Suggerimenti

Equiseto in giardino: dove cresce l’equiseto?

Bravi agrofarmaci. Dopo aver spiegato alcuni trucchi che puoi usare dopo aver raccolto i pomodori nel tuo giardino, ora ti presentiamo una pianta che molti di voi sicuramente conosceranno: LA CODA DI CAVALLO .

Nelle ultime visite che abbiamo fatto ai frutteti come i giardini tradizionali di Urueñas  o in This is a  Plaza  passando per il frutteto dell’hotel Wellington,  abbiamo scoperto che il modo in cui si comportano i giardinieri è simile. L’osservazione quotidiana, ad esempio, è qualcosa che fanno tutte le persone che hanno un giardino in mano.

Allo stesso tempo, disporre di prodotti naturali per poter debellare più facilmente un possibile parassita. Da parte di tutti voi, come ho visto nei commenti, conoscete l’ uso dell’ortica come fertilizzante e insetticida , ma forse l’equiseto può fornirci altre cose. Vediamo cosa.

Equiseto (Equisetum arvense)

Equiseto arvese  è il nome scientifico per la coda di cavallo che appartiene alla famiglia Equisetáceas. È un arbusto perenne con fusti dimorfici, cioè ha due diverse forme anatomiche. Quindi alcuni steli sono sterili e altri no . Quelle sterili possono essere alte 1 metro e avere un colore verde-biancastro.

Hanno guaine dello stelo lunghe quanto larghe (per darvi un’idea, la lunghezza dello stelo è uguale in larghezza e lunghezza), sebbene siano un po’ allargate nella parte superiore.

I rami sono semplici che hanno quattro ramificazioni a forma di V. Se parliamo dei fusti fertili, sono più corti (circa 25 cm), non sono ramificati e non sono verdi, perché privi di clorofilla, i baccelli essendo svasati .

La parte sessuale dell’equiseto è uno strobilo che si trova nella parte superiore dove vengono prodotte le spore, che impollinano in primavera.

Dove trovare la coda di cavallo?

In groppa a un cavallo… divertentissimo… Comunque, dopo questa breve visita al Comedy Club, continuiamo a conoscere Equisetum arvense .

Questa pianta si trova in zone poco luminose, dove c’è caldo ma senza temperatura eccessiva e dove il terreno è sabbioso e poco fertilizzato. Quindi è normale trovarlo vicino a corsi d’acqua, campi coltivati, pendii (un pendio).

Al livello del mare l’equiseto compare fino a circa 1800 metri di quota. In Spagna lo possiamo trovare allo stato brado nella maggior parte delle province della metà settentrionale.

Semi di equiseto

Quando si tratta di ottenere semi di equiseto, ti consiglio di andare in vivai, negozi specializzati o di chiederli a persone di fiducia che hanno questa pianta.

Usi medicinali dell’equiseto

Alcune delle proprietà medicinali dell’equiseto sono:

  • Diuretico:  aiuta ad eliminare i liquidi.
  • Pelle:  aiuta in particolare a combattere l’herpes, i funghi, l’eczema e l’herpes, tra gli altri.
  • Ossa : rimineralizza il sistema osseo
  • Guarigione : aiuta a guarire le ferite.
  • Rigeneratore cellulare
  • Tendini : Galeno, uno dei padri della medicina antica, lo usava bollito per curare i tendini doloranti.
  • Dimagrire : aiuta a dimagrire perché elimina i liquidi dal corpo e con essi si eliminano anche le tossine in eccesso.
  • Problemi genito- urinari: è di grande aiuto in caso di calcoli renali, infezioni urinarie, infiammazioni della vescica o della prostata, cistiti e uretriti.
  • Sanguinamento : molto utile per controllare e guarire il sanguinamento grazie alla sua capacità astringente, contrae i tessuti grazie al suo contenuto di tannino, che lo rende molto adatto per guarire rapidamente e chiudere ferite sanguinanti, fermare e controllare le emorragie nasali e guarire le ulcere cutanee.
  • Diarrea : è molto utile in caso di diarrea.
  • Infiammazioni : è un buon antinfiammatorio.
  • Enuresi

Tra molti altri usi. Ma il suo consumo deve essere equilibrato e non deve superare le sei settimane. Puoi comprare l’equiseto in capsule.

Come usare l’equiseto in giardino?

La sua caratteristica principale per l’uso in giardino è il suo alto contenuto di silicio, che aiuterà a rafforzare i tessuti cellulari delle piante . Questo aiuterà a combattere possibili attacchi fungini , cioè funghi. Ti spiegherò nelle seguenti parole come preparare un decotto che potrai poi applicare nel tuo giardino.

  1. Ci servono 50 grammi di equiseto essiccato , raccolto selvatico e poi essiccato o acquistato in erboristeria.
  2. Quindi, mettiamo i 50 grammi in un recipiente con 3 litri di acqua fredda e lasciamo marinare per 12 ore .
  3. Una volta macerato, si fa bollire per 20 minuti .
  4. Successivamente, estraiamo la soluzione bollita e la filtriamo con un colino.

Questo sarebbe il processo di ottenimento, quindi lo applicheremo alla pianta con uno spruzzatore ma dobbiamo diluirlo in acqua del 20%, cioè; Si aggiungono 250 ml del preparato per ogni litro d’acqua. Il periodo migliore per utilizzarlo è la primavera, quando nel nostro giardino aumenta il rischio di funghi.

Se ti è piaciuto questo articolo, non esitare a dare un’occhiata ad un altro su: 10 piante benefiche che ci aiutano in giardino .

Vi lascio qui un video su come potare l’equiseto nei vostri frutteti o giardini.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.