Suggerimenti

Potare una pianta di giada: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]

Sapere come potare una pianta di giada non dovrebbe essere un problema per te perché è un’attività semplice.

Tuttavia, come tutto ciò che implica il giardinaggio, è necessario disporre delle informazioni giuste per ottenere risultati favorevoli.

Le caratteristiche strutturali di questa specie non richiedono la potatura come parte fondamentale della sua cura, ma vale la pena applicarla per averla sempre 10.

Se stai cercando informazioni più specifiche su questo argomento, le avrai nelle prossime righe.

Perché potare la pianta di giada?

La giada viene utilizzata all’interno delle case per scopi ornamentali e il più delle volte occupa pochissimo spazio. Questa realtà motiva che la potatura non è una delle attività della sua cura.

In effetti, è poco impegnativo per quanto riguarda l’assistenza generale, rendendolo un’alternativa ideale per i principianti. Il punto è che come ogni cosa nella vita vegetale, anche la giada può crescere con l’età, diventando un po’ disordinata.

Se vuoi che sia sempre in condizioni ottimali, la potatura è l’alternativa più appropriata per questo scopo. D’altra parte, non perdere di vista il fatto che in momenti molto specifici e poco frequenti è necessario eliminare le parti danneggiate .

Quando è meglio eseguire la potatura della giada?

La potatura della giada può essere eseguita in qualsiasi momento dell’anno se è al chiuso , che è la più comune. Per una maggiore sicurezza, è possibile attendere l’arrivo della primavera (o anche dell’estate) poiché il clima è più piacevole per favorire la ripresa.

Quali strumenti dovremmo usare quando potiamo le giade?

La potatura della giada può essere eseguita con semplici forbici, un cutter o un coltello. Tieni presente che qualunque strumento tu scelga, deve essere molto ben disinfettato e affilato.

Gli strumenti con una lama smussata sono in grado di causare un impatto molto negativo sulle piante perché non applicano tagli netti e talvolta richiedono molta forza.

Quali considerazioni dovremmo tenere a mente quando potiamo le giade?

La pianta di giada è delicata quando si tratta di potatura, quindi non è consigliabile applicare tagli che superino il 30% della sua struttura. In base a questa condizione, un passaggio indispensabile che deve essere compiuto prima di promuovere qualsiasi taglio è definire quali parti devono essere rimosse e calcolare .

Dopo di lì, devi tenere conto di come sarà la pianta alla fine della potatura, perché il desiderio è che appaia bella e non sbilanciata.

Come potare una giada senza danneggiare la pianta?

La potatura della giada verrà effettuata in pochi passaggi ma ricordando sempre l’importanza che questi vengono dati secondo preventiva pianificazione :

  1. Taglia quei rami che sembrano molto deboli . Una delle principali caratteristiche che possiede la giada è orientata all’accumulo di acqua che effettua nelle sue foglie. Questo fa sì che acquisiscano un certo livello di peso e, quindi, hanno bisogno di un supporto sufficiente per non cadere. In questo caso i tagli vanno effettuati proprio nel punto in cui il ramo secondario si unisce a quello principale.
  2. Taglia le foglie singolarmente se il tuo obiettivo è migliorarne l’aspetto . Questa azione ti impedirà di eliminare più parti di quanto dovresti e sarai in grado di agire con molta più sicurezza.
  3. Controllare la disposizione dei rami rimanenti per assicurarsi che ci sia un buon flusso di luce e ventilazione all’interno della giada . In caso contrario, procedi a potare un ramo che è molto vicino a un altro e sta causando problemi.
  4. Scartare tutte quelle parti che sono note per essere in cattive condizioni di salute . A volte questa condizione è causata dal fatto che i rami sono troppo lunghi e la distribuzione dei nutrienti è scarsa. Pertanto, le foglie ingialliscono e fanno sembrare la pianta di giada non molto vigorosa.

È importante sapere che le piante di giada che hanno meno di un anno non hanno ancora una struttura solida, quindi non devono essere potate. Il tronco o ramo principale, invece, è la fonte di comunicazione tra le radici e il resto della struttura, quindi non va potato se non per motivi di salute.

Quando si tratta di potare la giada, ci sono alcune considerazioni da tenere in considerazione che potrebbero non essere necessarie in altre specie. Ma ciò non toglie nulla alle possibilità che lo farai molto bene, anche se è la prima volta. Questa specie si riprende molto rapidamente, quindi non aver paura di pulirla quando lo ritieni opportuno.

  • Jade Care: [Terra, umidità, potatura e problemi]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.