Suggerimenti

Coltivazione e Cura del caprifoglio

Le piante rampicanti sono grandi alleate per il nostro giardino. Sono piante che possono aiutare a ottenere un angolo piacevole e fresco. Inoltre, il fatto che siano rampicanti permette di rinaturalizzare qualsiasi parete o struttura artificiale, il che li rende un supporto importante quando si tratta di nascondere o migliorare aree come muri o ringhiere. Una di queste piante rampicanti che dovresti conoscere è il caprifoglio. Questa pianta rampicante è caratterizzata dalla crescita abbastanza facile e dalla capacità di resistere abbastanza bene al freddo, che è uno dei requisiti più difficili da soddisfare in molti rampicanti. Se vuoi saperne un po’ di più sulla coltivazione e cura del caprifoglio, continua a leggere Green Ecology e te lo raccontiamo.

cura del caprifoglio

Il caprifoglio è una pianta rampicante che fiorisce in primavera e può avere fiori che vanno dal bianco al giallo o sfumature di arancione. Questi fiori si trasformeranno in frutti di colore rossastro. Tuttavia, devi sapere che questi frutti sono velenosi, quindi è importante evitare che sia i bambini che gli animali li mangino. Infatti, se consumati in eccesso, possono provocare vomito e diarrea.

È una pianta sempreverde, il che significa che è popolata tutto l’anno, compreso l’inverno. Infatti è una pianta rampicante che resiste abbastanza bene al freddo. Può resistere a temperature fino a -15 gradi. In questo modo diventa una pianta rampicante altamente consigliata in luoghi e zone dove gli inverni sono freddi. Bisogna però tenere presente che è anche una pianta che non tollera bene la luce in eccesso.. In particolare, i raggi diretti del sole. Pertanto, è meglio posizionarlo in un’area in cui riceve luce indiretta o filtrata. Se si trova in un giardino, dove la luce solare è abbondante, è meglio posizionarlo in modo tale che riceva solo la luce del sole del mattino. In questo senso, la cosa più importante sarà evitare i raggi di mezzogiorno, che sono i più forti e intensi, e anche quelli che possono colpire maggiormente il caprifoglio. Tieni presente che se è soggetto a luce eccessiva, può paralizzarne la crescita.

Se vuoi conoscere altre piante rampicanti con fiori, non perdere il seguente articolo di EcologíaVerde.

potatura del caprifoglio

Come abbiamo spiegato in precedenza, il caprifoglio è una pianta cacciatrice. Per questo motivo è fondamentale posizionarlo, che sia in un vaso o per terra, vicino a qualche elemento dove possa arrampicarsi. Il caprifoglio cresce bene vicino ad alberi o strutture artificiali come muri o ringhiere. L’importante è tenere conto che si ha accesso a qualche tipo di elemento che permette di arrampicarsi, la natura della struttura è secondaria.

Il caprifoglio è una pianta che tollera abbastanza bene la potatura. Per questo può essere effettuato in qualsiasi momento dell’anno. Tuttavia, sarà sempre meglio farlo in autunno o in inverno. È meglio evitare i momenti di fioritura in primavera. Tuttavia, anche se è fatto in questo momento, la pianta molto probabilmente risponderà favorevolmente.

L’ edera è un’altra delle piante rampicanti per tutto l’anno.

irrigazione di caprifoglio

Per quanto riguarda l’irrigazione del caprifoglio, è necessario sapere che si tratta di una pianta che tollera meglio la siccità dell’acqua in eccesso. Tuttavia, è importante annaffiarlo con una certa frequenza. La cosa più consigliabile è annaffiare una volta alla settimana in inverno e due o tre al massimo in estate. Si consiglia di lasciare asciugare il terreno sopra prima di annaffiarlo nuovamente. Allo stesso modo, è molto importante evitare che il terriccio o il vaso si inzuppino d’acqua. Nel caso in cui il piattino della pentola contenga molta acqua, è meglio svuotarlo.

coltivazione del caprifoglio

Il caprifoglio è una pianta che fiorisce in primavera. Per questo motivo si consiglia di effettuare il suo trapianto prima del periodo di fioritura, dall’autunno alla fine dell’inverno. Farlo durante la fase di fioritura o in estate potrebbe portare la pianta a interrompere la sua crescita quell’anno. Tuttavia, la cosa più usuale sarà che, l’anno successivo, riprenderà la normale crescita.

Il caprifoglio può essere coltivato sia piantando da semi che da talee. Tieni presente che la crescita dai semi, anche se in alcuni casi sarà veloce, può significare che la pianta non fiorisce prima di un paio d’anni. Pertanto, il più comune è farlo attraverso talee da una pianta adulta. In questi casi basterà mettere le talee in acqua per un paio di settimane o fino a quando il ramo non inizierà a mettere radici. In questo momento, sarà trapiantato nella terra. Può essere trapiantato sia in vaso che nel terreno. Tuttavia, tieni presente che in un vaso la crescita sarà più lenta.. Tuttavia, quello che si può fare è metterla inizialmente in un vaso e, quando la pianta ha attecchito con forza, trapiantarla in un vaso più grande o direttamente a terra.

Se desideri leggere altri articoli simili a Coltivazione e cura del caprifoglio, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.