Suggerimenti

Qual è il miglior substrato? Tipi di substrati per piante da giardino

Nel post di questa settimana parleremo dei tipi di substrato per il frutteto e il giardino . Sapere quale sia il substrato migliore da coltivare è molto importante e da questo dipenderà in gran parte il raccolto del nostro orto.

Un buon terreno di coltivazione su cui poggiano le radici è un aspetto fondamentale per lo sviluppo delle piante, poiché da esso ricavano i nutrienti e l’acqua di cui hanno bisogno per crescere e dare i suoi frutti.

Come vedremo, esistono diversi tipi di substrati da vaso , sia organici che inorganici. Sono materiali chimicamente attivi o inerti che possiamo combinare in molti modi per ottenere il nostro substrato ideale .

Qual è il mezzo di coltura e le principali caratteristiche

Il substrato o terreno di coltivazione è il materiale solido (naturale, sintetico o residuale; minerale o organico; puro o in forma mista) che funge da supporto fisico per le piante (lasciando ancorare le radici) e da supporto biologico e chimico in cui coesistono nutrienti, acqua, aria e microrganismi.

Le principali caratteristiche del substrato che influenzano la crescita delle piante sono: porosità e tessitura (sabbiosa, limosa o argillosa), acidità o pH e presenza di nutrienti. Se una di queste caratteristiche viene a mancare (terreno molto acido, molto compattato, terreno “esaurito” o senza sostanze nutritive…) è molto probabile che le piante non si sviluppino bene, quindi sarà necessario aggiungere materiali per migliorare il terreno (lo vedremo nell’ultima sezione del post).

Nel caso della coltivazione in vasi e altri contenitori , è importante conoscere i diversi tipi di substrati con cui possiamo riempire i nostri contenitori, in modo da utilizzare quelli più appropriati.

☝ Qual è il miglior substrato per il giardino?

La solita cosa nei giardini per principianti è usare quello che è noto come “substrato universale” . Di solito è una miscela di substrato organico (solitamente torba) con substrati inorganici come perlite o vermiculite, che aumentano la porosità.

Attualmente la torba è il materiale più utilizzato come componente per substrati . Si tratta di un materiale fossile che proviene da torbiere (zone umide con accumuli di muschio di Sfagno), in cui biodiversità e condizioni di elevata saturazione dell’acqua, bassi livelli di ossigeno e alta acidità, determinano la formazione di questo substrato organico. .

Nonostante i suoi vantaggi per la coltivazione di colture orticole e piante da giardino (alto contenuto di sostanza organica, buona porosità, lento rilascio di nutrienti…), l’uso della torba ha aspetti negativi come il suo prezzo elevato, l’esaurimento delle riserve (che è, una risorsa non rinnovabile) o l’impatto ambientale della sua estrazione, quindi sarebbe interessante iniziare a sostituirlo con altri substrati organici come i rifiuti compostati .

Se, invece di utilizzare un substrato universale, vogliamo creare il nostro substrato per vasi e altri contenitori nella fioriera , dovremo solo fare una combinazione dei diversi tipi di substrati organici e inorganici.

Non esiste un unico substrato ideale , e possono esistere diversi tipi di substrati per il giardino che possiamo creare con i diversi materiali o componenti del substrato.

Alcuni esempi di substrati orticoli sono le seguenti miscele:

  • Compost e fibra di cocco
  • Torba e perlite
  • Letame di fiume e sabbia
  • Humus di vermi, perlite e vermiculite
  • Torba, vermiculite, tezontle

La scelta dipenderà dal tipo di coltura. Sebbene la maggior parte degli orticoli andrebbe bene su tutti questi substrati da vaso, ci sono quelli che preferiscono terreni “morbidi” con molti pori attraverso i quali possono espandersi, come radici e tuberi; e altri, come le colture alte, che necessitano di substrati più stabili.

Tipi di substrati organici

  • Torba
  • Letame
  • Compost
  • humus di lombrico
  • Pacciame o terreno forestale
  • Segatura o trucioli di legno
  • corteccia di pino
  • Fibra di cocco
  • Buccia di riso

Tipi di substrati inorganici

  • perlite
  • Lana di roccia
  • ghiaie
  • Sabbia di fiume
  • Terra vulcanica o tezontle
  • Argilla espansa
  • Vermiculite

Substrati per idroponica

I substrati idroponici sono utilizzati per la nuova “coltivazione fuori suolo” o coltivazione idroponica . In idroponica le piante non si depositano su un substrato fertile o terreno coltivato, ma i nutrienti o fertilizzanti si dissolvono nell’acqua che bagna continuamente le radici delle piante.

Il substrato idroponico serve solo come base alle radici per sostenere la pianta, quindi non ha bisogno di contenere materia organica e spesso vengono utilizzati substrati inerti come perlite, cotone, lana di roccia o argilla espansa .

La coltivazione idroponica o fuori suolo è molto diffusa, soprattutto nelle colture intensive su larga scala, come le colture orticole in serra. (Maggiori informazioni nel post sui tipi di substrati idroponici ).

✅ Come migliorare diversi tipi di substrati

Per migliorare il substrato possiamo aggiungere diversi tipi di materiali organici o inorganici. A seconda dei problemi o delle carenze che ha il nostro substrato, prenderemo alcune misure di correzione del suolo o altre.

Come migliorare il terreno sabbioso che si asciuga troppo velocemente

Se il substrato trattiene poca acqua e si asciuga velocemente è perché è sabbioso e drena l’acqua troppo velocemente dopo l’irrigazione.

Per migliorare i terreni sabbiosi e aumentare la ritenzione idrica, dovrebbero essere aggiunti substrati organici con particelle più fini. Questi tipi di substrati compenseranno la granulometria grossolana e la bassa ritenzione idrica delle sabbie. È meglio aggiungere compost, letame o getti di vite senza fine .

Inoltre, per evitare che il terreno diventi troppo secco e trattenga l’umidità (soprattutto quando le temperature sono elevate) si consiglia vivamente di ricoprire il terreno con uno strato di pacciamatura o pacciamatura organica per giardini .

Aumentare la porosità per migliorare i terreni argillosi o compattati

Se il terreno ha poca aerazione ed è molto compattato (come nel caso di terreni argillosi o pesanti), dobbiamo utilizzare materiali per migliorare la porosità del substrato .

Substrati per migliorare i terreni argillosi :

  • Compost
  • Ghiaie e sabbie
  • perlite
  • Vermiculite
  • Terra vulcanica
  • Argilla espansa
  • corteccia di pino

Inoltre, se il terreno è leggermente acido, si può aggiungere della calce al substrato per migliorare i terreni pesanti (sconsigliato in terreni basici o alcalini perché il pH si alzerebbe troppo).

Fertilizzanti per migliorare i terreni poveri

La cosa migliore per le piante da giardino è fertilizzare il terreno con fertilizzanti naturali . Questi substrati organici , oltre a fornire elementi nutritivi, migliorano la struttura e la tessitura del terreno .

Uno dei migliori fertilizzanti organici , il compost , può essere prodotto nel giardino stesso grazie agli scarti vegetali generati, anche se è facile da trovare anche in qualsiasi negozio di giardinaggio o altri negozi specializzati.

Oltre al compost, la fertilità del suolo può essere migliorata con altri fertilizzanti ecologici come letame, lombrichi o sovesci (che sono piccoli legumi, come i trifogli, che vengono coltivati ​​e poi sradicati e interrati, apportando materia organica al substrato).

Nel post sui tipi di fertilizzante organico puoi trovare maggiori dettagli su questi e altri modi per migliorare il terreno con i fertilizzanti.

Come migliorare i terreni acidi acidi

In generale, il pH ottimale per le piante da giardino è leggermente acido o neutro (pH da 5,5 a 7). Ci sono specie che prediligono suoli acidi, come mirtilli, fragole, fagiolini o pomodori; e altre colture che danno i migliori risultati con terreni leggermente alcalini, come lattuga, asparagi o cipolla.

Migliorare terreni acidi o con pH troppo basso è semplice: basta aggiungere substrati o componenti a pH basico (calcinanti) che contrastano l’acidità.

I più usati per migliorare i terreni acidi sono gli ammendanti calcarei (con calcio) come la calce agricola o la calcite (carbonato di calcio), ma ci sono anche altre sostanze alcalinizzanti come dolomiti, gusci macinati o ossido di magnesio.

La quantità e la frequenza di applicazione dei calcinacci per terreni acidi dipende da diversi fattori: tipo di sostanza (se si tratta solo di calce o sono previsti altri elementi), tipo di coltura (ogni pianta ha un pH al quale si sviluppa meglio), precedente stato da terra, ecc.

Queste sono solo alcune cose importanti sui substrati per vasi e sul miglioramento del terreno del giardino, ma ce ne sono molti altri… (Ecco alcuni riferimenti utili sui tipi di substrati e su come migliorarli).

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *