Suggerimenti

Virus dell’abbronzatura: [Caratteristiche, rilevamento, effetti e trattamento]

Cos’è il virus dell’abbronzatura?

È una malattia presente nelle coltivazioni di pomodoro all’aperto e in serra, che può causare grandi danni economici dopo aver causato la distruzione delle piante.

Appartenente al genere Tospovirus della famiglia Bunyaviridae, è un virus pressoché sferico circondato da un involucro lipidico.

Ha una variabilità genetica che gli permette di superare la resistenza che hanno le piante per controllarlo. E per di più, è anche in grado di adattarsi alle mutevoli condizioni.

Predilige i climi tropicali , subtropicali e temperati. Ma in tutta onestà, questo virus dell’abbronzatura del pomodoro o TSWV (in inglese: tomato spotted wilt virus) è riuscito a diffondersi facilmente praticamente in tutta Europa e riesce a danneggiare circa 550 specie di circa 70 famiglie botaniche.

Il tripide o Thysanoptera (Frankliniella occidentalis) è responsabile della trasmissione di questo virus, che morde una pianta , infettandola. Ciò significa che il virus non ha la capacità di muoversi da solo.

Si diffonde solo con l’aiuto di un insetto vettore che lo acquisisce in una pianta contaminata e lo porta in un’altra, iniettandogli il male. Soprattutto le specie di tripidi vettori di questo virus sono Frankliniella occidentalis o Tripidi del fiore , che ha una grande capacità di fecundadora e il tripide tabaci.

Frankliniella occidentalis è arrivata in Spagna nel 1986, proveniente da substrati o materiale vegetale infetti. E si è manifestata come una piaga a Murcia nel 1988, nutrendosi di foglie, fiori e frutti, grazie ad un perfetto meccanismo di iniezione di saliva nei tessuti vegetali, provocando ferite. 

Una sola femmina è in grado di depositare circa 100 uova, sotto l’epidermide della pianta, danneggiandola. Gli insetti adulti sono solo vettori, quando acquisiscono il virus allo stadio larvale, potendo trasmettere la malattia per tutta la vita, stimata in un massimo di 40 giorni.

Una forma comune di contaminazione si verifica quando i trapianti di piante vengono eseguiti in un ambiente di serra.

Come possiamo identificarlo?

Tra i principali sintomi che indicano l’infezione della pianta da parte di questo potente virus, abbiamo i seguenti:

  1. Le foglie diventano giallastre, color bronzo e riducono notevolmente le loro dimensioni, quelle più vecchie o più vecchie appaiono rugose molto rapidamente.
  2. Proprio nei pomodori e nei peperoni , le foglie sono piene di macchie a forma di arabeschi o incisioni sulle foglie, formate da linee di colore più chiaro.
  3. La caratteristica principale è proprio che le foglie sembrano abbronzate, per via delle macchie gialle allungate e tondeggianti che si mostrano senza pudore.
  4. Ma nella lattuga, ad esempio, c’è necrosi sul bordo delle foglie e piccole macchie marroni rotonde con un alone marrone scuro.
  5. Nei frutti si vedono solitamente macchie rosse, gialle e verdi, che si presentano sotto forma di anelli, sebbene si possa anche verificare una necrosi generalizzata che danneggia completamente il frutto.
  6. Un altro sintomo è l’assenza di produzione di frutta. 
  7. Nel peggiore dei casi, ci sono piante che non mostrano sintomi visibili e che consentono al virus di passare facilmente ad altre colture.
  8. Ecco perché si consiglia di prelevare un campione ed eseguire un test DAS-ELISA per garantire colture sane.
  9. Quando il raccolto raggiunge un alto livello di infezione, è necessario distruggerlo completamente e non seminare nuovamente varietà non resistenti.
  10. I resti delle colture malate devono essere distrutti immediatamente dopo il rilevamento della malattia e quindi applicati un insetticida + un erbicida.

Quali piante colpisce il virus dell’abbronzatura?

Le piante ornamentali , principalmente alberi da frutto, sono una sicura vittima di questo virus TSWV. Ma anche le cucurbitacee e le dicotiledoni sono per lo più danneggiate , così come alcune graminacee.

Gli ospiti preferiti per questo virus sono: patate, pomodori, melanzane, lattuga, indivie e carciofi. Allo stesso modo, può alloggiare in erbacce che fungono da supporto per passare alle colture. 

Di conseguenza, nelle colture di pomodoro, è necessario esercitare un controllo efficace sulla proliferazione dei parassiti e mantenere un corretto processo di sanificazione di tutti gli attrezzi agricoli. Vale la pena notare che la malattia non colpisce i consumatori, solo le piante. 

Come combattere il virus dell’abbronzatura?

È difficile ottenere controlli efficaci, quindi la prevenzione è fondamentale per mantenere sane le piantagioni di pomodoro, uno degli ortaggi più ricercati al mondo.

Ed è che attualmente non esistono prodotti fitosanitari in grado di curare la malattia. Diamo un’occhiata ad alcune pratiche che non dovrebbero mai essere abbandonate.

  1. Manipolazione di semi certificati e precedentemente disinfettati quando non provengono da fonti affidabili.
  2. Acquisizione di varietà resistenti a questo e molti altri virus e malattie, che hanno il loro passaporto fitosanitario.
  3. Effettuare controlli periodici per identificare le piante sospettate di malattia.
  4. Isolamento e distruzione di piante infette. L’ideale è incenerirli. E anche le zone limitrofe vanno eliminate per prevenzione.
  5. Eliminazione del lavoro meccanico per lo sterminio delle erbe infestanti, perché queste infestanti, se contaminate, possono facilmente diffondere il virus alle colture.
  6. Sterminio della peste di tripide, con applicazione di efficaci insetticidi che rispettino la fauna ausiliaria, in particolare l’Orio e l’Eolotripi.
  7. I prodotti vanno alternati, non ripeterli è la cosa migliore per evitare resistenze ad esso.

Quali sono i migliori prodotti per eliminare il virus dell’abbronzatura?

Non esistono prodotti specifici, solo con la corretta adozione di misure preventive è possibile combattere questo virus, così dannoso per le colture di molte colture orticole, molto utile per soddisfare le esigenze nutrizionali di milioni di persone in tutto il mondo.

Tuttavia, alcuni insetticidi per combattere i tripidi sono particolarmente efficaci.

Alcuni nomi commerciali sono: Sunspray, a base di olio estivo-85; Allineare, con azadiractina-3,2; Dicarzolo, con formetanato-50 (T+); Match 5 EC, con luferunón-5 (applicabile solo nei peperoni), tra gli altri marchi che riportano le istruzioni per l’applicazione.

Questi prodotti devono essere combinati con misure preventive e trappole e barriere appiccicose che impediscono, ad esempio, l’ingresso del vettore nella serra. 

Un’altra formula di grande efficacia provata è quella di esercitare il controllo biologico sui tripidi, introducendo predatori naturali che lo uccidano, senza danneggiare le colture o l’ambiente. Per questo vanno preservati gli antocoridi del genere Orius e mìridae, come Dicyphus tamaninii e Macrolophus caliginosus.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.