Suggerimenti

Cura delle piante di lavanda in vaso

La lavanda è un tipo di arbusto che si riconosce subito per il suo caratteristico colore viola e viola, oltre che per il suo caratteristico odore. È un genere di piante chiamato Lavandula, composto da più di 60 specie diverse di lavanda. Nonostante il suo colore viola, noto direttamente come lavanda, sia il più comune e diffuso di tutti, si possono trovare anche varietà dai toni del bianco, del blu e del rosa.

Sin dai tempi antichi, questa pianta perenne della famiglia delle Lamiaceae è stata utilizzata per il trattamento di diverse malattie come ansia, emicrania, insonnia, malattie della pelle come l’acne, il trattamento del mal di denti e della nausea, tra le altre molte. È una pianta abbastanza resistente con la capacità di crescere facilmente quasi ovunque venga piantata. Se vuoi sapere come prenderti cura di una pianta di lavanda in vaso, continua a leggere EcologíaVerde e te ne parleremo.

Caratteristiche generali della pianta di lavanda

In linea di massima, le caratteristiche principali della lavanda saranno quelle di un arbusto dal clima mediterraneo. Ciò significa che ha le seguenti caratteristiche:

  • Avrai bisogno del sole diretto per almeno sei ore al giorno.
  • Per quanto riguarda il tipo di terreno di cui avrai bisogno, è fondamentalmente un substrato alcalino (il che implica che il terreno ha un pH elevato).
  • Allo stesso modo, la lavanda è una pianta che non tollera bene i terreni eccessivamente umidi, il che significa che avrà bisogno di un buon drenaggio in modo che il terreno non si inzuppi d’acqua.

Infatti, se l’acqua si accumula eccessivamente e per molto tempo, si corre il rischio che le radici si ammali o addirittura marciscano. Per questo motivo, quando si tratta di annaffiarlo, è meglio aspettare che il terreno sia asciutto e assicurarsi che abbia un buon drenaggio che impedisca di trattenere l’acqua in eccesso.

Di che tipo di vaso ha bisogno la lavanda?

La lavanda è una pianta che può crescere perfettamente in vaso e, infatti, è una pratica molto diffusa che permette di godere di questa pianta aromatica senza dover avere un orto o un terreno per la coltivazione. Tuttavia, sarà importante che il piatto in questione sia grande. Questo perché, essendo abituato a crescere nel terreno, avrà bisogno di spazio sufficiente per espandere le radici. In questo senso dovrebbe bastare una pentola di circa 30 o 40 centimetri di diametro. Nel caso in cui il vaso sia più piccolo, in genere, la pianta non si svilupperà correttamente o, almeno, non nel modo vistoso e colorato a cui siamo abituati.

D’altra parte, il tipo di vaso più consigliato per piantare la lavanda è in ceramica o terracotta, non verniciato o non smaltato. Questo perché, essendo poroso, permette all’acqua in eccesso di evaporare più facilmente, a beneficio della sua crescita e della salute delle radici. Allo stesso modo, un altro aspetto fondamentale sarà che abbia un drenaggio adeguato, per cui è indispensabile che il vaso abbia dei fori sul fondo. Inoltre, se si vuole migliorare ancora di più il drenaggio, è bene posizionare un po’ di ghiaia nella parte inferiore prima di posizionare il substrato e la pianta stessa.

Ti consigliamo di consultare questo altro post su Come piantare la lavanda.

Come prendersi cura di una pianta di lavanda in vaso

Come è già stato specificato, è una pianta che non tollera bene l’umidità in eccesso. Per questo, oltre ad avere il relativo drenaggio, è importante distanziare le irrigazioni in modo che il terreno possa asciugarsi tra l’una e l’altra. Non è essenziale che il supporto si asciughi completamente, ma è fondamentale evitare l’umidità continua. In questo modo, la cosa corretta sarà annaffiarlo una volta ogni due settimane durante i mesi freddi e una volta alla settimana nei mesi più caldi.

Per quanto riguarda il fertilizzante, è una pianta che non ne ha bisogno eccessivamente e, inoltre, può reagire negativamente a fertilizzanti inadeguati. In questo modo, la cosa più consigliabile è evitare di concimarlo se non è necessario e che, una volta fatto, ci assicuriamo che sia un concime a bassa concentrazione di azoto, poiché altererebbe il terreno. Infatti, per quanto possa sembrare curiosa, un’eccessiva concimazione favorirà la crescita delle foglie a scapito dei fiori, che faranno perdere alla nostra pianta aroma e vistosità.

Durante la potatura, dovrebbe essere eseguita in modo limitato e mantenendo la corretta forma del cespuglio. I mesi più adatti per questo sono l’inizio della primavera e l’autunno. È invece importante che, quando necessario, i fiori appassiti della pianta vengano rimossi, poiché la loro presenza può pregiudicarne la crescita e impedire il corretto svolgimento del rinnovamento floreale. In questo altro articolo puoi saperne di più su quando e come potare la lavanda.

Qui vi mostriamo un video dal nostro canale YouTube su come prendersi cura della pianta di lavanda che speriamo vi aiuti a capire meglio come prendervi cura della vostra pianta in casa. Inoltre, vi consigliamo di dare un’occhiata a questo altro articolo su Quando e come riprodurre la lavanda.

Se desideri leggere altri articoli simili a Cura delle piante di lavanda in vaso, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.