Suggerimenti

Cura del kumquat: [terreno, umidità, potatura e problemi]

Quali sono le caratteristiche del kumquat?

Una delle migliori esportazioni dalla Cina è il Kumquat, un albero sempreverde appartenente al genere Fortunella.

È un famoso parente dell’albero di arancio che ci regala meravigliosi frutti di un colore arancione intenso e una caratteristica forma ovale o rotonda.

Hanno un sapore agrodolce con una buccia dal profumo intenso che ci dà anche la possibilità di consumarlo senza doverne sbucciare la pelle.

Ci sono specie che provengono anche dal Giappone. Le specie popolari sono: Fortunella hindsii, Fortunella japonica, Fortunella polyandria, Fortunella margarita . Fortunella Japonica Swing o Marumi, i cui frutti sono molto aromatici e rotondi.

Il suo nome comune varia a seconda della regione. In alcuni luoghi lo chiamano arancia nana, arancia cinese, arancia giapponese, Cumquat o Quinoto.

Lo sapevate…?
Il Kumquat può essere piantato in un giardino di media lunghezza, poiché la sua vetta raggiunge un’altezza di circa 4,5 metri. Ma ha un’altra meravigliosa particolarità: si adatta a vivere in vasi larghi, così può vivere felice e dare i suoi deliziosi frutti in ambienti domestici, come un terrazzo.

Bisogna essere molto pazienti con esso, perché è a crescita lenta, ama il sole radiante e preferisce il caldo al freddo, anche se ci sono specie che sono in grado di sopportare temperature che non scendono sotto i -10ºC senza essere troppo colpite.

Tra i mesi da marzo a giugno, il fogliame è ricoperto da molti fiori d’arancio profumati che contrastano con le foglie verdi e lucenti. Ma in inverno , quando i frutti raggiungono la loro dimensione finale, la mano di Dio lo colora dal giallo dorato all’arancio rossastro, a seconda della specie.

La danza dei colori è uno spettacolo visivo. Per far crescere questo generoso albero è necessario metterlo in un luogo dove il sole è pieno, ma sempre evitando venti sorprendenti. È la grande condizione che li priva delle loro cure.

Il suo frutto , versatile al consumo, è ricco di vitamina C, antiossidanti, acido folico minerale, è ricco di fibre e ha la virtù di aiutare a combattere l’eccesso di acido urico. Nelle infusioni diventa un efficace calmante della tosse. E’ buonissimo nelle marmellate, nei dolci e come ripieno in pasticceria è sublime.

Che bisogni di terra ha il kumquat?

I kumquat vivono felicemente su terreni freschi, neutri, molto ben drenati. Ma la cosa più importante è che abbiano abbastanza spazio per svilupparsi completamente, quindi dovrebbe essere gestito meglio come esemplare isolato in giardino o in campo.

Prima di piantare, è bene rimuovere dal terreno eventuali erbacce o cespugli, in modo che siano completamente puliti, aerati e pronti per applicare un substrato a base di sostanza organica ricca di sostanze nutritive.

Non amano i terreni argillosi perché si compattano e finiscono per intaccare le radici. Un terreno leggermente acido, ricco di sostanze nutritive con un pH compreso tra 5 e 6 è il più adatto. Ma soprattutto bisogna assicurarsi che sia ben drenato.

Come far crescere il kumquat forte e vigoroso?

Piantare in primavera e trapiantare allo stesso tempo è la cosa più razionale da fare. Se vogliamo avere successo, è consigliabile coltivarli come alberi da frutto per uso ornamentale, cioè piantarli in luoghi dove prevalgono i climi miti.

Inoltre, come abbiamo già detto, sostengono la vita in vaso, anche se il clima deve essere temperato.

Leggero

L’ideale è orientare la pianta in interni vicino a una finestra esposta a sud, in modo da sfruttare il più possibile la luce naturale.

Passaggio

Un’altra grande condizione da tenere in considerazione è l’applicazione di cicli di fertilizzazione ogni 15 giorni durante l’ estate .

Irrigazione

L’irrigazione controllata è assolutamente essenziale, perché se, ad esempio, viene esagerata nelle versioni dell’albero coltivate in vaso, allora saranno attratte fastidiose specie infestanti come la cocciniglia .

Quindi è chiaro che l’irrigazione è di una categoria moderata, sia in vaso che in piena terra.

Questa regola impedisce la proliferazione delle malattie, perché questo albero non tollera il ristagno, si ammala a causa sua.

In primavera e in estate la cosa prudente è annaffiare ogni 3 o 4 giorni. L’acqua di irrigazione viene versata fino a quando non inizia a drenare copiosamente. E si riprende quando la terra è completamente asciutta.

C’è un semplice calcolo dell’esperto. Per ogni albero dobbiamo aggiungere 2 litri di acqua ogni 15 giorni. Ne più ne meno. L’acqua dolce, con calce stabilizzata dopo un periodo di riposo è la più consigliata.

Di quale umidità ha bisogno il kumquat?

Una buona ricetta per mantenere i corretti livelli di umidità si ottiene dopo aver preparato un supporto soffice, ricco di materiale organico che contenga 1/3 di sabbia.

Inoltre, si può preparare un letto realizzato con pietre di argilla in grado di aspirare acqua , uno stato ottimale affinché la pianta abbia l’umidità di cui ha bisogno quando non c’è acqua.

Una pratica che lo favorisce notevolmente è l’applicazione dell’irrigazione a goccia in modo che l’umidità sia costante. Soprattutto in estate, dovrebbe essere fatto ogni giorno in modo che la pianta non sia sopraffatta dal caldo. Per il resto le irrigazioni sono distanziate una volta alla settimana.

Un modo intelligente per mantenere costante l’umidità è adottare l’abitudine di annaffiare sempre al tramonto o di prima mattina, senza grandi variazioni negli orari.

Poiché non sono amici del freddo intenso, se viene coltivata in zone con queste caratteristiche allora la cosa migliore da fare è coltivarle in contenitori . Ciò garantisce protezione quando la temperatura scende troppo.

È necessario potare il kumquat?

La potatura dei rami inferiori è garanzia di eleganza, perché migliorerà notevolmente il loro portamento.

Quanto spesso dovremmo potare il kumquat?

Per dare forma, devi semplicemente stare attento e potare i rami che sporgono dalla sua corona, che è bella, molto decorativa se è arrotondata e puoi vedere il contrasto tra le foglie verde scuro e i frutti arancioni o dorati.

Come prevenire la comparsa di parassiti e malattie del kumquat?

Una delle malattie con la più alta incidenza è la clorosi , come avviene in molti agrumi . Ecco perché è fondamentale annaffiarle con acque poco calcaree, non con le cosiddette acque dure perché le foglie ingialliranno e i frutti smetteranno di crescere normalmente. Questo è noto come clorosi ferrica .

Allo stesso modo si verifica il cosiddetto marciume, che attacca la radice della pianta, probabilmente a causa di un eccesso nell’acqua. Ecco perché è fondamentale insistere sul fatto che l’irrigazione deve essere distanziata, si applica solo quando il terreno si asciuga completamente. Poiché la sua origine è fungina, viene combattuta con prodotti fungicidi .

Ci sono molti marchi di qualità sul mercato. Tra i parassiti, il ragno rosso è la regina della festa e si presenta come uno degli insetti con il maggior potere di penetrazione sulle sue foglie, che ingialliranno anche loro e avranno più morsi causati da questo minuscolo essere.

I prodotti acaricidi (di un tipo specifico) allontanano il ragnetto rosso dall’albero in breve tempo. Ma la chiave è evitare ambienti secchi e poco ventilati.

Un altro insetto dal grande potere distruttivo sono le mosche bianche . Non sono grandi, ma sono capaci di estrarre tutta la linfa dall’albero e di rovinarla completamente se non vengono combattute in tempo. Vengono rimossi con spruzzi regolari di un insetticida da contatto preferibilmente consigliato da esperti.

Forse ti interessano anche:
  • Talee di Kumquat: [Innesto, Stagione, Radicazione e Semina]
  • Prune Kumquat: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.