Suggerimenti

come essiccare la lavanda

La lavanda, con il nome scientifico Lavandula, è in realtà un genere di piante aromatiche molto apprezzato sia per la sua rusticità che per il gradevole profumo che sprigionano le sue caratteristiche infiorescenze bluastre, utilizzate in una moltitudine di prodotti aromatici e per la pulizia. Poiché la lavanda è una pianta facile da coltivare e molto bella, molte persone osano piantare la propria lavanda in casa, anche se per sfruttarne le proprietà medicinali o per conservarla al meglio, è necessario prima asciugarla.

Se vuoi imparare come essiccare la lavanda con diversi metodi, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde.

essiccato al sole

Per la lavanda essiccata al sole, è meglio raccogliere la pianta appena prima che i fiori si aprano. Segui questi passi:

  1. Tagliare i gambi il più a lungo possibile, potando dalla base. Come sempre, usa forbici da potatura ben affilate e sterilizzate.
  2. Successivamente, un tagliere non necessario o qualsiasi altra superficie di legno valida. L’importante è che permetta di stendervi sopra la lavanda per tutta la sua lunghezza e senza che gli steli siano troppo accatastati, in modo che il sole li colpisca in egual modo. Il materiale della superficie è importante in quanto il metallo si surriscalda e brucerebbe la lavanda, mentre parte della plastica potrebbe sciogliersi.
  3. Metti il ​​vassoio usato al sole, in una zona che gli dia il maggior numero di ore e il più diretto possibile. Può essere una location sia indoor che outdoor, la cosa più importante è che non si bagnino gli steli e che dia quanta più luce possibile.
  4. Se il clima nella tua zona è abbastanza caldo, la lavanda potrebbe asciugarsi in circa una settimana o anche meno. Saprai che la lavanda è secca quando i fiori hanno perso la vivacità del loro colore e sono diventati di un tenue viola chiaro. A questo punto, separarli dal gambo dovrebbe essere molto semplice con la sola mano.

Questo metodo è abbastanza veloce per essere naturale, anche se uno dei suoi svantaggi è che i fiori perdono gran parte del loro caratteristico colore decorativo.

asciugatura a microonde

Disidratare qualsiasi tipo di foglia nel microonde è molto semplice e la lavanda non fa eccezione. Esistono diversi metodi per essiccare foglie e fiori di lavanda in questo modo.

  • Quello che dà i risultati migliori richiede anche la sabbia silicea, un prodotto che, sebbene sembri un laboratorio, in realtà è molto facile da trovare come acquario o sabbia per gatti. Metti circa cinque centimetri di questa sabbia in una ciotola profonda adatta al microonde, e sopra di essa, i fiori o le foglie di lavanda, separati e ben aperti, quindi coprili con un altro strato di sabbia leggermente più fine. Quindi mettere il microonde alla massima potenza per 2-4 minuti e attendere 24 ore prima di toccarli.
  • L’altro sistema è meno preciso e un po’ più laborioso, ma anche più facile in cambio. Metti le foglie e i fiori di lavanda su un piatto, ben separati uno per uno, assicurandoti che tutte le foglie sul piatto abbiano una dimensione approssimativa. Coprilo con pellicola trasparente e mettilo per 1 minuto a piena potenza. Non sono ancora croccanti e asciutti? Vai aggiungendo periodi di 20 secondi finché non sono pronti.

essiccato in forno

Per asciugarle in forno, adagiate le vostre foglie di lavanda, sciolte e lavate, su una teglia ricoperta di carta da forno o carta da forno, che è l’ideale per questo compito. Stenderli il più possibile, sempre in un unico strato e senza impilarli o toccarli.

Mettere la teglia in forno e metterla a temperatura molto bassa. Non dovresti mai essiccare in forno oltre gli 80°C o distruggerai le proprietà benefiche e il sapore naturale della lavanda. Se il vostro forno è elettrico lasciate lo sportello leggermente aperto, mentre se è a gas spegnetelo e apritelo mezzo minuto ogni cinque.

Essiccazione del disidratatore

I disidratatori alimentari sono abbastanza utili per gli aromatici, in quanto consentono di farlo comodamente come al forno, ma con meno rischi di bruciarli. Metti le foglie o gli steli il più aperti e distanziati possibile nel tuo disidratatore, impostalo a una temperatura inferiore a 46ºC e aspetta semplicemente che siano pronti.

asciugatura a ventola

Se devi essiccare grandi quantità di lavanda raccolta, questo è di gran lunga il metodo migliore. Basta installare una stanza calda e a bassa umidità con un buon ventilatore. Impila la lavanda il più aperta possibile o appendi i suoi mazzi legati a testa in giù come se dovessi usare un tradizionale essiccato all’aria.

Poi basta puntare il ventaglio ai lati della lavanda o al di sotto di essa, in modo tale che attiri l’umidità intorno ad essa ma sempre senza che la corrente d’aria punti direttamente verso la lavanda, in quanto potrebbe togliere i fiori o il loro aroma.

Cosa fare con la lavanda essiccata

Ci sono molte cose che puoi fare con la lavanda una volta asciutta:

  • Balsamo per capelli.
  • Sapone fatto a mano.
  • Infuso calmante e contro l’alitosi.
  • Repellente per acari.
  • Deodorante per ambienti domestici.
  • vapore sul viso.
  • Centrotavola aromatici.
  • Lavanda per i tuoi bagni.

Ora che conosci 5 modi per essiccare la lavanda, potresti voler saperne di più sulla coltivazione della pianta a casa. Qui indichiamo la Cura della pianta di lavanda.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come essiccare la lavanda, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.