Suggerimenti

Irrigazione con cipolla: [necessità, frequenza e procedura]

Quando decidi di piantare cipolle, pensi di ottenere un raccolto abbondante e di qualità e, per questo, devi prestare molta attenzione al problema dell’irrigazione.

In questo caso, le cipolle richiedono vigilanza perché sono sensibili ai cambiamenti che possono verificarsi nello spazio in cui sono piantate.

Non supportano la siccità e molto meno il ristagno, quindi oltre alla frequenza, dovrai controllare la quantità di acqua che applichi. Sembra troppo lavoro? Non preoccuparti perché qui ti lasceremo tutti i dettagli in modo che questo compito ti lasci 10 senza essere un esperto.

Punti importanti quando si innaffiano le cipolle:
  • Frequenza di irrigazione: ogni quindici giorni in inverno e due volte a settimana in estate.
  • Metodo di irrigazione: a goccia .
  • Orario ottimale della giornata per l’irrigazione: al mattino, preferibilmente entro le ore 10.00.
  • Identificare l’acqua in eccesso: foglie macchiate, comparsa di malattie, marciume del bulbo.
  • Identificare la mancanza d’acqua: foglie deboli, appassite, piccoli bulbi.

Quali esigenze di irrigazione hanno le cipolle?

L’irrigazione fa parte delle cure più importanti della cipolla perché è una specie che non tollera gli sbalzi di umidità nel suo ambiente. La sua richiesta di umidità si manifesta dal momento in cui la pianti perché ha bisogno di abbastanza per assestarsi.

Ecco perché dovresti annaffiare non appena hai finito di piantare e ripetere il processo due giorni dopo, quindi annotare la frequenza corrispondente. Tuttavia, è una delle specie a cui vale più la pena prestare attenzione perché è estremamente benefica a livello gastronomico. Alla fine, chi cucina senza cipolle?

Come possiamo rilevare la mancanza di irrigazione nelle cipolle?

Se la mancanza di irrigazione si verifica durante il periodo di formazione del bulbo, influenzerà logicamente le dimensioni e la qualità del bulbo.

L’ideale è garantire che il terreno si mantenga con un’umidità costante, almeno nei primi 15 centimetri di superficie.

Successivamente, la mancanza di irrigazione influenzerà negativamente le foglie, facendole sembrare deboli, cambiando colore e appassindo.

Ogni quanto dobbiamo innaffiare le cipolle?

La frequenza di irrigazione delle cipolle dovrà essere determinata in base a vari aspetti che riassumiamo di seguito. La prima cosa è il periodo dell’anno in cui ci si trova, perché bisogna considerare che durante l’ inverno i fabbisogni di umidità sono inferiori rispetto all’estate.

Inoltre, se piove, non sarà necessario applicare l’irrigazione perché sarà sufficiente la quantità di acqua che riceveranno naturalmente. Occorre invece considerare la fase di sviluppo in cui si trova il bulbo, poiché è possibile contare almeno tre stadi:

  1. Nella formazione del bulbo i fabbisogni idrici sono maggiori , il che porta a stabilire un ritmo di irrigazione più frequente.
  2. Durante la crescita i fabbisogni diminuiscono , quindi sarà sufficiente annaffiare normalmente negli opportuni cicli per evitare che la superficie del terreno si secchi.
  3. Nella fase finale, 3 settimane prima della raccolta, l’irrigazione deve essere sospesa per consentire l’essiccazione dei bulbi prima di estrarli.

Tutte queste considerazioni si traducono in una frequenza di irrigazione che potrebbe essere stabilita con 1 volta ogni 15 giorni in inverno e fino a 2 volte a settimana in estate.

Qual è il modo migliore per innaffiare le cipolle?

Il metodo a goccia è il modo più consigliato per innaffiare le cipolle perché facilita la concentrazione dell’acqua direttamente alla base della pianta . Come misura preventiva, dovresti sapere che le foglie delle piante di cipolla non devono bagnarsi perché potrebbero diventare uno spazio ideale per lo sviluppo di malattie.

In alcuni casi l’ irrigazione a piena è approvata anche per questo scopo perché consente di concentrare l’acqua sulla base e non sulla parte aerea. Tuttavia, se non è ben controllato, sarà in grado di causare un impatto negativo sulla quantità di acqua che riceve la cipolla.

Come rileviamo l’acqua in eccesso nelle cipolle?

Quando le cipolle sono soggette a un eccesso di acqua, è comune mostrare sintomi sulle foglie, che possono iniziare a macchiarsi. Questo perché l’eccessiva umidità può provocare direttamente la morte del bulbo o favorire l’insediamento di un fungo.

Da qui l’importanza di evitare ristagni d’acqua e garantire un terreno ben drenato prima di pianificare l’impianto. Se è vero che piantare cipolle implica un impegno maggiore rispetto ad altre specie vegetali, è anche necessario salvare che ne vale la pena.

In ogni caso, ci sono modi per meccanizzare il processo di irrigazione (utile quando la produzione è molto grande) che ti toglierà il lavoro dalle spalle.

Forse ti interessano anche:
  • Conservare le Cipolle: [Condizioni, Tempo e Metodo]
  • Malattie della cipolla: [Caratteristiche, tipi, rilevamento e trattamento]
  • Parassiti e malattie della cipolla: [rilevamento, cause e soluzioni]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.