Suggerimenti

Guida completa per piantare l’erica: come, quando e dove farlo?

Quando parliamo di erica , ci riferiamo in realtà a tre generi di piante:  calluna, erica e daboecia. 

Erica è facilmente riconoscibile per le sue piccole foglie aghiformi , mentre le calluna hanno fogliame squamoso .

Da parte sua, la daboecia ha i fiori più grandi e una fioritura più lunga . Tuttavia, le loro generalità di coltivazione sono simili.

 L’erica è uno degli arbusti più belli  eppure uno dei meno conosciuti.

Può essere considerata una pianta ornamentale.

Questa piccola pianta fiorisce nelle stagioni più fredde , motivo per cui solitamente si distingue nei paesaggi invernali quasi monocromatici. Inoltre, prospera in terreni troppo acidi per la maggior parte delle altre piante.

 Heather è un’ottima alternativa per l’abbellimento, così come per decorare il tuo giardino. E mentre la propagazione della pianta ha la sua complessità , coltivarla da seme può essere abbastanza semplice, anche se richiede un po’ di tempo.

Punti importanti durante la semina dell’erica:
  • Quando? durante la primavera o l’autunno.
  • Tipo di crescita? Lento.
  • Dove? Hai bisogno di almeno 6 ore di luce al giorno. In climi molto caldi si consiglia la mezz’ombra.
  • Come innaffiamo? È conveniente mantenere il terreno umido , ma senza ristagni d’acqua. Nelle zone piovose, l’acqua piovana è sufficiente. Nelle zone calde, devi annaffiare 3-4 volte a settimana.
  • Come prepariamo il terreno? Il pH dovrebbe essere acido, preferibilmente tra 4,5 e 5,5. Richiedono un substrato acido o siliceo, con molta torba per trattenere l’umidità e un ottimo drenaggio per smaltire l’eccesso.
  • Come seminiamo? Qui passo dopo passo .
  • Piaghe e malattie? Oidio, ruggine, verticilliosi, ragno rosso, cocciniglie.

Quando dovrebbe essere piantata un’erica?

Il momento migliore per seminare i semi di erica è durante la primavera o l’ autunno preferibilmente quest’ultimo.

Dove piantare l’erica?

deve ricevere,  almeno 6 ore di luce diretta al giorno. In climi molto caldi, si consiglia di trascorrere le ore più calde del pomeriggio in mezz’ombra o all’ombra.

Se trascorre molto tempo all’ombra , in climi temperati o freddi, acquista un aspetto allungato, con poco colore nelle foglie.

Tollera il gelo , ma non i venti invernali freddi e secchi, perché seccano il terreno e causano stress idrico . In questi casi, un manto nevoso può proteggerli dal vento.

Resiste a temperature minime fino a -25°C.

Ogni quanto va annaffiato?

Il substrato deve essere mantenuto fresco e umido, quindi  si consiglia di annaffiarlo 3-4 volte a settimana. 

Non supportano lo stress idrico , ma nemmeno i terreni allagati . Durante il primo anno è fondamentale che gli strati superficiali del substrato rimangano sempre umidi al tatto . Dopo il primo anno, possiamo lasciare asciugare gli strati superiori , purché il terreno all’interno sia ancora umido.

Nelle zone piovose, l’ acqua piovana è sufficiente.

Come prepariamo il terreno?

Richiedono un substrato acido o siliceo , con molta torba per trattenere l’umidità e un ottimo drenaggio per smaltire l’eccesso . Si adatta bene a terreni leggeri e sabbiosi, nonché a quelli argillosi.

Non sopporta i terreni argillosi perché hanno scarso drenaggio.

 Il pH dovrebbe essere acido, preferibilmente tra 4,5 e 5,5 

Non necessita di compost, soprattutto se si tratta di letame . Se il substrato è molto povero, aggiungi semplicemente del compost di azalee all’inizio della primavera o durante l’ estate .

Associazioni favorevoli per l’erica

Si combinano bene con le conifere .

Semina accanto al decidui alberi dovrebbe essere evitato .

Se possibile, si consiglia di posizionarli rivolti a sud-est , poiché il loro fogliame acquisisce toni più intensi verso quel lato.

Come seminare l’erica passo dopo passo

FASE 1: Preparare il terreno in un semenzaio

Per assicurarti che i tuoi semi di erica germoglino correttamente , è meglio seminarli in semenzai protetti.

Prendi un vassoio di legno o plastica profondo 20 cm e posiziona uno strato di ghiaia fine da 10 mm (0,25 pollici) sul fondo, di circa 10 mm.

Poi, mettere uno strato di terriccio e mescolare con com posta  o perlite.

FASE 2: Inumidisci il terreno prima della semina

In questo modo riduci il rischio di espellere i semi dalla forza dell’acqua.

FASE 3: Introduci i semi

Dovresti introdurli ad una profondità massima di 1 cm , cercando di coprirli con un po’ di pacciame per conservare l’umidità.

Innaffiare facendo in modo che gli strati superficiali rimangano umidi , ma evitando pozzanghere. Almeno due volte al giorno in climi molto caldi e soleggiati , e meno frequentemente in condizioni più fredde.

Durante la germinazione e fino a quando le piantine non diventano robuste , tenere la seminatrice in una zona ombreggiata e ben ventilata, cercando di non prendere un sole diretto intenso, per evitare l’evaporazione dell’acqua sulla superficie del terreno , questo aiuta ad evitare che si secchino .

La germinazione è difficile quindi dovresti ottenere semi di buona qualità.  Puoi metterne più di uno in ogni buca.

FASE 4: Prenditi cura dei germogli fino a quando non sono pronti per il trapianto

Innaffia il terreno regolarmente fino a quando i semi germogliano, il che richiederà da uno a tre mesi.

Se più di un seme è germogliato in ogni buca , mantieni il più forte. Per fare ciò, non tirare i deboli , poiché puoi danneggiare le foglie. È sufficiente una semplice potatura a livello del suolo.

All’inizio le piantine hanno due cotiledoni di foglie verdi , poi appariranno le foglie vere.

Per evitare che le piantine diventino troppo lunghe , stacca la punta se sono alte più di 25 mm . Questo farà germogliare germogli laterali e stimolerà la crescita.

Le piantine sono pronte per il trapianto tra sei mesi e un anno dopo la germinazione.

FASE 5: Pulisci il terreno

Rimuovi le erbacce e i vecchi detriti del raccolto e tutti i tipi di residui per assicurarti che la tua erica possa svilupparsi correttamente.

FASE 6: inumidire e concimare il terreno prima della semina

Questo aiuta le piantine a trattenere meglio il terreno.

FASE 7: Trapianta i tuoi germogli

Lascia tra 8 e 12 pollici tra ciascuna delle tue piante.

FASE 8: fertilizzare frequentemente

È molto importante pacciamare la tua erica. Stendere uno strato di 5 cm di corteccia di pino , torba o compost. Può anche essere pacciamato con ghiaia.

Durante le gelate d’ inverno , se i venti sono freddi e molto secchi, potete mantenerla umida con uno strato di neve.

FASE 9: Pota regolarmente la tua erica

Le piante di erica dovrebbero essere potate ogni anno, subito dopo che hanno finito di fiorire. La potatura permette alla pianta di mantenere un aspetto attraente. Gli conferisce una forma compatta e cespugliosa.

La potatura può essere eseguita con un tagliasiepi elettrico se l’erica è troppo grande.

Parassiti e malattie dell’erica

Alcuni dei parassiti e delle malattie più comuni che colpiscono l’erica sono:

oidio

È meglio installare un sistema di irrigazione a goccia e applicare l’ equiseto per la prevenzione.

Funziona anche per eliminare erbacce e detriti colturali e favorire la ventilazione del raccolto.

Ruggine

Per controllarlo, si raccomanda di evitare l’ eccesso di azoto , controllare le condizioni ambientali , favorire la ventilazione delle colture e utilizzare colture con resistenza genetica.

Verticilliosi

Attacca le radici facendole marcire. L’interno del fusto acquisisce un colore marrone e le foglie hanno un colore giallastro.

Per prevenire, si consiglia di utilizzare piantine sane, nonché di evitare terreni dove sono state piantate le solanacee .

ragno rosso

Si raccomanda di evitare substrati con eccesso di azoto e di monitorare le colture durante le prime fasi di sviluppo . In climi abbastanza secchi si consiglia di annaffiare le colture di notte per mantenere l’umidità.

Un’altra raccomandazione è la disinfezione prima di piantare in appezzamenti con una storia di ragnetto rosso per garantire che non rimangano uova.

Per combattere un’infestazione si può applicare un estratto di aglio e peperoncino , anche se se la pianta è molto colpita , è meglio rimuoverla per evitare che si diffonda ad altre piante.

Il controllo biologico può essere effettuato attraverso i suoi nemici naturali. Le principali specie predatorie di ragnetti rossi per uova, larve e adulti sono altre specie di acari come Amblyseius californicus e Phytoseiulus persimilis . Anche la zanzara Feltiella acarisuga è un predatore abbastanza efficace.

cocciniglie

Sono uno dei parassiti più difficili da controllare, poiché il loro corpo è ricoperto da escrescenze cerose bianche , i trattamenti chimici non hanno molto successo. Per questo motivo, per il suo controllo, è conveniente localizzare questa piaga nei suoi primi stadi , poiché privi di scudo, sono più facili da combattere.

Se l’impatto è grave , dovrebbe fare spruzzare olio di neem o sapone di potassio.

Per il controllo biologico di questo parassita vengono utilizzati predatori naturali come Rodolia cardinalis o Cryptolaemus montrouzieri. Il rilascio avviene 15 giorni dopo l’eventuale trattamento , periodicamente, in primavera o all’inizio dell’estate.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.