Suggerimenti

Azoto in giardino: [Concetto, vantaggi, vantaggi e svantaggi]

L’azoto è uno dei tre macronutrienti più importanti nello sviluppo delle colture.

Il suo assorbimento può essere effettuato dalle piante dal terreno, grazie al fatto che comunemente si ottiene dopo la mineralizzazione dei resti in decomposizione.

Tuttavia, queste quantità non sono sufficienti per soddisfare la domanda che solitamente hanno le piante ed è per questo che devono essere aggiunte mediante concimazione.

Un eccesso o un deficit di azoto nelle colture può essere dannoso per la salute delle piante ed è per questo che tutti i dati al riguardo dovrebbero essere conosciuti.

Cos’è l’azoto?

L’azoto è un elemento chimico con un’elevata presenza nell’ambiente. Infatti nel terreno si può trovare in due forme: minerale e organica

La forma minerale è quella che le piante hanno la capacità di assorbire per compiere i loro processi vitali di crescita e sviluppo.

Ciò significa che il suo approvvigionamento deve essere effettuato attraverso formazioni come il nitrato o l’ammonio.

All’interno dei tessuti, le piante necessitano della presenza di azoto per svolgere processi di base come la fotosintesi e la sintesi proteica.

Perché l’azoto è importante?

L’azoto, l’elemento più abbondante nella nostra atmosfera , è fondamentale per la vita.

L’azoto si trova nel suolo e nelle piante, nell’acqua che beviamo e nell’aria che respiriamo.

È anche essenziale per la vita: una componente chiave del DNA, che determina la nostra genetica, è essenziale per la crescita delle piante, e quindi necessaria per il cibo che coltiviamo.

Ma come in ogni cosa, l’equilibrio è la chiave: troppo poco azoto e le piante non prospereranno, portando a scarsi raccolti; Ma troppo azoto può essere tossico per le piante e può anche danneggiare il nostro ambiente.

Le piante che non hanno abbastanza azoto diventano giallastre e non crescono bene e possono avere fiori e frutti più piccoli. Gli agricoltori possono aggiungere fertilizzanti azotati per coltivare raccolti migliori, ma troppo può danneggiare piante e animali e inquinare i nostri sistemi acquatici .

Comprendere il ciclo dell’azoto, ovvero il modo in cui l’azoto si sposta dall’atmosfera al suolo, attraverso il suolo e di nuovo nell’atmosfera in un ciclo infinito, può aiutarci a coltivare colture sane e a proteggere il nostro ambiente .

Quali fattori influenzano la risposta della coltura alla fertilizzazione azotata?

Quando l’azoto si trova nell’ambiente, è molto più facile per le piante appropriarsene dal terreno.

Perché ciò avvenga è necessario che l’ambiente e il suolo soddisfino una serie di condizioni che favoriscono i processi di trasformazione dell’azoto.

Alcune di queste condizioni sono:
  • Che la temperatura ambientale media sia calda, essendo compresa tra 20 e 35º C.
  • Che il terreno sia in grado di rimanere umido per un buon periodo di tempo, ma senza presentare pozzanghere.
  • Che il terreno sia aerato.

Qual è il contenuto di azoto nel terreno?

Il calcolo dell’azoto che può essere presente nel terreno è variabile perché dipende molto dalle condizioni dello stesso.

Quando si dispone di un terreno di buona qualità in una zona con temperature fredde, potrebbero esserci un minimo di 10 kg di azoto per ettaro.

Nel caso di suoli sabbiosi e situati in climi caldi, tale quantità può arrivare fino a 60 kg di azoto per ettaro.

Questo tenendo conto che i suoli hanno abbastanza materia organica, essendo accettabile tra l’1% e il 2% di essa.

Quali vantaggi può avere un terreno ricco di azoto?

Quando si avanza nella messa a dimora di colture in terreni ricchi di azoto, queste specie prosperano più sane e questo è evidente nella loro struttura.

  1. In primo luogo, l’azoto è essenziale per la crescita , poiché interviene nella creazione della clorofilla e anche nella fotosintesi .
  2. L’azoto invece è presente nella struttura di molte proteine ​​(che aiuta anche a sintetizzare) ed enzimi .
  3. Ha un ruolo importante per quanto riguarda la divisione cellulare , motivo per cui aiuta ad ottenere nuove specie di buona qualità.
  4. Svolge un ruolo determinante nella formazione, struttura e lunghezza delle radici .
  5. Infine, è un nutriente che ha un ruolo di primo piano nello svolgimento dei diversi processi metabolici della pianta .

Quali sono gli svantaggi di un eccesso di azoto?

L’applicazione di livelli molto elevati di azoto alle colture porterà complicazioni nello sviluppo delle piante che saranno evidenziate da:

  • Alterazioni della crescita, poiché sembreranno molto più grandi di quanto dovrebbero a seconda della loro specie. Parleremmo allora di una crescita esagerata.
  • Anche la moltiplicazione cellulare sarà molto più significativa, portando alla produzione di un numero maggiore di germogli e rami.
  • La pianta non potrà svilupparsi adeguatamente perché apparirà più giovane di quanto non sia in realtà, con poche parti legnose, molto acerba e addirittura lignificata.
  • Maggiori possibilità di essere attaccati da parassiti e malattie.
  • Sebbene ci sarà una moltiplicazione cellulare, i raccolti saranno inferiori al previsto.

Quali colture beneficiano maggiormente della presenza di azoto nel terreno?

Tutte le colture necessitano della presenza di azoto come base per il loro corretto sviluppo.

In alcuni casi, il consumo non è così elevato come in altri ed è per questo che devono essere soddisfatti i requisiti di ciascuna specie.

L’azoto è particolarmente essenziale nelle verdure a foglia , come spinaci , sedano o lattuga .

In effetti, grazie a ciò, gli esseri umani hanno accesso al consumo di nitrati in modo naturale.

Tuttavia, in specie come pomodori o melanzane, questa necessità è notevolmente ridotta.

Come rileviamo la carenza o la carenza di azoto nelle nostre colture?

I sintomi delle piante carenti di azoto sono molto evidenti, poiché è uno dei componenti più importanti della vitalità.

  1. In primo luogo, la crescita è compromessa , notandole molto più piccole di quanto dovrebbero essere in base al tempo di semina.
  2. Anche sul fogliame l’impatto è pronunciato e ben visibile, sviluppando il pallore sulle foglie più vecchie . Tuttavia, questa è una condizione che occuperà rapidamente l’intera struttura della pianta, trasformandolo giallo e promuovere la defogliazione .
  3. Il motivo principale è che l’azoto non svolge la funzione richiesta e obbligatoria per favorire la produzione di clorofilla.
  4. Esistono anche specie vegetali il cui impatto più evidente è sul fusto, che vira leggermente al viola .
  5. La buona notizia è che esistono fertilizzanti fatti in casa con un contenuto di azoto molto elevato che possono essere utilizzati per alleviare queste condizioni.
  6. Tra i principali vi sono la materia organica come letame bovino e compost.
  7. È importante tenere conto del fatto che le condizioni nutrizionali di tutte le piante non sono le stesse.
  8. Inoltre, è necessario considerare i contributi che le piante ottengono da altre fonti, come il suolo stesso e l’acqua.

Se si tiene conto di tutto ciò, c’è un’alta probabilità di ottenere raccolti sani e prosperi.

Quali elementi possiamo riciclare e cosa può fornire azoto alle nostre piante?

Detriti d’erba

Quando compostata , l’erba contiene circa il 3% di azoto in peso

Chicchi di caffè

Utilizzati freschi o compostati, i chicchi di caffè contengono circa il 5% di azoto in peso

Letame

Il letame di coniglio, mucca, cavallo , capra, pecora e pollo è MOLTO ricco di azoto e può contenere tra il 4% e il 9% di azoto in peso.

Guano fornisce anche una grande quantità di azoto.

Urina umana

Per quanto possa sembrare grossolano, l’urina umana è una forma di azoto estremamente affidabile e contiene anche altri oligoelementi benefici che aiutano la crescita delle piante . L’urina può contenere circa il 5% di azoto in peso.

L’urina deve essere diluita 5 parti di acqua in 1 parte di urina per evitare di bruciare.

Che cos’è il ciclo dell’azoto?

Il ciclo dell’azoto è un ciclo ripetitivo di processi durante i quali l’azoto si muove attraverso gli esseri viventi e non: l’atmosfera, il suolo, l’acqua, le piante, gli animali e i batteri. I batteri possono causare la decomposizione o la rottura del materiale organico nei suoli.

Per muoversi attraverso le diverse parti del ciclo, l’azoto deve cambiare forma.

Nell’atmosfera, l’azoto esiste come gas (N2), ma nei suoli esiste come ossido di azoto, NO, e biossido di azoto, NO2, e se usato come fertilizzante, può essere trovato in altre forme, come ammoniaca, NH3, che può essere ulteriormente trasformato in un fertilizzante diverso, nitrato di ammonio o NH4NO3.

Ci sono cinque fasi nel ciclo dell’azoto e ora discuteremo ciascuna di esse separatamente: fissazione o volatilizzazione, mineralizzazione, nitrificazione, immobilizzazione e denitrificazione. In questa immagine, i microbi del suolo convertono il gas azoto (N2) in quella che viene chiamata ammoniaca volatile (NH3), motivo per cui il processo di fissazione è chiamato volatilizzazione.

Quando un minerale o una sostanza chimica (come nitrato o NO3) fuoriesce dal terreno o da altro materiale del suolo e penetra nell’area circostante. avviene quando alcune forme di azoto (come il nitrato o l’NO3) si dissolvono nell’acqua e fuoriescono dal terreno, potenzialmente inquinanti per i corsi d’acqua.

Come immagazzinano l’azoto le piante?

Gli ioni di ammonio vengono assorbiti dalla pianta attraverso i trasportatori di ammoniaca.

Il nitrato viene assorbito da vari trasportatori di nitrati che utilizzano un gradiente di protoni per guidare il trasporto dei nitrati. L’azoto viene trasportato dalla radice al germoglio attraverso lo xilema sotto forma di nitrato, ammoniaca disciolta e amminoacidi.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.