Suggerimenti

Piantare l’edera: consigli per la sua coltivazione e cura

Piantare l’edera all’aperto e al chiuso

L’ edera , Hedera helix L. , può essere una delle piante da inserire nel nostro orto e/o giardino ecologico . È una pianta rampicante perenne molto comune che cresce naturalmente e spontaneamente in zone ombrose con una certa umidità, sebbene sia una pianta che si adatta molto bene praticamente a tutti i tipi di terreno e clima.

L’edera ha foglie picciolate e verde brillante. Normalmente se sono al chiuso non fioriscono, ma se le pianti all’aperto vedrai che i loro fiori sbocciano a grappoli per tutta l’estate e parte dell’autunno, mentre i frutti variano a seconda della varietà.

È una pianta ornamentale che viene utilizzata per decorare e fornire spazi verdi sia interni che esterni e possiamo utilizzarla sia in spazi orizzontali che per giardini verticali o pensili .

Coltivazione e cura dell’Edera (Hedera helix L.)

L’edera è una pianta che può raggiungere i 30 metri di lunghezza all’aperto, crescendo circa 50 cm all’anno, e può sviluppare molto fogliame.

È una pianta che può essere coltivata sia indoor che outdoor (cercate la varietà più adatta per ogni caso).

Puoi iniziare con i semi o nel modo più rapido e semplice: ricavare piantine di edera e piantarle nel luogo finale, cioè direttamente nel terreno o nei vasi. Se lo piantiamo in vaso, devono essere profondi almeno 30 cm e dopo un anno dobbiamo spostarlo in un vaso più grande, con una profondità di almeno 50 cm per far si che la crescita dell’edera sia corretta. .

L’edera non ha bisogno di terreni con esigenze molto particolari, con un pH vicino a 6 cresce bene, tuttavia, sia che sia piantata in campo o in vaso, necessita di un buon drenaggio. Il drenaggio dell’acqua è essenziale per evitare pozzanghere e marciume radicale. Dal 6° mese possiamo aggiungere alla terra un sottile strato di humus di lombrico o compost per arricchirla e stimolare la crescita.

Per quanto riguarda le esigenze di luce , l’edera è una pianta che non necessita di sole diretto, infatti, si sviluppa meglio nelle zone ombreggiate.

Non è una pianta che necessita di molte annaffiature , infatti, durante i mesi più freddi con temperature più basse, in genere è sufficiente annaffiarla una volta alla settimana. Già nei mesi caldi e temperature più elevate, aumenteremo la periodicità delle innaffiature e lo faremo tra le 3 e le 4 volte per mantenere la pianta adeguatamente idratata. Durante i mesi più freddi, con l’edera indoor, non possiamo dimenticare di spruzzare di tanto in tanto la parte aerea della pianta, soprattutto se vediamo che le foglie assumono una tonalità marrone o gialla e se sono rugose, segno che la pianta ha bisogno di più acqua. Ciò è dovuto all’effetto che il riscaldamento esercita sulla pianta, asciugandola eccessivamente ed eliminando tutta l’umidità dall’ambiente. Compensalo con spray regolari.

Le temperature desiderabili affinché l’edera si sviluppi al suo massimo potenziale sono comprese tra 15 e 21 ºC, sebbene sia in grado di resistere a temperature di circa 5 ºC o temperature superiori come 32 ºC, sì, se vengono mantenute a lungo inizieremo per vedere segni di debolezza nelle foglie e nel resto della pianta in generale.

Se vuoi riprodurre l’edera per piantarla in altre zone, puoi farlo per talea, è una formula molto semplice per ottenere più piante, la puoi vedere passo passo qui .

Essendo l’edera una pianta rampicante, è importante che tutori (con bastoncini, canne, fili, corde, rami di potatura, uncini, ecc.) guidino la pianta come vogliamo. Inoltre, la potatura può essere eseguita una volta all’anno.

Per quanto riguarda i parassiti, l’edera può essere attaccata da parassiti comuni nei frutteti e giardini come acari, afidi o cocciniglie. Hai molti modi ecologici per prevenirli e combatterli qui

È una pianta che può stare molto bene nell’orto biologico grazie al suo effetto coprente, copre il terreno e ne previene l’erosione e l’usura nelle aree dove non stiamo coltivando.

Unisciti ad altri giardinieri che stanno già godendo dei loro orti biologici con l’aiuto del nostro libro “Orti urbani e aiuole” in cui troverai molte informazioni utili sull’orto biologico urbano, prendile ora!

.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *