Suggerimenti

Piantare il riso in [11 passaggi e con immagini]: la guida di cui hai bisogno

Lo sapevi che s e nessuna registrazione dell’esistenza di a 8.000 varietà di riso , ma l’importo esatto è ancora sconosciuto?

Oppure… cosa rappresenta il riso?  20% del consumo di cibo nel mondo? ?

Inoltre, il riso è presente nella maggior parte delle cucine del mondo. Soprattutto cinese e giapponese ( sushi! )

Semina il riso passo dopo passo:
  • Quando? In autunno e primavera .
  • Dove? Climi in linea di massima tropicali. Il riso cresce con molta luce e con una temperatura ideale di 23º.
  • Tempo di raccolta? Il ciclo può durare un anno intero ed è approssimativamente ogni 3 mesi.
  • Come prepariamo il terreno? Si adatta a un’ampia varietà di terreni. Il pH ottimale per il riso è 6.6
  • Come innaffiamo? All’inizio si consiglia di mantenere un’alluvione nel terreno di almeno 5 cm.
  • Come seminiamo? Qui passo dopo passo.
  • Come raccogliamo?  Circa 2 settimane dopo che il terreno è stato drenato, il riso assumerà un colore dorato. Questo è il momento giusto per il raccolto.
  • Associazioni favorevoli? Legumi ( fagioli , fave , lenticchie , ceci o piselli ).
  • Piaghe e malattie? Piralide del riso , Pericularia oryzae e pudenta .

 

E l la coltivazione del riso è iniziata quasi 10.000 anni fa , in molte regioni umide dell’Asia tropicale e subtropicale .

Si ritiene che sia stato in India dove è stato coltivato per la prima volta, anche se è stato in Cina che la coltivazione si è sviluppata maggiormente .

Attualmente è il cereale più utilizzato per il consumo umano e rappresenta la base della gastronomia di Cina, Giappone, Vietnam, Thailandia e Corea.

Quindi, il 90% degli ettari coltivati ​​nel mondo sono in Asia.

È un cereale di facile coltivazione. Nel seguente articolo vi diciamo il modo più efficiente per piantare il riso. 

 

Quando piantare il riso? Gli appuntamenti

Vogliamo piantare il riso in  autunno e primavera. 

Dove piantare il riso? Temperatura e luminosità

È una coltura tropicale , ma il riso può essere coltivato anche in climi temperati .

Il riso cresce meglio in condizioni di luce intensa e a temperature calde. Se il clima in cui si vive non garantisce lunghi periodi di calore , si consiglia di piantare il riso al chiuso.

Pertanto, scegli un luogo in cui riceva molta luce solare.

 La temperatura ottimale per il suo sviluppo è 23 ºC . Con temperature più elevate, le piante crescono più velocemente, ma i tessuti sono più suscettibili alle malattie.

Per germinare, la temperatura ideale varia tra i 30 ei 35 ºC . Al di sopra dei 40ºC, la germinazione non avviene.

L’optimum per la fioritura è 30ºC . Sopra i 50ºC non si verifica .

 

Come innaffiamo? Umidità

Per quanto riguarda l’irrigazione, bisogna fare attenzione che il livello dell’acqua sia adeguato .

Durante i primi giorni il tasso di umidità deve essere molto alto per proteggere i primi germogli dal freddo .

Si consiglia di mantenere un’alluvione a terra di almeno 5 cm .

Con i primi germogli, la quantità di acqua viene solitamente aumentata fino a 15 cm , anche se alcuni esperti sostengono che questo aumento non è altamente raccomandato.

Man mano che le piante crescono, i livelli di irrigazione dovrebbero essere abbassati per consentire alle foglie di respirare .

Le foglie dovrebbero salire sopra il livello dell’acqua . In questa fase l’acqua può essere rinnovata per ottenere la migliore ossigenazione e temperatura.

Una volta impiantata la coltura , si può utilizzare il dry , che consiste nell’interrompere l’ingresso dell’acqua e far seccare il terreno in misura maggiore o minore.

Questo viene fatto quando la fase di accestimento termina fino all’inizio della formazione della spiga , verso la   fine di giugno e luglio.

Come prepariamo il terreno per la coltivazione del riso? Il substrato e i nutrienti

La coltura si adatta ad un’ampia varietà di terreni , da da molto sabbioso ad argilloso. 

Tuttavia, di solito è coltivato in fine e medio strutturato suoli , tipici delle pianure alluvionali di larghezza e   delta di fiumi.

Il terreno dovrebbe essere leggermente acido e argilloso per ottenere i migliori risultati.

I terreni a tessitura fine rendono difficile il lavoro, ma sono più fertili in quanto hanno un contenuto maggiore di argilla, materia organica e sostanze nutritive.

Nel caso in cui il terreno manchi di ferro , puoi aggiungere solfato di ferro .

 Il pH ottimale per il riso è 6.6 

Dovresti essere consapevole che la maggior parte dei terreni cambia il proprio pH verso la neutralità entro poche settimane dall’allagamento.

Come seminare il riso passo dopo passo

1) Pulisci il terreno

Si toglie le erbacce e resti di colture precedenti e tutti i tipi di residui.

I semi di riso hanno bisogno di tutti i nutrienti e dello spazio che possono ottenere.

2) livellare il terreno

Se utilizzi dei secchi, riempili con almeno 15 cm di terriccio umido.

3) Allaga l’area dove stai per piantare

Tieni presente che è molto più facile allagare piccoli spazi rispetto a grandi spazi, quindi si consiglia di utilizzare i semenzai anche durante la semina all’aperto , poiché in questo modo è più facile gestire e mantenere il raccolto.

 

4) Introduci i semi

Introdurre i semi di riso quando l’acqua è limpida e il fango si è depositato sul fondo La semina va fatta con il terreno allagato alto circa 5 cm.

Aggiungi pacciame al terreno, coprendo leggermente i chicchi di riso.

Il pacciame trattiene l’umidità, che è particolarmente vantaggiosa nei climi molto secchi.

5) Assicurati che il terreno rimanga umido

Se preferisci, puoi mantenere il livello dell’acqua a 5 cm.

6) spargere le piante

Una volta che le piante sono germogliate, seleziona le piantine più sane e forti.  Quando raggiungono i 18 cm, allargali a non più di 30 cm l’uno dall’altro.

Se hai piantato in semenzaio, trapiantali quando raggiungono i 12-18 cm di altezza.

Devono essere piantati su un letto fangoso.

7) Eliminare le erbacce

I terreni allagati favoriscono l’abbondanza di erbe infestanti nella risaia. Rimuoveteli facendo attenzione a non danneggiare le vostre piante di riso.

Le alghe microscopiche e macroscopiche sono comuni nella coltivazione del riso. I danni prodotti da queste alghe dipendono dalla specie e dallo stadio di coltivazione.

In generale, le alghe competono per luce e ossigeno, causando clorosi e avvizzimento delle piantine.

Lo sviluppo di alghe è più veloce la maggiore è la temperatura della acqua e aria.

In caso di avviso della presenza di alghe, si consiglia un trattamento chimico per il suo controllo.

9) Aspetta che il riso maturi

Ci vorranno circa 3-4 mesi . Quando le piante sono alte 17 centimetri, tagliare il flusso d’acqua e drenare l’eccesso.

Nel corso di due settimane, i chicchi di riso vireranno da verdi a dorati. Questo è quando saprai che sono pronti.

Raccolta e raccolta

Il tempo di raccolta ottimale è quando la spiga raggiunge la sua maturità fisiologica. 

Quindi è importante far maturare i chicchi di riso.

Circa 2 settimane dopo che il terreno è stato drenato , il riso assumerà un colore dorato. Questo è il momento giusto per il raccolto .

Taglia i gambi appena sotto le teste , che è dove sono i chicchi di riso. Noterai delle piccole tasche nella parte superiore del gambo, quelle sono le lolle di riso.

Dopo la trebbiatura, il riso può avere un’umidità dal 25 al 30%, quindi deve essere essiccato a un livello di umidità inferiore al 14%.

Per fare questo, avvolgi le bucce in un giornale e conservale in un luogo asciutto e soleggiato per 2-3 settimane.

 

Associazioni di riso favorevoli

Si associano bene ai legumi (fagioli, fave, lenticchie, ceci o piselli).

 I legumi producono aminoacidi che il riso assorbe direttamente. 

Parassiti e malattie comuni

Trivellatore di riso

È un lepidottero originario dei paesi asiatici . Esse provocano lieve marciume e penetrano i gambi fino influenzano il granazón .

Per la sua prevenzione si consiglia di allagare gli appezzamenti durante l’inverno .

Per il suo controllo si può effettuare un rilascio di parassiti naturali dei generi Trichogramma e Apanteles .

Un altro metodo di controllo è l’uso di trappole a feromoni.

Pudenta

È un insetto dell’ordine Hemiptera , meglio conosciuto come la cimice puzzolente.

Trita il chicco producendo delle macchie note con   il nome di “occhio d’uccello”.

Per combatterli , sul lato inferiore delle piante si può applicare sapone di potassio o biodegradabile .

Inoltre, si raccomanda la distruzione della vegetazione dopo la raccolta e nei margini intorno alla risaia.

Un altro metodo di controllo è l’uso di trappole.

 

Pericularia oryzae

È causata da un fungo microscopico che produce una sostanza tossica nota come pericularina , che inibisce la crescita dei tessuti e disorganizzati .

Per il suo controllo si usa la Poltiglia Bordolese , in ragione di 1.200 l/ha ma il trattamento deve essere ripetuto per essere efficace, quindi può essere molto costoso.

Per prevenirlo si possono utilizzare varietà poco sensibili all’attacco del fungo.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *