Suggerimenti

Perché DANONE, Kelloggs o Dove utilizzano sostanze cancerogene nei loro prodotti?

Ancora una volta, i consumatori vengono ignorati e trattati senza alcun tipo di rispetto per la loro salute , il benessere e il diritto all’informazione . Per coloro che consumano ancora i prodotti della multinazionale francese DANONE, sappiate che includono i nanometalli nei loro yogurt. E non è che sia noto perché lo indicano sulle loro etichette, ma perché questo è stato evidenziato da uno studio realizzato da The Project on Emerging Nanotechnologies che conclude che DANONE ha ” spolverato ” i nanometalli per far apparire più bianchi i suoi yogurt. In particolare, ha utilizzato biossido di titanio ( E171), che ha un grande potere sbiancante, oltre ad essere un veleno per la salute.

Ricordiamo che in Francia, sede della multinazionale, è stata vietata la vendita di Actimel e in altri paesi come la Germania o l’Olanda è stata denunciata per pubblicità ingannevole e costretta a ritirare la pubblicità in cui si riportava sulla sua presunta” benefici”, cioè che questo prodotto non aiuta la salute, vale solo per riempire le tasche dei dirigenti di turno.

Il biossido di titanio è molto dannoso per le cellule cerebrali, i reni o anche per la fertilità. Ma non è tutto. Il biossido di titanio è elencato dall’American Cancer Society come una delle sostanze potenzialmente cancerogene. Perché è consentito utilizzarlo nei prodotti alimentari, cosmetici e per l’igiene che usiamo ogni giorno?

Il biossido di titanio viene utilizzato in vernici, plastica, giocattoli, mobili, elettrodomestici, ceramiche o cemento, e ora è nello stomaco.

Non solo DANONE, Kelloggs o Dove usano questo veleno, è anche usato da altre multinazionali alimentari e cosmetici e prodotti per l’igiene per fare, ad esempio, creme solari o dentifrici sbiancanti, saponi, carta da sigarette, maionese, formaggio, pillole, mucca e soia latte, vestiti bianchi… In totale sono più di 1.600 i prodotti identificati sul mercato che contengono biossido di titanio . La cattiva notizia è che non sono tenuti ad indicarlo sulle loro etichette, che verrebbero indicate come E171, se non superano l’1% del volume totale del prodotto, sebbene quella piccola quantità solitamente ingerita in molti prodotti sia sufficiente per causare malattie mortali.

Se vuoi vedere l’elenco dei marchi con prodotti che utilizzano questo veleno clicca qui

Anche Friends of the Earth ha diversi studi a riguardo.

.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *