Suggerimenti

Fireweed: [coltivazione, irrigazione, cura, parassiti e malattie]

L’ Epilobium hirsutum è una specie che vive nelle zone temperate dell’Europa, dell’Asia e di parti dell’Africa, ma è stata introdotta in altre parti del mondo, come nel caso del Nord America.

Si caratterizza per i peli fini e morbidi che ricoprono la pianta. Tuttavia, è una pianta aggressiva che si diffonde rapidamente, diventando una minaccia per altre specie.

Chiamata anche rosadelfilla, è usata in medicina per curare l’influenza, come rimedio per problemi respiratori e della pelle, nonché per curare ferite e ulcere superficiali.

Punti importanti quando si pianta un oleandro:
  • Nome scientifico: Epilobium hirsutum.
  • Nome volgare : Oleandro peloso, Garofani diSant’Antonio, Erba diSant’Antonio, Alloro di Sant’Antonio, Rosmarino, Epilobio.
  • Altezza: 1,50 metri.
  • Fabbisogno di luce: luce diretta e semiombra.
  • Temperatura: climi temperati e freddi.
  • Irrigazione: Intermedia.
  • Compost : organico.

Quali sono le caratteristiche dell’oleandro?

L’ oleandro è una pianta erbacea perenne che cresce fino a 1,5 metri di altezza ed è caratterizzata da una sottile peluria tector dappertutto . I germogli laterali nascono dal suo fusto e sono fissati al suolo mediante ancoraggi o radici avventizie.

Le sue foglie sono opposte, ma alterne nella zona dei grappoli, seghettate, semi-amplessate e densamente pelose. I fiori di oleandro hanno un regolare corolla viola-rosa.

Fioriscono durante i mesi di luglio e agosto. Sono larghe tra 2 e 3 centimetri e sono raggruppate in mazzi da 10 a 22 fiori ciascuno. Il frutto di questa pianta è una capsula lunga da 6 a 9 centimetri.

All’interno sono presenti 4 scomparti in cui alloggiano piccoli semi obovoidi marrone scuro. A loro volta, dai semi spuntano filamenti setosi che permettono loro di essere dispersi dal vento.

Quando seminare l’oleandro?

I semi dell’oleandro non hanno dormienza, ma perdono la loro vitalità dopo 18-24 mesi. Germinano in primavera in condizioni naturali come le stagioni delle piogge e le temperature calde. Se la coltivazione avviene per divisione, sarà più opportuno farlo durante la primavera e l’ autunno .

Dove piantare l’oleandro?

L’ oleandro è una pianta che tende a formare fitti popolamenti nei torrenti e nei pressi di luoghi con umidità. Di solito si moltiplica in luoghi con estati brevi e calde e inverni lunghi e freddi.

I terreni più adatti per piantare l’ oleandro sono sabbiosi, leggeri, argillosi e basici, con un pH compreso tra 5,5 e 8, dove la pianta può ricevere luce solare diretta.

Come preparare il terreno?

L’ oleandro può essere coltivato in qualsiasi tipo di terreno purché sia ​​ben drenato ma abbia la capacità di trattenere l’umidità. Tuttavia, la germinazione migliora quando il terreno è nutrito e la sua acidità è ridotta.

Se il substrato è argilloso o ha una scarsa capacità di drenare l’acqua, puoi mescolare il terreno del giardino con il 20% di perlite.

Come innaffiamo l’oleandro?

Per natura, l’ oleandro cresce nelle zone umide. Infatti, gli specialisti l’hanno classificata come pianta semiacquatica, con tolleranza al ristagno e all’inondazione. Tuttavia, tali condizioni riducono la crescita delle piante.

Per quanto sopra, è preferibile annaffiare moderatamente per mantenere costante l’umidità nel substrato dell’oleandro , evitando pozzanghere.

Ogni quanto annaffiamo l’oleandro?

Dopo che la pianta è stata trapiantata, va annaffiata un paio di giorni alla settimana o più, come richiesto dal substrato.

Una volta che la pianta è stata stabilita, puoi ridurre il rischio e farlo una volta alla settimana.

Bisogna però fare attenzione al livello di umidità del terreno durante l’ estate e innaffiare frequentemente la pianta in modo che il substrato non si secchi.

Come seminare un oleandro passo dopo passo?

Sebbene la produzione di semi dell’oleandro sia estremamente elevata, circa 80.000 semi all’anno, la sua riproduzione avviene principalmente per via vegetativa.

Tuttavia, è possibile coltivare efficacemente l’ oleandro dai semi e dalle talee . Di seguito sono riportati i passaggi per coltivarli in questi due modi.

Per seme

  1. In un semenzaio con substrato umido, posizionare un paio di semi di oleandro a 3 millimetri di profondità e inumidire con un flacone spray.
  2. Coprire il semenzaio con del vetro e posizionarlo all’esterno , contro un muro rivolto a nord.
  3. Generalmente i semi iniziano a germogliare dopo 6 o 10 giorni.
  4. Una volta che le piantine germogliano, lasciale crescere per 6-7 settimane, finché l’ oleandro non ha almeno 2 paia di foglie vere o è alto circa 4 pollici.
  5. Trapianta l’ oleandro in una zona soleggiata o semiombreggiata, lasciando uno spazio di 30-60 centimetri tra loro.
  6. Innaffia moderatamente ma frequentemente.

Tagliando

  1. Prendi una sezione delle radici dell’oleandro che misura da 5 a 10 centimetri.
  2. Trapiantare nel luogo desiderato, a 5 centimetri di profondità e coprirlo di terra per 1 o 2 centimetri.
  3. Mantieni il substrato umido fino alla comparsa dei germogli.

Di che cure ha bisogno l’oleandro?

Sebbene non sia necessario, l’ oleandro può crescere meglio se il compost viene applicato bisettimanalmente durante la stagione calda, che può iniziare in primavera e finire fino alla fine dell’estate.

È importante notare che l’ oleandro si diffonde rapidamente. Per evitare che la pianta si diffonda in tutto il giardino, anche nelle zone limitrofe, si consiglia di recidere i fiori dopo il periodo di fioritura ed eliminare le radici e i rizomi dal terreno.

Sebbene sia spesso usato come pianta ornamentale, in alcune parti del mondo, l’ oleandro è stato classificato come erba nociva e sono state imposte normative per mantenerne il controllo. Si consiglia di verificare le normative locali per la coltivazione di questa pianta.

Quali parassiti e malattie colpiscono l’oleandro?

L’ oleandro è una pianta che raramente viene colpita da parassiti o malattie. Tuttavia, in esso sono state trovate specie del genere Pucciniastrum , come Fuschia Rust (Pucciniastrum epilobii) , nonché agenti patogeni come Seimatosporium , tra gli altri.

Riferimenti

  • https://bibdigital.rjb.csic.es/medias/f9/86/3a/e2/f9863ae2-f845-454c-98c8-71cba67f2382/files/Fl_Iber8.pdf
  • https://www.academia.edu/37184980/Primer_registro_de_Epilobium_hirsutum_Onagraceae_para_la_Flora_Argentina
  • http://www.juntadeandalucia.es/medioambiente/portal_web/web/temas_ambientales/biodiversidad/5_red_centros/2_red_jardines_botanicos/00_jardines/07_hoya_pedraza/planta_mes_hoya_pedraza/HOYA_PEDRAZA_SEP_2020.pdf
  • http://www.floraiberica.es/floraiberica/texto/pdfs/08_097_03%20Epilobium.pdf
  • http://acorral.es/malpiweb/florayfauna/adelfillapelosa.html
  • https://www.gardenershq.com/Epilobium-French-Willow.php
  • https://www.nwcb.wa.gov/images/weeds/Profile_hairy-willlow-herb_IPM_2010.pdf
  • https://depts.washington.edu/propplnt/Plants/epilobium.htm
  • http://intranet.comunidadandina.org/Documentos/Consultorias/Con7202.pdf

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.