Suggerimenti

Che cos’è la produzione integrata o l’agricoltura integrata?

Ciao Agrohuerters. Oggi ad Ilgiardinocommestibile spiegheremo cos’è la produzione integrata.  Vedremo anche le sue differenze con l’agricoltura biologica, la sua regolamentazione normativa e la sua evoluzione in Spagna.

Che cos’è la produzione integrata?

La Produzione Integrata è un tipo di agricoltura. Una forma di produzione alimentare simile all’agricoltura biologica.  Presenta somiglianze e alcune differenze con l’agricoltura biologica, ma è più vicina ad essa che all’agricoltura convenzionale o intensiva.

La Produzione Integrata è un tipo di produzione a metà tra l’agricoltura intensiva e quella biologica.   Utilizza tecniche compatibili volte alla tutela dell’ambiente e alla conservazione dell’acqua, dell’aria, del suolo e del paesaggio. Ecco perché la Produzione Integrata può essere il punto di partenza per la «Transizione Agroecologica» o «Riconversione». (La Riconversione : è un cambiamento nel modo di fare agricoltura.

È finalizzato a realizzare la pratica maggioritaria dell’Agricoltura Biologica o Ecologica invece dell’agricoltura con metodi intensivi e l’uso di sostanze chimiche o artificiali).

Grazie ai suoi benefici ambientali, i governi e le istituzioni dei paesi sviluppati promuovono e regolano questo modo di coltivare.

L’obiettivo è arrivare un giorno alla fine di questa “riconversione” e realizzare un’agricoltura sostenibile che raggiunga una produzione sufficiente ma garantisca per il futuro la diversità dell’ecosistema e la conservazione delle risorse naturali, rispondendo nel contempo alle nuove esigenze sociali in materia di qualità dei prodotti (cibo più sano e naturale) e rispetto dell’ambiente.

Differenze tra agricoltura integrata e agricoltura biologica

L’origine della protezione integrata è nella  lotta biologica o lotta integrata , che è uno degli aspetti fondamentali dell’agricoltura biologica. Come questo, cerca la sostenibilità ambientale. Come abbiamo già visto in altri post, la lotta integrata è l’ integrazione di un insieme di tecniche e azioni sulle colture. Mira a ridurre al minimo o eliminare l’uso di sostanze chimiche per controllare parassiti e malattie.

A differenza di quanto avviene in Agricoltura Biologica , in Agricoltura Integrata o Produttiva, è consentito l’utilizzo di prodotti chimici artificiali. Anche se ne viene ricercato l’utilizzo minimo e con limiti o restrizioni previsti dalle normative corrispondenti. Nel caso della Spagna, ad esempio, esistono norme tecniche specifiche per ogni coltura.

L’Unione Europea non ha un quadro giuridico specifico per la Produzione Integrata.  Tuttavia, ogni paese che lo pratica ha standard statali o regionali. In caso contrario, presenta standard stabiliti da iniziative private che cercano di migliorare l’agricoltura e l’ambiente. Normalmente tutti questi standard seguono le linee guida e le definizioni stabilite dall’OILB (International Organization for Biological and Integrated Control).

Produzione integrata in Spagna

La Produzione Integrata Spagnola è regolata dal Regio Decreto 1201/2002, del 20 novembre, lo scopo e la portata riassunti nei seguenti punti:

  • La definizione di standard di produzione e requisiti generali che gli operatori che utilizzano sistemi di produzione integrati devono soddisfare.
  • La regolamentazione dell’uso degli identificativi di garanzia che differenziano questi prodotti per il consumatore.
  • Il riconoscimento dei gruppi di produzione integrata in agricoltura per la promozione di detta produzione.
  • La creazione della Commissione Nazionale per la Produzione Integrata con funzioni di consulenza e coordinamento sulla produzione integrata.

Evoluzione positiva della produzione integrata spagnola

La sensibilità ambientale degli agricoltori e la promozione dell’Agricoltura Integrata da parte di enti pubblici e privati , ha determinato un forte incremento di questo tipo di produzione. In Spagna, infatti, la Produzione Integrata è quadruplicata negli ultimi dieci anni. Attualmente rappresenta il 3% della superficie agricola spagnola. Puoi vedere questo aumento nell’immagine seguente.

Protezione integrata per le colture in Spagna

Per quanto riguarda le colture, la più prodotta in Spagna attraverso l’agricoltura integrata è l’oliveto, con oltre 400.000 ettari. Pertanto, la comunità autonoma con la più grande area dedicata a questo tipo di produzione è l’Andalusia. Questa comunità autonoma supera il mezzo milione di ettari registrati. Segue l’Estremadura, con poco più di 100.000 ettari coltivati ​​secondo i canoni della Produzione Integrata.

Beh… dopo aver parlato in altri post di Agricoltura Biologica e Ambiente , di Agricoltura Naturale , di Permacultura … e di alimenti biologici  (comune in tutte queste correnti), ha una somiglianza fondamentale spiegatemi un po’ è questa la Produzione Integrata poiché, come abbiamo visto, è il passo precedente per raggiungere un’agricoltura e un’alimentazione prevalentemente biologiche.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *