Suggerimenti

Trapianto di menta piperita: [Condizioni, tempi, strumenti e passaggi da seguire]

Cosa dobbiamo tenere in considerazione prima di trapiantare la menta piperita?

La Menta piperita o Mentha spicata  è una pianta rampicante aromatica del genere Mentha. Si ritiene che la sua antica origine si trovi nel continente europeo, in Inghilterra e successivamente in Spagna e Italia.

Tuttavia, è riuscito ad espandersi in tutto il mondo grazie ai suoi molteplici benefici medicinali e gastronomici.

Ci sono più di 25 varietà riconosciute di questo genere in tutto il mondo e può crescere fino a 80 cm di altezza. È così versatile che è il protagonista principale di una famosa bevanda cubana chiamata “mojito” e viene utilizzata anche in infusi molto benefici per la digestione.

Caratteristiche principali

Da buon rampicante, esibisce una grande capacità espansiva, perché allaga rapidamente il frutteto o il giardino dove vive, grazie ai suoi fusti viola dritti, pelosi e allungati .

Ha anche sorprendente ovali, foglie verdi profondi. E ha fiori tubolari di colore rosa pallido o viola, molto ben raggruppati in pannocchie terminali e il loro profumo intenso è sensazionale.

È molto facile moltiplicarlo o riprodurlo, perché anche i suoi steli o germogli sono striscianti e sviluppano rapidamente le radici, poco dopo aver toccato il suolo. Quindi è davvero molto facile riprodurlo e godere dei suoi numerosi benefici.

Qual è il momento migliore per trapiantare la menta piperita?

Questa pianta può riprodursi in diversi modi: per talea , divisione delle radici, per stoloni o segmenti.

Gli esperti ritengono che il momento ideale per piantare talee in un terreno precedentemente condizionato dovrebbe essere all’inizio della primavera .

Come riprodurre la menta piperita usando le talee?

La tecnica di riproduzione per taglio è molto semplice ed efficace. Vediamo:

  1. Il procedimento inizia con la selezione di diversi rami di una pianta adulta (circa 4 o 5) che verranno potati con il supporto di forbici da giardino per eliminare circa 8 foglie dall’alto verso il basso e prendere il fusto, con appoggio in un taglio diagonalmente ravvicinato al treno più vicino al piano.
  2. Ogni talea deve avere delle foglie nella chioma, non è necessario rimuoverle tutte ed è sufficiente che sia lunga circa 15-20 centimetri.
  3. Ogni talea può quindi essere immersa nell’acqua per far germogliare le radici, oppure può essere seminata direttamente nel terreno. Si trova anche in vaso, soprattutto per proteggerlo dalle avverse condizioni ambientali legate al periodo invernale.
  4. Se un vaso viene utilizzato per il trapianto , deve avere un ottimo sistema di drenaggio per evitare ristagni d’acqua. Lo stesso accade se si sceglie un contenitore tipo vaso, che deve essere largo per permettere alla pianta di espandersi.
  5. Il vaso va preparato con un compost o substrato di origine organica che dia alla terra molta ricchezza. Uno strato inferiore di verme di humus sarà eccellente per incoraggiare la crescita delle piante. Una volta che il terriccio e l’humus sono stati sparsi uniformemente a mano, si può procedere a piantare più talee distribuite dall’esterno verso l’interno, senza aggregarle. Devono essere accuratamente interrati nel terreno a circa 4 centimetri di profondità.
  6. Quindi il vaso viene posto in un luogo dove la radiazione solare è diretta. L’esposizione al sole indiretta, in mezz’ombra, è conveniente.
  7. Se la menta piperita è stata trapiantata nel terreno di un giardino, non può nemmeno trasportare la luce solare diretta. Posiziona il vaso di fiori o il vaso in uno spazio ombreggiato.
  8. Infine, l’irrigazione deve essere costante, il terreno deve essere sempre inumidito, perché la talea non ha radici e ciò significa che non può assimilare i nutrienti. Per evitare che le sue radici vengano stordite, gli spray permanenti sono essenziali e saranno più che efficaci per mantenere la pianta e il terreno umidi. Se tutto va bene in una settimana, inizieranno a crescere nuovi germogli, con foglie verdi e ciò significa che le prime radici sono già apparse.
  9. Due settimane dopo, possono essere trasferiti in un vaso dove rimarranno vicino a una finestra o in un’altra parte della casa, in mezz’ombra, senza luce solare diretta.

Quali strumenti dovremmo usare per trapiantare la menta piperita?

  • Una locanda per lavorare.
  • Forbici da giardino per tagliare le talee.
  • Un contenitore di plastica vuoto da 5 litri, tagliato a metà per farne una pentola.
  • Un chiodo per forare il contenitore e regolare la quantità di acqua.
  • Talee di piante adulte.
  • Humus di lombrico.
  • Terreno di quercia o vivaio.
  • Acqua corrente, priva di metalli e cloro.
  • Una grande ciotola di punch per mescolare i getti di terra e lombrico.
  • Un contenitore di plastica con uno spruzzatore per l’irrigazione quotidiana.
  • Un vaso per il trapianto finale.

Come prepariamo il terreno per trapiantare la menta piperita?

Il terreno deve essere ricco di sostanze nutritive e mantenuto con un livello di umidità costante che non lo intacchi gravemente anche se si supera la quantità di acqua utilizzata per l’irrigazione.

Ciò significa che durante questo periodo di trapianto deve essere sempre irrigata con il supporto di spruzzi d’acqua di fiume o torrente.

È così versatile che può essere piantato anche in vasi con un buon compost, nonché contenitori di argilla posti su balconi, terrazze e altri luoghi all’interno e all’esterno delle case.

Anche in vasi sospesi può vivere. Come già spiegato, è molto conveniente utilizzare humus di lombrico sul fondo del vaso o vaso e sopra di esso il vivaio o il terriccio di quercia, in proporzione del 50% ciascuno. Può adattarsi facilmente a condizioni di luce naturale indiretta o ombra media e bassa.

Bibliografia e riferimenti

  • Giappone Quintero, José. (1985). Coltivazione di prezzemolo e menta piperita. Ministero dell’agricoltura, della pesca e dell’alimentazione. Madrid, Spagna.
  • González Revro, Liliana. (2012). Erbe per la tua cucina. Opzioni originali e facili da coltivare. Edizioni LEA. Buenos Aires, Argentina.
  • Membreño Gutierrez, Ronald Geovanny. (2019). Comportamento dello sviluppo vegetativo della menta piperita (Mentha spicata L.) utilizzando tre substrati a livello di vivaio. Università Nazionale Agraria. Managua Nicaragua. Riprodotto da:  https://repositorio.una.edu.ni/4039/1/tnf01m533c.pdf
  • Orellana Salazar, Arlene Clara. (2017). Caratterizzazione dell’olio essenziale di menta piperita (Mentha Spicata l.) Ottenuto con il metodo dello strippaggio a vapore . Università Nazionale del Callao. Callao, Perù. Riprodotto da: http://repositorio.unac.edu.pe/bitstream/handle/UNAC/3612/Orellana%20Salazar__titulo%20quimica_2017.pdf?sequence=1&isAllowed=y

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *