 a 3 semi in un punto solare adatto.

Di quanta acqua ha bisogno il coriandolo?

Il coriandolo ha bisogno di molta umidità per germogliare, ma senza soffocare il terreno . Assicurati di annaffiarlo costantemente e che il terreno sia sempre umido al tatto , in questo modo vedrai una crescita rapida e ottimale.

Trucco:
Se pianti il ​​coriandolo in un vaso, bottiglia o qualche piccolo contenitore, è preferibile annaffiarlo con uno spruzzatore, controllando frequentemente l’umidità del terreno e della pianta. Questo ti aiuterà a mantenere l’irrigazione più controllata.

Cosa facciamo quando inizia a germogliare?

Il coriandolo cresce con estrema rapidità , non ci vorranno più di qualche giorno per vederlo germogliare e germogliare, nel momento in cui le piante raggiungono i 5 cm di altezza si possono utilizzare dei fertilizzanti per migliorarne le condizioni generali.

È anche consigliabile controllarne la crescita e strappare le foglie e le piante più deboli per rafforzare la tua pianta.

Devi fare attenzione alla presenza di erbe indesiderate che soffocano o influenzano la crescita della tua pianta , controlla spesso che non ci siano erbacce che potrebbero mimetizzarsi.

Poco dopo, le piante di coriandolo inizieranno a fiorire , a quel punto rallentano la loro crescita.

Alcune persone scelgono di recidere i fiori e allungare la vita delle loro piante , ma è consigliabile lasciarle sbocciare per avere semi che possono essere utilizzati in vari piatti da cucina o, in mancanza, seminarli durante la stagione successiva.

Se non raccogli i semi, le piante possono rigenerarsi nascendo nello stesso luogo del loro predecessore, quindi può essere un esperimento interessante per provare tutte le possibilità.

Quando gli steli sono alti da 4 a 6 pollici (10-15 cm) , sono pronti per la raccolta. Taglia 2/3 delle foglie ogni settimana, in quanto ciò incoraggia la pianta a continuare a crescere. In questo modo è possibile raccogliere fino a 4 lotti di coriandolo da un unico vaso.

Lo sapevate…
Se ti piacciono le farfalle, otterrai un incentivo in più piantando il coriandolo, poiché è uno dei preferiti di questi bellissimi insetti. Pianta il coriandolo e in pochissimo tempo vedrai questi visitatori colorati svolazzare nel tuo giardino.

Quali parassiti sono comuni sul coriandolo?

Radici morbide

Si verifica comunemente a causa dello sviluppo di un batterio chiamato Erwinia carotovora che indebolisce le radici della pianta e la rende incapace di stare in piedi, ostacolandone anche lo sviluppo.

Questo batterio è presente nell’acqua quindi la sua presenza è spesso dovuta a un’irrigazione eccessiva e inadeguata.

Per prevenirlo, controllare l’ irrigazione controllando lo stato del suolo e l’umidità dell’ambiente.

Macchie fogliari

Prodotto di un batterio chiamato pseudonomi syringae , sulle foglie si possono vedere macchie nere come lentiggini. Si possono notare anche punte giallastre e un generale decadimento della pianta.

Idealmente, in presenza di questo batterio è necessario scartare gli steli danneggiati e cercare un erbicida naturale che aiuti a combattere il parassita.

Verme guerriero

Con il nome scientifico Pseudaletia unipuncta, questo amante del coriandolo non mangerà solo le foglie e gli steli che trova più succosa, se non che in molti casi lascerà sulla pianta delle uova che poi si schiuderanno in un vero parassita .

Idealmente, procurati un pesticida per vermi più specifico e controlla attentamente la pianta.

Nel caso in cui vogliamo avere successo quando piantiamo il coriandolo, dobbiamo essere molto attenti a questo feroce nemico.

acari

Sebbene il coriandolo sia immune a molti tipi di parassiti a causa del suo forte odore, alcune specie di acari possono esserne attratte. Un pesticida organico ad ampio spettro potrebbe combattere e alla fine risolvere questo problema.

Come si conserva il coriandolo?

Se abbiamo fatto un raccolto molto grande di coriandolo, è probabile che non lo utilizzeremo tutto immediatamente. Essendo una specie, i suoi usi in cucina richiederanno solo piccole quantità, quindi è necessario definire come verranno conservati i gambi senza utilizzare, per questo consigliamo diversi metodi:

  • Tenere i gambi di coriandolo in uno stelo con acqua , lontano dal vapore in cucina, allungherà la loro vita e, se possibile, potete riporre il barattolo in frigorifero per una migliore conservazione.
  • Preparazione in salse : cercate ad esempio una buona ricetta per il pesto di coriandolo o l’hummus di coriandolo, la cui conservabilità è più lunga di quella della sola pianta e possono essere regali spettacolari per chiunque.
  • Congelare : è possibile congelare il coriandolo e conservare ancora molte delle sue proprietà. Per fare questo, dovresti trovare un sacchetto a chiusura lampo o il più ermetico possibile e conservare i gambi tagliati, lavati e asciugati al suo interno. Riponete in frigo e scongelate al bisogno. Sarai sorpreso di vedere come si mantengono ben conservati il ​​suo gusto e il suo odore.
  • Condimenti sott’olio : Puoi fare un trito dei tuoi condimenti più usati (aglio, cipolla, olio, paprika e coriandolo per esempio) e metterlo in vasetti di olio dove sono mantenuti la sua durata e umidità. Puoi anche fare un’alternativa ai sottaceti nelle ricette.
  • Negli infusi e nelle acque di bellezza : ricorda che puoi bollire le foglie e conservare l’acqua con i molteplici benefici per la salute che apporta. Niente è sprecato!

Associazioni buone e cattive

Il coriandolo sta bene praticamente con tutto.

Benefici millenari del coriandolo

La medicina naturopatica che per tanti secoli ha contribuito allo sviluppo della medicina moderna, sta tornando nelle nostre case, e con essa il salvataggio di centinaia di alimenti, erbe e piante con proprietà  per la nostra salute.

È il caso del coriandolo, che nell’antichità veniva addirittura utilizzato come antidoto naturale a certi veleni non proprio letali.

Si ritiene addirittura che abbia la capacità di pulire acque e terreni da alcuni tipi di inquinanti e metalli pesanti. Ma i benefici per il suo consumo sono ancora più sorprendenti:

  • Ha un alto valore nutritivo : quest’erba contiene calcio, fosforo , ferro , vitamine A e C; è a basso contenuto di calorie. Inoltre è ricco di oli essenziali che contengono: decanale, dodecanale, decano, gomma, cerofilene, linanolo, tannini, acido malico, tutti aiutano a regolare e migliorare le funzioni dell’organismo e a migliorare il nostro stato di salute generale.
  • Alleato nella lotta contro il colesterolo : Un modo per abbassare i livelli di colesterolo alto che è altamente raccomandato da alcune nonne è bere costanti infusi di coriandolo, che rilasciando determinati oli, aiuta ad abbassare i livelli di colesterolo nel sangue e l’accumulo sulle pareti interne delle arterie .
  • Aiuta nel trattamento del diabete : si stima inoltre che il consumo di coriandolo aiuti a controllare i livelli di glucosio nel sangue e persino a migliorare i livelli di sensibilità all’insulina.
  • Antinfiammatorio naturale : nel caso di pazienti con artrite reumatoide e infiammazione delle articolazioni, il coriandolo può diventare un grande amico, in molti casi l’olio di semi di coriandolo viene prescritto per combattere l’infiammazione e il dolore in questi casi.
  • Combattere i batteri : un battericida naturale che può essere usato localmente, come infuso o facendo un succo con le piante, per curare ferite o condizioni dermatologiche.
  • Alleato di bellezza : oltre a migliorare la salute dei capelli, della pelle e contribuire alla perdita di peso, il coriandolo attacca anche i batteri che controllano l’alitosi, quindi potremmo concludere che il coriandolo può essere la garanzia di successo di cui tutti hanno bisogno per un primo appuntamento.
  • Afrodisiaco naturale : Tornando al potere amorevole che sta dietro al consumo di coriandolo, può essere un potente afrodisiaco se viene regolarmente inserito nella vostra dieta.Cosa si può chiedere di più?

La medicina cinese ha usato per secoli il coriandolo per il controllo e il trattamento di molteplici disturbi, ecco perché non abbiamo bisogno di verificarne molto i benefici, non aspettare oltre e vai avanti e portalo a casa! Sarai sorpreso di quanto sarà facile averlo sempre a portata di mano.

Sappiamo che apprezzerai il coriandolo fresco e i suoi benefici in tutte le sue forme, quindi non perdere l’occasione di iniziare il tuo giardino delle spezie con queste foglie vibranti e per favore non confonderlo con il prezzemolo nelle tue ricette! Godere.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *