Suggerimenti

Ippocastano: [colture, associazioni, parassiti e malattie]

Punti importanti quando si pianta l’ippocastano
  • Dove seminare? In piena luce. Ha bisogno di molta luce solare. 
  • Quando? autunno o inverno. 
  • Come prepariamo il terreno? Rimosso con suoli acidi. PH di 6-6.5. Con substrato di coltura universale, oppure uno per piante acidofile.
  • Come innaffiamo? Con gocciolamento o spray. 
  • Quanto spesso annaffiamo? In estate , 3-4 volte. Il resto dell’anno 2 o 3 volte a settimana. 
  • Piaghe e malattie? insetti Antracnosi, chancre e inchiostro di castagno.

L’ippocastano (Aesculus hippocastanum) è un albero che fa parte della famiglia delle Sapindáceas ed è talvolta chiamato “falso castagno” da alcuni libri specializzati.

Il motivo per cui è così si riferisce soprattutto al fatto che il frutto che porta ha una forte somiglianza esterna con quelli che portano gli alberi del genere Castanea.

È un albero maestoso, alto fino a 25 metri, con chioma tondeggiante e foglie grandi, divise in segmenti ovali e dentati, e fiori raggruppati in caratteristiche infiorescenze piramidali. 

Quando piantare un Ippocastano?

L’ippocastano va seminato in autunno o in inverno, quando la temperatura è bassa, per favorire una buona germinazione in primavera .

È una specie di angiosperme i cui fiori iniziano a comparire in primavera, intorno ad aprile e i semi compaiono a settembre. Se cadono a terra possono germogliare facilmente.

Dove piantare un ippocastano?

Nelle sue aree native prospera in vari habitat tra cui paludi e foreste miste e decidue, e nei paesi dove è stato introdotto lo si vede soprattutto in parchi e giardini .

Per la semina della pianta dell’ippocastano va posta all’esterno , poiché ha bisogno di sentire il passare delle stagioni. 

Se possibile, dovrebbe stare al sole tutto il giorno, ma se vivi nel Mediterraneo, ti consiglio di metterlo in mezz’ombra (purché abbia più luce che ombra), perché crescerà meglio. Sopporta gelate fino a -17°C, ma non temperature superiori a 35°C.

Come preparare il terreno?

L’ippocastano può crescere in qualsiasi terreno ad un’altitudine massima di 1485 metri. Predilige terreni acidi, con pH 6-6,5 e terreni alcalini (pH 7) purché con buon drenaggio.

Se il clima è mite, con gelate e nevicate in inverno , il terreno può essere preparato con un substrato di coltivazione universale, oppure per piante acidofile. Altrimenti, si consiglia di mescolare il 70% di akadama con il 30% di kiryuzuna. 

Entrambi sono substrati importati dal Giappone, che normalmente vengono utilizzati per i bonsai, quindi il suo prezzo è alto, ma vale la pena metterlo perché è di buona qualità ed è speciale per l’ippocastano.

Come si innaffia un Ippocastano?

L’irrigazione per il rigoglioso ippocastano deve essere frequente, non sopporta la siccità. È importante eseguire l’ irrigazione a goccia o a pioggia , per mantenere l’umidità del suolo senza ristagni d’acqua.

Durante l’estate sarà necessario annaffiarla 3-4 volte a settimana, soprattutto se si vive in un clima con estati molto calde. Il resto dell’anno 2-3 a settimana saranno sufficienti. 

Si consiglia l’uso di acqua piovana, o acidificata.

Come piantiamo un ippocastano passo dopo passo?

Può essere seminato attraverso i suoi semi. Per germinare hanno bisogno di essere freddi durante i mesi invernali, quindi se il clima è fresco, puoi piantarli in vasi con substrato universale e lasciare che la natura faccia il suo corso. 

Altrimenti è meglio e si consiglia di utilizzare un contenitore con la vermiculite, un poco fungicida naturale (rame o zolfo ), e ovviamente con i semi per poterli stratificare in frigorifero per tre mesi.

Devi procedere come segue:

  1. Riempi un contenitore di vermiculite.
  2. Seppellisci i semi.
  3. Cospargere un po’ di rame o zolfo .
  4. Acqua.
  5. Metti il ​​contenitore in frigo.
  6. Una volta alla settimana, apri il contenitore in modo che l’aria si rinnovi.
  7. Dopo tre mesi, i semi verranno seminati in vaso utilizzando, ad esempio, la vermiculite.

Quali associazioni favorevoli ha?

L’associazione di colture vegetali compatibili produce benefici rispetto alla loro coltivazione separata, oltre all’utilizzo di luce, acqua e/o sostanze nutritive.

Tuttavia, poiché l’ippocastano è un tipo arbustivo di grandi dimensioni, è preferibile non associarlo ad altre piante per evitare che ne venga compromesso lo sviluppo.

Quali parassiti e malattie attaccano l’Ippocastano?

L’ippocastano può essere gravemente colpito da diversi parassiti e malattie che ne riducono la produzione di legno .

I parassiti che colpiscono il castagno, per la maggior parte, sono insetti che colpiscono il fogliame, il legno, i frutti, e la loro incidenza può essere maggiore o minore a seconda delle condizioni atmosferiche e della zona.

parassiti

Tra i parassiti possiamo citare: 

Pammene fasciana

Questo lepidottero è conosciuto come il precoce castagnaccio. Allo stato adulto può raggiungere i 17 mm di apertura alare, ha una colorazione vivida con fondo grigio plumbeo e caratteristica macchia avorio. 

Cydia splendida 

È un altro lepidottero tortrícido che nello stadio adulto può raggiungere un’apertura alare di 22 mm; la colorazione tipica della forma è grigio cenere o grigio brunastro sulle ali anteriori. Questa specie può produrre danni significativi ai frutti maturi degli ippocastani.

Cydia fagiglandana

È un altro lepidottero tortichide che può raggiungere un’apertura alare di 19 mm nello stato adulto; la colorazione di questi individui è bruno rossastro o arancio e le ali anteriori ricordano una lisca di pesce.

Zeuzera pirina

Questo lepidottero della famiglia Cossidae può raggiungere i 70 mm di apertura alare allo stadio adulto, ha un colore bianco argenteo con macchie nere e blu metallico sulle ali. 

Negli alberi di età compresa tra 8 e 10 anni, possono causare la rottura dei rami poiché sono indeboliti dalle gallerie create dalle larve al loro interno.

Lymantria dispar

Questo lepidottero è anche conosciuto come lucertola pelosa. Le femmine di questa specie hanno un grosso corpo peloso che può raggiungere i 65 mm, con colorazione bianca e macchie a zigzag.

Per quanto riguarda il controllo dei suddetti parassiti , si può affermare che non esistono trattamenti chimici autorizzati; sebbene ci siano materiali attivi che possono dare buoni risultati e che vengono utilizzati in altri paesi.

Malattie

Tra le malattie che colpiscono l’ippocastano ci sono:

Antracnosi di castagno

prodotto dal fungo Mycosphaerella maculiformis, che ha come ospiti le latifoglie in genere e soprattutto il rovere e il castagno. 

Cancro della castagna

Causata da Cryphonectria parasitica, è stata descritta per la prima volta in Spagna negli anni 40. Attualmente è la malattia più devastante che colpisce i castagneti del Principato delle Asturie.

Inchiostro di castagno

È la malattia radicale più importante che colpisce questo legno duro. I sintomi della malattia sono: marciume dell’apparato radicale, ingiallimento delle foglie , disseccamento delle punte dei rami e aborto dei frutti.

Bibliografia e riferimenti

  • Villalva Quintana, Sonia; Del Estal Padillo, Pedro. (2005). Minatore di ippocastano. Cameraria ohridella Deschka & Dimic, 1986 (Lepidoptera: Gracillariidae) . Terralia. Madrid, Spagna.
  • Morcillo San Juan, Antonio. (2015). Guida tascabile agli alberi di Madrid. I 50 alberi più frequenti nei nostri parchi e strade. Mundi-Prensa Libros. Madrid, Spagna.
  • Ara Roldan, Alfredo. (1997). 100 piante officinali scelte. Una guida alle piante di tutto il mondo selezionate per il loro valore terapeutico . Editoriale Edaf. Madrid, Spagna.
  • Fonnegra G., Ramiro; Jiménez R., Silvia Luz. (2007). Piante medicinali approvate in Colombia. Editoriale Università di Antioquia. Medellín Colombia.
  • Sánchez de Membiela, Mª Teresa. (2012). Fitoterapia per il trattamento dell’insufficienza venosa cronica. L’ippocastano . Università Complutense di Madrid. Rivista internazionale di scienze podologiche. Madrid, Spagna. Riprodotto da: https://revistas.ucm.es/index.php/RICP/article/download/37905/36671/0

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *