Suggerimenti

Cactus d’acqua: quante volte e come farlo

I cactus sono la famiglia delle piante succulente caratterizzata, tra l’altro, dalla loro resistenza alla siccità e dalle spine. Queste piante, il cui nome scientifico è Cactaceae, sono quasi interamente originarie dell’America, e sono molto apprezzate nel giardinaggio e nella decorazione per le loro forme esotiche e la grande resistenza. Tuttavia, nonostante richieda pochissime cure, l’irrigazione è un punto vitale nella sua coltivazione. La maggior parte di loro tollera eccezionalmente bene la siccità, ma i cactus che annaffiano eccessivamente possono rivelarsi fatali.

Se vuoi sapere con quale frequenza e come innaffiare i cactus per prenderti cura dei tuoi, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde dove puoi trovare una guida pratica sull’irrigazione di queste piante popolari.

quanto spesso innaffiare i cactus

Non c’è mai una risposta esatta quando si tratta di conoscere la frequenza di irrigazione dei cactus, questo dipende non solo dal tipo di cactus, ma anche dal substrato e dal clima, tra gli altri fattori. Vediamo i principali fattori di cui tenere conto:

  • Dimensioni del cactus: come tutte le piante succulente, i cactus hanno la capacità di immagazzinare acqua all’interno. Ciò significa che più grande è il cactus, più acqua è in grado di trattenere, e quindi più a lungo è in grado di resistere senza irrigazione.
  • Materiale del contenitore: non tutti i materiali trattengono l’umidità allo stesso modo. Un vaso o un contenitore di plastica, soprattutto se completamente o parzialmente trasparente, lascia entrare i raggi del sole e trattiene molta meno umidità. Il fango invece è poroso e favorisce la traspirazione, ma non lascia passare il sole, quindi le annaffiature saranno necessarie meno frequentemente.
  • Clima: Ovviamente, il clima locale è uno dei fattori più influenti. L’intensità dei raggi solari, l’umidità ambientale e la temperatura sono determinanti quando si tratta di vedere quanta umidità perde il cactus. Nei climi caldi dovrai annaffiare il tuo cactus più spesso, mentre i climi con un’elevata umidità ambientale aiuteranno il substrato a trattenerlo più a lungo, facendoti annaffiare meno.

In conclusione, possiamo dire che bisogna annaffiare un cactus solo quando il substrato si è asciugato oltre lo strato superficiale, poiché le radici non tollerano di essere sempre bagnate, e in caso di elevata umidità marciranno. Questo può significare annaffiare una volta al mese nei mesi invernali per i cactus di grandi dimensioni, fino a due volte a settimana nei mesi caldi e per i piccoli cactus esposti al sole.

Se la tua pianta inizia a raggrinzirsi, perdendo volume come se si stesse sgonfiando, è un sintomo inequivocabile della mancanza di irrigazione nei cactus, quindi dovresti annaffiarla un po’ di più.

Come innaffiare i cactus – suggerimenti

Prendi nota di questi suggerimenti per innaffiare correttamente i cactus e assicurarti che siano sani e crescano bene.

  • Quando si annaffiano i cactus, è sempre preferibile farlo utilizzando un annaffiatoio, possibilmente con un fiore o una piccola punta, che non disperda troppo l’acqua.
  • Acqua cercando di bagnare il substrato attorno al cactus, ma non la pianta stessa. In questo modo permetterai all’umidità di penetrare sotto la superficie senza accumularsi direttamente sulla pianta stessa, che potrebbe attirare l’attacco dei funghi. Nel caso ciò accada, prendi nota di questi fungicidi fatti in casa per i cactus.
  • Con i cactus, è fondamentale che il contenitore in cui si trovano abbia fori di drenaggio, in modo che l’umidità in eccesso possa fuoriuscire attraverso di essi. Idealmente, non dovresti mettere un piattino sotto il vaso o la fioriera, ma, se necessario, rimuovere l’acqua in eccesso 10 minuti dopo l’irrigazione.
  • Se ad un certo punto si opta per l’irrigazione ad immersione per un cactus, ricordarsi di immergere la base del vaso in acqua per soli 10 minuti e poi lasciare il vaso in alto in modo che l’acqua in eccesso possa defluire bene.
  • Innaffia lentamente e al massimo fino a quando l’acqua inizia a gocciolare nello scarico. Non versare grandi quantità d’acqua in una volta, o il terreno si formerà delle pozzanghere e avrai annaffiato troppo quando vedrai l’acqua filtrare.
  • È anche importante non annaffiare mai nei momenti in cui il sole splende direttamente sul cactus, poiché le gocce d’acqua possono avere un effetto ingrandente e far bruciare la pianta dal sole.
  • Il momento migliore per annaffiare è, come per quasi tutte le piante, la mattina presto o il tardo pomeriggio.
  • Usa sempre acqua di irrigazione adatta ai cactus, come spiegheremo di seguito.

Quale acqua usare per innaffiare i cactus – la migliore

Alcuni cactus possono essere tranquillamente annaffiati con acqua del rubinetto, mentre altri non tollerano acqua molto dura o carica di minerali. Questo dipende principalmente dal tipo di impianto e, ovviamente, dal tipo di acqua corrente nella tua zona. Se vedi che il tuo cactus inizia a mostrare delle macchie biancastre, è che l’acqua di irrigazione che usi non è adatta a questo. Qual è allora l’ acqua migliore per l’irrigazione dei cactus?

  • La più naturale è sempre la migliore, quindi l’acqua che fa per te è quella piovana, a meno che tu non viva in una città molto inquinata e la usi prima di doverla filtrare.
  • Se non è possibile raccogliere l’acqua piovana, è meglio ricorrere ad acqua in bottiglia debolmente mineralizzata.
  • Se anche questo non è possibile, dovresti almeno lasciare riposare l’acqua del rubinetto per 24-48 ore prima di usarla per innaffiare i tuoi cactus e ricordarti di non versarla tutta, ma lasciare la parte inferiore nell’annaffiatoio o nel secchio senza usare esso.

Qui ti diamo alcuni suggerimenti su Come riciclare l’acqua piovana per il consumo e Come realizzare un filtro per l’acqua fatto in casa nel caso in cui preferisci filtrare l’acqua piovana nella tua zona prima di usarla sui cactus.

Se desideri leggere altri articoli simili a Cactus d’acqua: quanto spesso e come farlo, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.