Suggerimenti

Irrigazione del giardino: scelta del tipo di irrigazione | Quando innaffiare | Quanto innaffiare

L’irrigazione in giardino è un compito fondamentale e dobbiamo pianificarlo bene. Oggi vedremo come innaffiare un giardino e come scegliere un sistema di irrigazione automatico o manuale . Una volta scelto il metodo di irrigazione, bisogna sapere quanto annaffiare e con che frequenza, vediamo!

Come irrigare il giardino garden

È necessario assicurarsi che il substrato rimanga umido ma senza impregnarsi d’acqua, in modo che le piante possano crescere e svilupparsi correttamente.

La mancanza di acqua nei periodi con poca pioggia e/o molto caldo può causare “stress idrico” nella pianta, che ne produrrà di meno, oppure può addirittura appassire e seccare.

Ma l’irrigazione eccessiva è anche dannosa , perché l’acqua in eccesso che fuoriesce da sotto il contenitore della coltura porta con sé parte dei nutrienti. Inoltre le radici possono soffocare perché con tanta acqua intorno non riescono a catturare l’ossigeno, e aumentano anche le possibilità di parassiti e malattie , soprattutto funghi, a causa dell’ambiente umido che si genera intorno alle piante.

Irrigazione nella sua giusta misura, né più né meno. 

Pertanto, dovrai fare attenzione e annaffiare frequentemente con annaffiature leggere, tenendo conto di alcuni aspetti importanti da cui dipendono la frequenza e il tempo di irrigazione , come ad esempio:

  • Il fabbisogno idrico delle colture (ci sono piante che necessitano di più acqua e altre che ne richiedono di meno).
  • La dimensione del  contenitore (le piante in piccoli contenitori dovrebbero essere annaffiate più spesso).
  • La densità delle piante (meno volume di terreno c’è per ogni pianta, meno acqua può essere immagazzinata e per meno tempo, quindi devi annaffiare di più quando c’è poco spazio tra le piante rispetto a quando la separazione è maggiore) .
  • Il tipo di substrato (alcuni trattengono più acqua di altri).
  • Il clima (acqua apportata dalle piogge, temperatura, sole…).

Quanta acqua ha bisogno un giardino?

Certo, le piante hanno bisogno di più acqua in estate che in inverno , poiché se le temperature sono più alte e il sole splende sui contenitori, l’acqua evaporerà molto più velocemente. Conclusione: in generale è sufficiente annaffiare una o due volte alla settimana in inverno e, in estate, ogni giorno. In primavera e in autunno dovrai regolare l’irrigazione in base alle temperature e alle piogge.

La chiave è controllare l’umidità del terreno, ad esempio immergendo il dito nel substrato o una matita (se esce pulito, senza terra attaccata, il substrato è molto secco) o usando un misuratore di umidità, un gadget molto utile per sapere quando annaffiare e non troppo costoso.

L’acqua di cui ogni pianta ha bisogno non è esattamente la stessa, quindi per sfruttarla al meglio si possono associare le colture  in gruppi e dare a ciascuna la giusta irrigazione, tenendo conto che ci sono colture più esigenti e che altre, come aglio o aglio cipolla, sono in grado di svilupparsi con meno acqua:

  • Poca irrigazione: aglio, cipolla, ceci, lenticchie o erbe aromatiche come lavanda, rosmarino, timo, origano…
  • Irrigazione media: pisello, pomodoro, cetriolo, rapa e alcuni fiori che utilizziamo per scacciare gli insetti, come basilico, calendula o calendula.
  • Innaffiature abbondanti: bietole, carciofi, sedano, zucchine, cavoli, porri…

Se hai il tuo giardino in una zona asciutta, è consigliabile scegliere colture poco impegnative (perenni) oppure, se metti colture stagionali come le colture orticole, annaffiare a sufficienza e fare attenzione che il terreno non rimanga asciutto.

A che ora è meglio annaffiare?

Quando è meglio annaffiare il giardino, al mattino o alla sera? Tutto dipende dal periodo dell’anno.

Nella stagione secca (estate) è meglio annaffiare una volta che il sole è tramontato, in modo che l’acqua evaporata a causa del caldo sia minore.

In inverno, e soprattutto se c’è il rischio di gelate, non è consigliabile annaffiare di notte perché se le temperature scendono troppo fredde, l’acqua troppo fredda può danneggiare le radici.

Come innaffiare un giardino?

Quale metodo usare per innaffiare il giardino? La prima domanda che dobbiamo porci per pianificare l’irrigazione è l’irrigazione manuale o l’irrigazione automatica? Vedremo di seguito i vantaggi di innaffiare il giardino manualmente o con un sistema automatico, così come gli impianti di irrigazione di ogni tipo.

Irrigazione manuale

Se hai tempo e il tuo giardino non è troppo grande, opta per l’irrigazione manuale con un annaffiatoio o con un tubo , poiché è un modo molto efficace per innaffiare, controllerai l’acqua applicata e puoi cogliere l’occasione per prendere un guarda le tue colture e controlla che non siano state attaccate da parassiti o malattie.

Se utilizzi un tubo, puoi incorporare un ugello spruzzatore , per evitare di fare “buchi” e pozzanghere nel substrato. È importante non bagnare troppo le foglie delle piante, perché questo può causare la comparsa di funghi e altre malattie su di esse.

Esistono altri tipi di irrigazione manuale tradizionalmente utilizzati nei giardini rurali: l’ irrigazione a solco e l’ irrigazione a piena . Se hai molta acqua a disposizione (un serbatoio, un pozzo…) puoi utilizzare uno di questi sistemi poiché sono molto efficaci e bagnano tutto il terreno che circonda le radici.

Pur assolvendo alla loro funzione, l’irrigazione di superficie in un orto urbano non è conveniente perché consuma troppa acqua e non è efficiente (ci sono grosse perdite dovute all’evaporazione, molto maggiori che negli impianti di irrigazione localizzata).

Se hai scelto l’ irrigazione manuale e non automatica , dovrai pensare a come innaffiare le piante quando non sei in casa . È possibile acquistare  irrigatori o coni per irrigatori, che manterranno sufficiente umidità nel substrato per diversi giorni.

Si tratta di un dispositivo molto semplice, una specie di cono in materiale poroso che riceve l’acqua da un serbatoio (bottiglia, secchio, caraffa…) attraverso un tubicino di plastica o direttamente avvitandolo in una bottiglia. Puoi acquistarli in qualsiasi negozio di giardinaggio o realizzare un sistema di irrigazione fatto in casa (maggiori informazioni su come farlo nel post Irrigazione in vacanza: 3 sistemi di irrigazione domestica ).

Irrigazione automatica

Se hai deciso per   l’irrigazione automatica,  devi tenere in considerazione che dovrai avere un rubinetto o un altro tipo di presa d’acqua nelle vicinanze e, in caso contrario, devi installare un serbatoio  ad una certa altezza (due metri o più) così che l’acqua scenda per gravità con una pressione sufficiente.

Ci sono molte opzioni per l’ irrigazione automatica del giardino . La più utilizzata per i suoi numerosi vantaggi è l’irrigazione a goccia , ma si possono anche installare irrigazioni a nastro essudativo ( impianto di irrigazione a goccia che utilizza tubi forati  interrati),  microirrigatori  o contenitori con autoirrigazione incorporata (falde acquifere). coltivazione con vasca sul fondo che mantiene costante l’umidità).

Ci sono maggiori informazioni sui tipi di irrigazione automatica in giardino nel post 6 Tipi di irrigazione per il tuo giardino o giardino . In altri articoli vedremo anche le peculiarità, i vantaggi e gli svantaggi di ogni metodo di irrigazione e come installarli. Spero ti sia utile!  

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *