Suggerimenti

Ulmus Pumila: [Colture, Irrigazione, Associazioni, Parassiti e Malattie]

Punti importanti quando si pianta Ulmus pumila
  • Dove seminare? In piena luce. Ha bisogno di molta luce solare.
  • Quando? In primavera .
  • Come prepariamo il terreno? Rimosso, eliminando le erbacce . Con substrato di 70% akadama 30% kiryuzuna
  • Come innaffiamo? Con gocciolamento .
  • Quanto spesso annaffiamo?  In estate , abbondante 2-3 volte a settimana. Il resto dell’anno innaffiature distanziate.
  • Piaghe e malattie? Cocciniglie, Barrenillos, Olmo Beetle. Grafiosi.

Attualmente la pianta dell’ulmus pumila si trova in qualsiasi regione del mondo, ma le sue origini provengono dalla Siberia, dalla Cina, dalla Corea, dal Turkestan, dall’India e dall’Iran. Appartiene alla famiglia delle Ulmaceae.

Il nome di ulmus deriva dal latino che significa “olmo” e pumila “pumilus” che si riferisce alle sue dimensioni “piccole”. Ulmus pumila è anche conosciuto come olmo siberiano o siberiano.

Ulmus pumila ha rami eretti e corteccia ruvida. Le sue foglie sono decidue, alterne, seghettate, ovali di piccola dimensione, piatte e a gambo corto e con base asimmetrica.

La sua altezza non supera i 12 metri di altezza e in casi del tutto eccezionali questo arbusto ramoso può raggiungere un’altezza di 25 metri. Ha un frutto con un solo seme situato al centro.

Quando seminare Ulmus pumila?

La pianta dell’ulmus pumila fiorisce a fine inverno, prima che emergano le foglie, ma i suoi frutti maturano in primavera. La pianta dell’ulmus pumila fa molto bene da semi , talee o stratificazione in primavera.

Dove farlo?

Ulmus pumila può essere coltivato in pieno sole poiché richiede molta luce.

Questa pianta è considerata una specie invasiva e può essere coltivata ovunque, inclusi anfratti e siepi, giardini rocciosi e ovunque i suoi semi riescano a germinare.

Essendo una pianta di tipo robusto, si trova ad altitudini prossime al livello del mare e fino ad altezze superiori ai 2000 metri.

L’ulmus pumila viene utilizzato negli allineamenti o anche in gruppi in parchi e giardini, poiché sostiene molto bene l’inquinamento urbano.

Come preparare il terreno?

L’ulmus è un tipo di arbusto che non è impegnativo e può essere piantato in tutti i tipi di terreno, compreso il calcare, resistendo alle alte temperature e agli inverni rigidi.

Predilige i terreni profondi poiché il suo apparato radicale gli consente di ottenere dal profondo i nutrienti necessari alla sua crescita.

Mentre l’ulmus pumila cresce bene sia su substrati poveri che su substrati molto compatti, tuttavia, un tipico substrato 70% akadama 30% kiryuzuna delizierà una crescita sana e sana.

È un arbusto che, a differenza di altri alberi della sua specie (olmi), non fornisce ombra abbondante e densa, principalmente per la disposizione delle sue foglie.

Il suo risveglio primaverile è anticipato, dovremo solo aspettare di vederlo crescere per iniziare a concimare sia nel germogliamento primaverile che in quello autunnale, entrambi anticipati.

Come innaffiamo l’Ulmus pumila?

È una pianta che necessita di annaffiature abbondanti, sebbene possa resistere alla siccità. Non è esigente con la qualità dell’acqua, anche se nelle irrigazioni con acqua molto dura compariranno macchie calcaree sulle foglie e una scaglia biancastra giallastra alla base del tronco e sulla superficie del substrato.

Come seminiamo un Ulmus pumila passo dopo passo?

Per seminare ulmus de pumila si consiglia:

  1. Prepara il luogo per la semina, rimuovendo tutte le erbacce e rimuovendo il terreno.
  2. Innaffia con molta attenzione, attenzione e lentamente, fino a quando il terreno non è impregnato. Durante i periodi di siccità è necessaria un’irrigazione costante per mantenere la pianta umida.
  3. Fornire una quantità compresa tra 7 e 10 centimetri di pacciame organico nell’area della radice dell’albero.
  4. Tieni il pacciame a una distanza di cinque o sei centimetri dal tronco.
  5. Se si desidera un albero dalla crescita sana e vigorosa, si consiglia di aggiungere fertilizzanti speciali per questo tipo di olmo siberiano durante l’ autunno .
  6. Quando l’albero sta crescendo, i rami spezzati, danneggiati e morti possono essere potati tutte le volte che è necessario.

Per saperne di più, puoi vedere: Talee di olmo .

Quali associazioni favorevoli ha?

L’associazione di colture vegetali compatibili produce benefici rispetto alla loro coltivazione separata, oltre all’utilizzo di luce, acqua e/o sostanze nutritive.

In alcune occasioni e soprattutto in aree di praterie o boschi naturali, l’ulmus pumila si può vedere accompagnare altre specie come querce, abeti e lecci .

Ma non dimenticare che l’ulmus pumila è una specie invasiva e può spostare le piante vicine per sopravvivere.

Quali parassiti e malattie attaccano Ulmus pumila?

Ulmus pumila è una specie molto resistente alle malattie.

È stato piantato in massa per sostenere altre specie perché non è attaccato dalla grafiosi che sta distruggendo gli Olmi. La grafiosi è una malattia di tipo fungino.

È prodotto da un fungo che appartiene al genere Ophiostoma ed è trasmesso da un coleottero della famiglia degli scolitidi. Ma l’ulmus pumila può essere attaccato da parassiti e insetti, come i bruchi defogliatori, lo scarabeo dell’olmo; Barrenillos, cocciniglie, trivellatori.

Viene spesso attaccato anche dall’afide verde, dalla mosca bianca e dal fungo nero.

Bibliografia e riferimenti

  • Enciclopedia Le mie prime conoscenze su piante, serpenti e conservazione . (1961). Edizione spagnola del Dr. Frank Thompson. Editoriale Grolier Incorporated New York. Stampato in Messico.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *