Suggerimenti

Parassiti e malattie della lavanda: [rilevamento, cause e soluzioni]

La lavanda è una delle piante più utili in giardino perché oltre a fornire un aroma squisito, ha proprietà molto benefiche.

Ha la proprietà di adattarsi senza problemi a quasi tutti i terreni e condizioni climatiche, il che gli consente di essere visto frequentemente nei campi.

Essendo una pianta piuttosto rustica, la sua capacità di affrontare parassiti e malattie è un punto a nostro favore. Tuttavia, per garantire che sia sempre in perfette condizioni, è meglio prendersene cura come merita e qui ti diremo cosa potresti affrontare.

Larve di cecidomide

Le larve di cecidomidi attaccano frequentemente le colture di lavanda, specialmente nei periodi caldi della tarda primavera e dell’estate .

È una piaga che nella sua età adulta è simile a una zanzara, alata e quindi vola nell’aria.

Tuttavia, nella loro fase larvale (che è dannosa per le piante), si nascondono nei germogli, causando forti danni ai fusti , e possono porre fine alla loro vita. Essendo di dimensioni molto ridotte e facili da nascondere, l’attacco alle larve sarà rivolto agli adulti per evitare la proliferazione delle uova.

In alcuni casi, l’uso di trappole può essere utile per controllare il numero della popolazione.

Marciume radicale

Il marciume radicale è causato da un’ampia varietà di funghi e, come suggerisce il nome, ciò che provoca è il marciume delle radici della lavanda.

Questo marciume influenzerà ovviamente la pianta perché assorbono i suoi nutrienti dalle radici.

Per questo motivo, i cambiamenti nella struttura inizieranno a essere notati come foglie che smettono di essere verdi per ingiallire o, nel peggiore dei casi, grigie.

D’altra parte, la crescita della pianta non corrisponde al tempo secondo la data in cui è stata piantata perché diventa carente. 

Il marciume radicale si verifica più frequentemente quando la lavanda viene piantata in terreni poco drenati, dove l’acqua tende a ristagnare. È per questo motivo che sebbene sia adattabile intorno alla struttura generale, è importante garantire che l’acqua scorra bene

Per garantire ulteriormente che il marciume non influisca sulle radici, è buona norma disinfettare il terreno dove avverrà la semina Questo perché dopo l’attacco è abbastanza complesso arrivare ad eliminarlo.

Bruchi di lavanda

È una specie di parassita che ha una preferenza molto evidente verso le colture di lavanda.

Il suo colore è verde, ma ha la proprietà che la testa è denotata con un colore molto più scuro e si nota se si presta attenzione alla pianta .

La principale fonte di cibo sono le foglie, che lasciano evidenti morsi dopo aver attraversato le zone colpite. Il trattamento deve essere effettuato con prodotti naturali con effetti insetticidi, come l’ estratto di aglio .

Quando il parassita non è molto numeroso sarà anche possibile allontanare alcuni bruchi utilizzando una pinza o raccogliendoli con le mani guantate.

Malattie virali

Le malattie causate da virus non sono molto frequenti nella lavanda, ma quando attaccano possono causare la perdita totale del raccolto .

I virus hanno la proprietà di trasmettersi attraverso l’azione che alcuni parassiti svolgono sulla pianta. Cioè, ci sono parassiti che sono portatori .

Per questo motivo è molto più importante tenerli a bada, poiché ciò consente di evitare contagi che possono danneggiare fatalmente le piante. Inoltre, i virus tendono anche ad entrare attraverso le ferite che sono state generate nelle piante a seguito della potatura, quindi l’uso di strumenti disinfettati è fondamentale.

Cocciniglia cotonosa

È uno dei parassiti più facili da identificare nelle colture perché il colore bianco del suo corpo contrasta perfettamente con il verde delle piante .

Deve il suo nome al fatto che è costituito da un guscio che è ricoperto da una specie di lanugine dall’aspetto morbido, simile al cotone.

Sebbene il suo punto focale principale sia orientato alle piante da frutto, quelle ornamentali e aromatiche non sfuggono alle sue possibilità di attacco.

Si nutrono della linfa delle piante , che estraggono mediante aspirazione, provocando piccole ferite, soprattutto sulle foglie. È importante notare che il problema non finisce qui, ma la cocciniglia produce anche una melata che attira le formiche e può aiutare alcuni funghi a stabilirsi.

Tutto ciò porta alla chiara conclusione che la sua azione è molto dannosa per le colture. Per cercare di evitare che raggiungano le piante, esistono dei rimedi che solitamente danno ottimi risultati, come ad esempio mescolare il sapone di potassio con l’acqua Sarà inoltre possibile applicare trattamenti preventivi con olio di neem .

coleottero melighetes

È un parassita che non si vede molto frequentemente nelle piante di lavanda ma la cui azione è focalizzata sui loro organi riproduttivi.

Ciò significa che dopo la sua comparsa, il processo di impollinazione può essere seriamente compromesso , impedendo alle piante di riprodursi naturalmente.

Sebbene non uccida le colture, poiché è possibile che accada con altri tipi di parassiti, non può essere trascurato. I coleotteri sono molto difficili da vedere perché sono lunghi solo circa 2 mm, il che rende la loro individuazione un compito complesso.

Pertanto, la migliore azione che possiamo intraprendere contro di essa è la prevenzione, che avverrà lavando periodicamente la pianta con acqua e sapone L’aceto è anche un buon repellente per i coleotteri, ma il suo uso è consigliato quando ci sono segni che stanno comparendo.

Prendersi cura di una pianta di lavanda è un dono della natura perché non è impegnativo e riempie ogni ambiente di allegria e buon profumo, motivo per cui è una delle piante preferite della primavera .

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.