Suggerimenti

Enfermedades del Pepino: [Características, Tipos, Detección y Tratamiento]

Cosa sono le malattie del cetriolo e come possiamo rilevarle?

Il cetriolo appartiene alla famiglia delle cucurbitacee ed è uno degli ortaggi più apprezzati nella gastronomia mondiale, poiché serve sia come alimento fresco che industrializzato.

Tuttavia, sono molte le malattie che attaccano questa coltura, alcune prodotte da parassiti, funghi, batteri e persino virus che provocano gravi danni alla pianta.

Una delle malattie di tipo parassitario che colpisce i cetrioli è l’oidiopsis, che si presenta come macchie gialle sulla superficie superiore, provocando necrosi al centro e si osserva una sorta di feltro biancastro nella parte inferiore.

Tra le malattie del cetriolo che sono causate dai funghi ci sono: l’oidio della cucurbita, l’oidio, la botrite, il marciume bianco, il cancro gommoso; Marciume radicale e del fusto e Antracnosi che colpisce foglie e fiori.

Infettano anche alcune colture del virus del cetriolo del tipo Watermelon Necrotic Spot Virus del tipo 1 e 2, Zucchini Yellow Mosaic Virus; Virus del mosaico del cetriolo e virus della vena gialla del cetriolo

I virus causano lesioni necrotiche e si vedono come macchie verde scuro lungo le nervature delle foglie, morbide deformazioni sulla lamina. Si combattono generalmente rimuovendo erbacce e afidi .

Quando il cetriolo è affetto da qualche tipo di virus, presenta l’ingiallimento delle nervature delle foglie e nei frutti si produce un mosaico, verde chiaro, verde scuro.

Descrizione delle malattie del cetriolo

Il raccolto di cetriolo è attaccato dalle seguenti malattie: 

oidiopsi

Causato dalla Leveillula taurica, che è un parassita a sviluppo semi-interno i cui conidiofori fuoriescono attraverso gli stomi, provocando macchie gialle e che in casi estremi seccano le foglie

Oidio della cucurbita

Chiamata anche “Frassino” è una malattia causata dalla Sphaerotheca fuliginea, che si trasmette tramite spore trasportate dal vento.

Questo fungo si riproduce con temperature favorevoli che sono nell’intervallo 10-35ºC, con l’optimum intorno ai 26ºC.

Peronospora (Pseudoperonospora cubensis)

Questo fungo è un parassita che ha bisogno di acqua libera per disperdere le sue spore. Lo sviluppo del fungo è favorito dall’alternanza di temperature calde. Anche le rugiade notturne e le nebbie mattutine favoriscono il loro sviluppo.

marciume grigio

Causato da Botrytis cinerea, attacca un gran numero di specie vegetali, compresi i cetrioli, colpendo tutte le colture orticole protette, potendo comportarsi da parassita e saprofita.

Sulle foglie e sui fiori del cetriolo lascia lesioni brune. Nei frutti si verifica un marciume molle (più o meno acquoso, a seconda del tessuto), in cui si osserva il micelio grigio del fungo.

marciume bianco

È generato dal fungo Sclerotinia sclerotiorum che attacca direttamente il fusto del cetriolo e generalmente provoca il collasso della pianta che muore rapidamente.

La malattia inizia da sclerozi nel terreno da precedenti infezioni, che germinano in condizioni di elevata umidità relativa e temperature miti, producendo un numero variabile di apoteci.

Cancro gommoso del gambo (Didymella bryoniae)

Colpisce direttamente i cotiledoni che finiscono per disseccarsi, producendo lesioni nella zona in cui si unisce al fusto.

Nella coltivazione del cetriolo si verificano attacchi al frutto , caratterizzati da strangolamento della zona della cicatrice stilare, che è ricoperta di picnidi.

Marciume delle radici e dello stelo

Prodotto da Fusarium solani fs cucurbitae, che attacca la radice e la base del fusto dove si osserva una lesione scura che appende la pianta. 

Antracnosi (Colletotrichum orbiculare)

Colpisce le foglie e i fiori e può anche causare lesioni sul frutto. Sulla pianta del cetriolo si osservano macchie marroni bagnate in cui si espandono su tutta la lamina fogliare. Può attaccare sia il fogliame che il frutto. 

Come identificare ed eliminare le malattie del cetriolo?

Di grande importanza è la coltivazione del cetriolo per cui è necessario saper identificare le malattie causate da batteri, funghi e virus per determinare controlli e metodi per debellarle.

oidiopsi

Questo parassita attacca direttamente le foglie e può essere determinato perché inizia con macchie gialle per poi seccarle completamente provocandone il distacco.

Per il controllo preventivo di questa malattia si possono utilizzare tecniche colturali come l’eliminazione delle erbe infestanti e l’utilizzo di piantine sane.

Quando la malattia diventa molto forte, si consiglia di ricorrere a trattamenti chimici con principi attivi: zolfo bagnabile, bupirimato, ciproconazolo, ciproconazolo + zolfo, tra gli altri.

Oidio della cucurbita

Si osserva da macchie bianche polverose sulla superficie delle foglie, colpisce anche steli e piccioli e anche frutti in attacchi molto forti.

Le erbe infestanti e altre colture di cucurbitacee , così come i residui colturali, sarebbero controlli preventivi e tecniche colturali contro questa malattia.

Mentre tra i controlli chimici si possono apprezzare anche materie attive a base di zolfo, zolfo bagnabile, Bupirimato in concentrazioni dello 0,2-0,3%; Ciproconazolo 0-20g/hl e Triadimenol a 0,02-0,04% PI.

Muffa

Questa malattia si manifesta su foglie e steli con la comparsa di macchie bianche che, man mano che si sviluppano, diventano polverose con aspetto cinereo. Quando l’attacco è grave, le piante defogliano e la produzione può essere completamente persa.

Esistono varie tecniche colturali che possono essere utilizzate per combattere questa malattia, compreso l’uso di semi o materiale vegetale sano, non associando colture nello stesso appezzamento e utilizzando varietà resistenti o tolleranti.

Per quanto riguarda il controllo chimico, deve essere effettuato in presenza di piante sintomatiche e in condizioni favorevoli, utilizzando sempre sostanze attive autorizzate e applicando le dosi consigliate dal personale tecnico.

marciume grigio

Questa malattia attacca foglie e fiori ma anche il frutto del cetriolo in cui si osserva il micelio grigio del fungo.

Esistono tecniche di prevenzione culturale come l’eliminazione delle erbacce, la potatura accurata effettuando tagli netti, l’applicazione di pasta fungicida, il controllo dei livelli di azoto , tra le altre.

I controlli chimici richiedono un dosaggio e un’applicazione che dovrebbero essere molto attenti in base ai principi attivi di Ciprodinil + Fludioxonil, Chlorthalonil, Dietofencarb o Fenexamide.

marciume bianco

Questo fungo produce sclerozi all’interno del fusto e quando è maturo rilascia numerose spore, che colpiscono principalmente i petali. Nel caso del marciume bianco possono essere utilizzate anche tecniche preventive come l’eliminazione di erbe infestanti, detriti colturali e piante infette; solarizzazione e la gestione della ventilazione e dell’irrigazione.

Inoltre, il controllo chimico può essere utilizzato anche con principi attivi come azoxystrobin, cyprodinil, chlorthalonil, dietofencarb, fenexamide, iprodione, kresoxim metil e tebuconazolo nelle concentrazioni indicate dagli esperti.

Cancro del gambo gommoso

I sintomi più frequenti nel cetriolo sono caratterizzati da una lesione beige sullo stelo, ricoperta di picnidi, e frequentemente si producono essudazioni gommose in prossimità della lesione.

I punti di infezione nelle ferite sono frequenti come conseguenza della potatura e dell’innesto. 

Per il controllo preventivo si consiglia di utilizzare semi sani, rimuovere i residui colturali sia intorno che all’interno delle serre, disinfettare le strutture delle serre e arieggiare, evitare l’eccessiva umidità del suolo.

Marciume delle radici e dello stelo

Questa malattia si manifesta dalla radice e copre l’intero fusto, osservando una lesione di colore scuro che ricopre e appende la pianta. 

I trattamenti per combattere questa malattia hanno a che fare con tecniche preventive ma fondamentalmente con il controllo dell’irrigazione, poiché un suo eccesso può uccidere la pianta.

Si consiglia inoltre di effettuare trattamenti chimici con principi attivi di metiltiofanato; carbendazim; propamocarb e procloraz.

antracnosi

I sintomi possono essere chiaramente osservati nel tessuto giovane, dalle macchie bagnate che si diffondono attraverso la lamina fogliare marrone. Si raccomanda di utilizzare preventivamente alcuni prodotti chimici per combattere l’antracnosi, tra cui: procloraz; carbendazim; rame e benomil idrossido .

Bibliografia e riferimenti

  • Bibliotecavirtuale.com. Cetriolo. Riprodotto da: http://www.mag.go.cr/bibliotecavirtual/F01-0658pepino.pdf . (PDF)
  • Juntadeandalucia.com. Cetriolo-Junta de Andalucía . Riprodotto da: https://www.juntadeandalucia.es/export/cdn-micrositios/documents/71753/92810/Pepino/913e46dd-1572-4409-8de7-7db57268fd25?version=1.0 . (PDF)
  • Infoagro.com. La coltivazione del cetriolo Parte II. Riprodotto da: https://www.infoagro.com/documentos/el_cultivo_del_pepino__parte_ii_.asp
  • Phitoma.com. Cetriolo, parassiti e malattie. Riprodotto da: https://www.phytoma.com/sanidad-vegetal/avisos-de-plagas/pepino-plagas-y-enfermedades-marzo-2017
  • Rubio Bernardo. Guida tecnica alla coltivazione del cetriolo . Riprodotto da: https://silo.tips/download/guia-tecnica-del-cultivo-de-pepino-i-nombre-comun-pepino-nombre-cientifico-cucum

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.