Suggerimenti

Coltivazione di funghi: [Cura, Semina, Irrigazione, Substrato e Parassiti]

Il fungo ( Agaricus bisporus ) è un ingrediente molto diffuso nella gastronomia di tutto il mondo ed è anche chiamato fungo .

In generale, questo prodotto può essere consumato con qualsiasi tipo di alimento, anche se alcune persone pensano di no.

Di solito è un raccolto che necessita di condizioni speciali, quindi è necessario conoscere i dettagli per poterlo fare correttamente e avere successo.

Per questo motivo, in questo articolo ti diamo tutte le informazioni che devi sapere per andare avanti con la semina dei funghi in casa

 

Punti importanti quando si semina il fungo
  • Quando? Preferibilmente durante l’autunno o la primavera .
  • Dove? In un luogo buio con una buona ventilazione e una temperatura adeguata.
  • Come prepariamo il terreno? Favorire la creazione di un substrato ricco di letame e nutrienti vari.
  • Come dovremmo annaffiare? Con uno spruzzatore, assicurando che l’umidità sia sempre la più ottimale possibile.
  • Ogni quanto bisogna annaffiare? Dipende dal livello di umidità che mantiene la coltura. Non dovrebbe mai essere esagerato.
  • Quali parassiti e malattie hanno? I ragni e la muffa sono due dei tuoi problemi più seri.

Caratteristiche dei funghi

I funghi o Agaricus bisporus (nome scientifico) sono il frutto di un fungo che, naturalmente, non può essere visto ad occhio nudo.

Ciò significa che mentre il fungo ha una dimensione stabilita e visibile, il fungo che lo produce può essere molto più grande.

È proprio per questo motivo che quando si effettua la coltivazione dei funghi questa caratteristica deve essere considerata per determinare il volume di produzione che si avrà.

In genere il fungo ha un colore biancastro durante la sua giovinezza, mentre diventa più cremoso a maturazione. La sua forma è rappresentativa, poiché si presenta come un cappello emisferico o piatto, a seconda della specie, con un piede cilindrico.

Allo stesso modo, le sue dimensioni e il suo peso variano a seconda del tipo, sebbene tutte le specie conosciute mantengano un sapore morbido e delizioso.

 

Dove dovremmo coltivare i funghi?

In generale, la coltivazione dei funghi va fatta in luoghi bui e freschi, come gallerie, grotte o cantine. La cosa migliore è che venga mantenuto un buon traffico aereo, poiché la quantità di anidride carbonica nell’ambiente deve essere curata.

Temperatura

Allo stesso modo, la temperatura deve essere compresa tra 12 e 14 ºC, potendo sopportare un indice più alto, tra 8 e 18 ºC .

Umidità

Anche l’umidità ha un ruolo principale, essendo necessario che venga mantenuta in media dal 75 all’80%.

È importante sapere che i funghi non hanno clorofilla, quindi non possono assorbire i nutrienti dalla terra come le piante.

Ciò rende essenziale seminare su materiale organico come il letame , per garantire che consumi i nutrienti di cui ha bisogno.

 

Quando dovrebbero essere coltivati ​​i funghi?

Non esiste una stagione prestabilita in cui dovrebbe avvenire la coltivazione dei funghi.

Tuttavia, tenendo conto della temperatura ambientale, si può stabilire che il momento migliore per questo è durante l’ autunno o la primavera .

Entrambe le stagioni hanno temperature temperate adeguate per mantenere i funghi sani e in grado di crescere correttamente. Si raccomanda di fare molta attenzione durante l’ inverno e l’ estate all’umidità e che si presti molta attenzione alle temperature, in modo che non subiscano danni.

La coltivazione può essere effettuata in cassette, appositi sacchetti o direttamente in terreni bui e freschi , a piacimento.

Come prepariamo il terreno?

È essenziale che il substrato in cui viene posto il fungo sia ben preparato, poiché la produzione sarà ottenuta finché esistono i nutrienti .

Per questo motivo si consiglia di realizzare un compost ben bilanciato con sostanze nutritive e minerali, che si uniranno alla paglia per creare il sito perfetto per il fungo.

Il compost deve mantenere una temperatura di 23 o 24 ºC prima dell’iniezione del fungo , poiché il calore sarà necessario per il suo sviluppo primario.

 

Come seminare i funghi passo dopo passo?

  1. Una volta preparato il substrato, è conveniente iniettare i miceli (ife che sono responsabili della creazione della struttura del fungo).
  2. Successivamente la temperatura deve essere mantenuta calda per favorire lo sviluppo dei miceli e delle radici bianche .
  3. Questo sarà il caso per le prime due settimane, facilitando il corretto svolgimento del processo. Può essere ottenuto con l’uso di un termoforo.
  4. Trascorso questo tempo, è il momento di lasciare che l’ambiente si raffreddi adeguatamente e per questo è necessario rimuovere il termoforo.
  5. Ora tutto l’ambiente va ricoperto da un sottile strato di terra o muschio, terminando con la copertura dell’intero perimetro con un telo sottile.
  6. Dieci giorni dopo, il telo viene rimosso e l’intera terra viene inumidita due volte al giorno con uno spruzzatore , in modo che appaiano i primi germogli.

Di che cure ha bisogno il fungo?

Per avere un raccolto sano è necessario non dar loro luce, poiché questo ucciderebbe il fungo e tutto il lavoro svolto andrebbe perduto.

L’umidità è estremamente importante, quindi bisogna sempre averne cura, anche se non è consigliabile annaffiare troppo.

Come innaffiare i funghi

Per evitare questi problemi, è meglio farlo con uno spruzzatore, tenendo presente che il supporto va mantenuto sempre umido .

Anche la temperatura è un problema prioritario, così come la ventilazione. Entrambi gli aspetti devono essere attentamente curati.

Al momento della raccolta si consiglia di farlo come si toglie una vite, evitando di disturbare i funghi circostanti.

 

Il deposito

La conservazione del prodotto va effettuata anche al buio, per evitare problemi con la sua conservazione.

Quali parassiti e malattie ha?

Eccesso di umidità e muffa

Uno dei principali problemi che può presentare la coltivazione dei funghi è l’ eccesso di umidità, che favorisce la comparsa di muffe.

Questo è difficile da sradicare, e la prevenzione è il passo più importante di tutti.

Insetti: acari e ragni

Per quanto riguarda i parassiti, il fungo di solito ha problemi con alcuni acari, nematodi e altri insetti.

Tra questi ci sono il ragno bianco, biondo e rosso, i ditteri e i coleotteri. Devi stare attento con tutti loro, poiché influenzano il tuo sviluppo diretto.

 

La macchia batterica e la bolla secca sono due importanti malattie dei funghi.

Il primo provoca macchie sul cappello dello stesso, mentre il secondo provoca deformazioni che possono portare al marciume del “frutto”.

I funghi non sono solo deliziosi, ma anche molto salutari, motivo per cui sono tra i preferiti di molte persone.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.