Suggerimenti

Antracnosi: [Identificare, trattare e prevenire questo fungo]

Cos’è l’antracnosi?

L’antracnosi, detta “oliva saponosa” e “macchiata”, è una delle malattie più comuni e pericolose che attacca le piante e si manifesta nei climi caldi e umidi.

Questa malattia è causata da vari tipi di funghi e colpisce allo stesso modo alberi da frutto , foreste, erbe, ortaggi e verdure.

I funghi sono Discula, Septoria, Venturia, Phyllosticta, Marssonina e Colltotrichum .

Sebbene possa essere mortale per un certo tipo di piante, è innocuo per l’uomo perché non provoca alcun effetto negativo sulla pelle, solo alcune macchie sotto forma di gocciolamento che presto scompaiono.

Tuttavia, nelle piante il suo attacco può essere devastante perché produce una notevole perdita di resa e qualità delle colture, riducendo la vita utile delle piante, limitandone così la produzione e la commercializzazione.

La conseguenza di ciò sono grandi perdite economiche per gli agricoltori del campo.

Sondaggio Creato da Opinion Stage

Quali sono le cause dell’antracnosi?

L’antracnosi produce rigonfiamenti sui tronchi e macchie irregolari di vari colori a seconda della parte della pianta interessata.

Quindi, abbiamo che sulle foglie si manifesta sotto forma di macchie che producono buchi, che deformano la pianta, causando anche un problema estetico.

Nel caso dei frutti, stanno diventando grigi.

Altri colori sono nero, rossastro, marrone chiaro o arancione , tutto dipende dal fatto che il fungo colpisca le foglie, i frutti o gli steli.

È una malattia che ha la caratteristica di diffondersi rapidamente, quindi dobbiamo attaccarla in tempo se vogliamo che le colture sopravvivano.

Come possiamo identificare l’antracnosi?

  • Sulle foglie, l’antracnosi di solito appare inizialmente come piccole macchie irregolari gialle o marroni. Queste macchie si scuriscono con l’età e possono anche espandersi, coprendo le foglie.
  • Nelle verdure, può colpire qualsiasi parte della pianta.
  • Nei frutti produce piccole macchie scure e infossate, che possono diffondersi. Con tempo umido, al centro di questi punti si formano masse di spore rosa. Alla fine, i frutti marciscono.
  • Negli alberi, può uccidere le punte dei rami giovani. Attacca anche le foglie giovani, che sviluppano macchie e chiazze marroni. Può anche causare la defogliazione dell’albero.

L’antracnosi non è difficile da identificare, ma l’intero processo di semina deve essere attentamente monitorato.

Essendo una malattia più comune nei periodi di pioggia, con elevata umidità e temperature miti, bisogna essere estremamente vigili quando si verificano queste condizioni climatiche che rendano più celere l’attacco del fungo.

È bene tenere presente che, nonostante il fungo infetti i rami deboli, in Spagna i sintomi si rilevano a maturità.

Quindi, il periodo di follow-up dovrebbe coprire l’intero processo di semina e riproduzione durante tutto l’anno.

Piccole macchie circolari che compaiono sulle foglie

Identifichiamo la malattia all’inizio dalle piccole macchie circolari che compaiono sulle foglie, che diventano più scure con il passare dei giorni, in un processo noto come necrosi.

Se la pianta è debole a causa di uno scarso processo nutritivo, o presenta ferite prodotte da insetti, è più soggetta ad essere attaccata dall’antracnosi.

Quali colture colpisce?

L’antracnosi è detta anche malattia dell’olivo perché attacca soprattutto questo tipo di coltura, ovvero è nemica dell’olivicoltura.

Da questo attacco deriva il soprannome di “oliva saponosa” , perché produce macchie necrotiche sull’oliva fino a farla disidratare e marcire.

L’effetto della malattia è un danno incredibile per la qualità dell’olio d’oliva, che, come tutti sappiamo, è un prodotto di vitale importanza nella cucina europea, soprattutto spagnola.

Colpisce anche gli agrumi , come arance e mandarini, producendo macchie brune circolari, che provocano la defogliazione del prodotto.

Altre colture vittime del fungo sono pomodori e peperoni, dove non fa distinzioni perché attacca sia quelle verdi che quelle mature.

Colpisce soprattutto l’aspetto del prodotto provocando macchie scure che progrediscono fino al marciume del frutto e alla morte dei rami e delle foglie.

Altre piante colpite sono prugne , ciliegie , pesche , fagioli , salici , banane , cipolle , patate , aglio , fragole , cetrioli e meloni .

Come possiamo combattere l’antracnosi?

Non tutto è male. Ci sono buone notizie.

Anche quando un albero è gravemente infetto da antracnosi, non lo ucciderà.

Ma tieni presente che lo indebolisce e lo rende più suscettibile ad altre malattie, lesioni da gelo, stress ambientali come siccità e temperature estreme e danni agli insetti. Per questi motivi, è importante controllare precocemente la malattia.

Tieni d’occhio i tuoi raccolti.

Man mano che l’antracnosi progredisce e le lesioni si sviluppano in quei minuscoli fori di proiettile, vengono facilmente scambiate per danni da insetti e possibilmente trattate in modo improprio.

Rastrella e distruggi le foglie cadute infette da antracnosi

Una buona igiene è, come sempre, la tua prima linea di difesa. Durante la caduta , rastrella e distruggi in sicurezza tutte le foglie cadute da alberi e rose infetti.

In questo modo le spore dell’antracnosi non avranno un posto dove svernare. Rimuovi tutti i ramoscelli e i cancri infetti e disinfetta tutti gli strumenti con una soluzione di candeggina al 10% tra i tagli per evitare che il fungo si diffonda allo stesso albero o ad altri alberi.

Disinfetta gli strumenti

La disinfezione degli strumenti è particolarmente importante. Smaltire in modo sicuro qualsiasi parte della pianta infetta bruciandola o gettandola via.

Clorotalonil e fungicidi di rame possono essere usati come prevenzione. Nel caso degli alberi, sono consigliati solo quando l’infezione è grave e si ripresenta ogni anno, provocando la morte di molti rami.

Il fungicida va applicato sull’albero al germogliamento all’inizio della primavera e ripetuto settimanalmente o bisettimanalmente fino a quando le temperature medie giornaliere superano costantemente i 25°C.

Lascia spazio tra le tue piante o alberi

Come tutti i funghi, l’antracnosi prospera in condizioni umide. Anche se non puoi cambiare il tempo, puoi garantire una buona circolazione dell’aria lasciando ampio spazio tra le tue piante di rose, oltre a potature regolari e adeguate.

Entrambi i modi aiutano il fogliame ad asciugarsi più velocemente dalla rugiada e dalla pioggia. Inoltre, durante l’irrigazione, innaffia solo le radici ed evita di bagnare il fogliame per ridurre la possibilità che il fungo si diffonda.

La lotta all’antracnosi deve realizzarsi in più fasi, dallo studio del suolo al monitoraggio totale della campagna.

Prima di tutto, dobbiamo disinfettare il terreno prima di piantare, migliorando il drenaggio per evitare ristagni d’acqua quando innaffiamo.

È importante rimuovere le erbacce per evitare l’accumulo di acqua e la diffusione del fungo.

Come sappiamo già quale sia il clima favorevole a questa malattia, poiché il vento e la pioggia la diffondono, dobbiamo distanziare i telai di piantumazione, mantenendo l’adeguata separazione tra le piante, ed eliminare le erbe spontanee .

Una volta che il processo è stato completato, è importante mantenere le piante, adottando misure preventive di natura chimica, ma anche colturali.

Potare le piante per drenarle e prevenire la diffusione del fungo

Tra queste misure, la potatura igienico-sanitaria per rimuovere foglie e rami colpiti e rilevare, raccogliere e distruggere frutti malati e foglie, steli e fiori non bagnati .

Una volta completata questa seconda fase, i resti delle piante colpite dalla malattia devono essere rimossi, poiché il fungo rimane attivo per due anni e può verificarsi una nuova affettazione.

Come abbiamo commentato in precedenza, gli strumenti utilizzati nella manutenzione, prima e dopo, devono essere sottoposti a un processo di pulizia , con alcool e disinfettanti, in modo da non contaminare altre piante quando le utilizzeremo nuovamente.

Quali prodotti dovremmo usare?

Gli specialisti consigliano una concimazione adeguata per mantenere la coltura resistente, applicando fungicidi sia in via preventiva che curativa.

Anche se il trattamento varia con il tipo di fungo che colpisce la pianta, l’ estratto di coda di cavallo consigliato come misura preventiva.

Esistono innumerevoli prodotti per attaccare questo fungo, come:

  • Decopry Pot , fungicida contro le malattie post-raccolta.
  • Ossicloruro di rame.
  • Philabuster , ideale per il controllo del marciume in agrumi e pomacee.
  • Cabrio WG , fungicida per olive da tavola, pere e cachi per il controllo dei funghi.
  • Signum , fungicida per combattere i funghi negli ortaggi.
  • Caramba CE, fungicida per la prevenzione delle malattie dell’orzo e del grano .
  • Ticuproxi MC , fungicida organicouprico.
  • Folpan 80 WG, ad ampio spettro, ha attività preventiva.
  • Astoum , per il controllo del marciume.
  • Poltix , protegge da screziature e antracnosi.
  • Xoque , un battericida ad ampio spettro d’azione.

Si consiglia anche la poltiglia bordolese, che è una miscela di solfato di rame, acqua e calce.


Alquera solfato di rame 25Kg


Fungicida polivalente con azione preventiva e…


SUPERCOOPER®.
Bioprotettore -…

Ultimo aggiornamento il 09/06/2021 / Link di affiliazione / Immagini API per gli affiliati


CULTIVERS Rame Ossicloruro 1 l Concentrato …


SVILUPPO MGI – 1 kg di solfato di rame, …

(332)


Fiore-Fungicida Rame liquido Cupper Top 50 cc

Ultimo aggiornamento il 09/06/2021 / Link di affiliazione / Immagini API per gli affiliati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *