Suggerimenti

Arlita o argilla espansa: come utilizzare questo supporto

La torba non è affatto l’unico substrato che possiamo utilizzare per le nostre piante. Sì, è il più conosciuto. Da esso si possono realizzare impasti con diversi materiali a base di minerali come perlite, vermiculite e argilla o argilla espansa, come è anche noto. Tutti questi composti garantiscono una migliore capacità di drenaggio e ossigenazione delle radici, e possono essere perfettamente miscelati tra loro fino al raggiungimento del perfetto supporto.

In questo articolo vogliamo parlarvi delle caratteristiche differenzianti dell’argilla o dell’argilla espansa, delle sue proprietà e dei migliori consigli per utilizzarla come substrato per tutti i tipi di piante.

L’argilla espansa o le palline di argilla vengono utilizzate anche come elementi decorativi per il loro colore e aspetto, oltre a migliorare notevolmente la filtrazione dell’acqua, ridurre l’evaporazione dell’acqua dal supporto (molto interessante per xeriscaping), conferendo valore estetico e riducendo la germinazione delle erbe infestanti nel nostro giardino.

Vogliamo anche studiare il comportamento dell’argilla miscelata con altri substrati convenzionali, vedendo cosa contribuisce questo elemento all’impasto finale e in quali quantità si consiglia di mescolare l’argilla espansa con torba o compost per ottenere tutti i suoi benefici.

Principali caratteristiche dell’argilla o dell’argilla espansa

L’argilla espansa è molto ben definita dal suo nome. Altri modi per conoscerla è come arlita. Si caratterizza per essere un aggregato ceramico con pochissimo peso specifico ed elevata porosità. Si tratta di piccole palline marroni a granulometria variabile, a seconda del substrato scelto, che possono avere un diametro da 0,5 cm a 1,5 cm. La sua densità è molto bassa. Un volume di 1000 L riempito con argilla espansa può pesare tra 300 e 500 kg/m3.

Gli usi originali dell’aril sono incentrati sull’edilizia , utilizzato come materiale di isolamento termico, costruzione in calcestruzzo, riempimento di pendii o depurazione dell’acqua.

Vedendo queste eccellenti qualità di ritenzione dell’umidità, isolamento e densità, è stata studiata la sua incorporazione nel catalogo dei substrati di cui possiamo godere oggi nel giardinaggio. Lo spazio lasciato tra sfera e sfera permette una grande ossigenazione dell’aria, mentre una grande quantità di acqua penetra, con drenaggio rapido. Per questo motivo viene solitamente miscelato con substrati a maggiore densità e contenuto minerale, come la torba, per ottenere un rapporto ideale.

L’argilla o argilla espansa viene utilizzata come substrato in tutti i tipi di colture, dalla germinazione dei semi, alla copertura superficiale, alla coltivazione di bonsai e piante succulente, che necessitano di elevate condizioni di ossigenazione nel mezzo per lo scarso sviluppo delle loro radici e la loro elevata sensibilità ristagno d’acqua.

Proprietà e usi dell’argilla come substrato

Ci sono alcune proprietà caratteristiche dell’arile come substrato. Conoscendoli, possiamo pensare al mix ideale del nostro substrato in base alla coltura o alla situazione che ci interessa.

conservazione dell’umidità

Soprattutto in estate, è interessante garantire una buona conservazione dell’umidità dell’irrigazione che abbiamo dato. In caso contrario, dovremo aumentare molto di più la frequenza dell’irrigazione e diventare schiavi del fabbisogno di umidità delle nostre piante.

Con l’uso di questi substrati inerti, possiamo ridurre l’evaporazione dell’acqua dal mezzo, soprattutto quando utilizziamo alte concentrazioni di torba, che, per il suo colore scuro, concentra molta temperatura ed evapora rapidamente l’acqua.

Il modo più consigliabile per ridurre l’evaporazione è posizionare un piccolo strato di argilla o argilla espansa sulla superficie dei vasi. Oltre a migliorare la filtrazione dell’acqua, ridurrà l’incidenza del sole direttamente sul substrato.

Ossigenazione delle radici

Esiste un’ampia varietà di piante che necessitano di condizioni di elevata ossigenazione e sono molto sensibili all’allagamento delle radici. Ad esempio piante succulente composte da tutti i tipi di cactus, con sviluppo radicale molto ridotto e intolleranti allo scarso drenaggio in vaso.

La miscela di substrati inerti quali argilla, ghiaia vulcanica ed altri, unitamente a substrati organici, garantiscono un perfetto drenaggio dove la massima concentrazione di umidità è ideale per evitare marciumi indesiderati.

In alcuni casi, per questo tipo di cactus, viene utilizzata argilla espansa al 50% con il 50% di torba, incorporando come abbiamo a nostra disposizione, della sabbia per coprire i buchi lasciati dall’argilla. 

Decoro

L’argilla espansa è molto utilizzata come elemento decorativo per un giardino, soprattutto quelli di natura xerofitica (che consumano pochissima acqua), con presenza di cactus e piante succulente.

Puoi anche creare abbinamenti di colore con ghiaia bianca vulcanica e argilla, descrivendo forme specifiche per dare un aspetto migliore al pavimento del nostro giardino.

Questo strato di substrato inerte composto da materiali molto porosi, oltre alla decorazione, garantisce protezione contro lo sviluppo di erbe infestanti e offre anche proprietà termodinamiche che spiegheremo più avanti.

drenaggio dell’acqua

Più fori ogni granulo di foglie di argilla espansa, maggiore è la capacità drenante di un substrato rispetto a un altro. Lo stesso vale per la sabbia, composta da particelle molto più grandi e caratteristica di un terreno leggero, e l’argilla, composta da particelle molto piccole e caratteristica di un terreno pesante.

Leggi di più: come conoscere la consistenza del terreno del tuo giardino 

La maggior parte dei substrati universali che possiamo acquisire non garantiscono un drenaggio ottimale come la miscela di più substrati. È qualcosa che possiamo verificare quando annaffiamo una pentola con questi substrati, dove ci vogliono più di 10 secondi perché l’acqua superficiale scompaia ed entri nel terreno.

Per evitare ciò, i materiali che offrono un miglior drenaggio, come ghiaia, perlite, vermiculite o argilla espansa, vengono miscelati con diverse concentrazioni. La miscela è perfettamente compatibile e in base al tipo di coltura e alla sua disponibilità all’umidità, realizzeremo la miscela in percentuale.

Un’irrigazione adeguata per una pentola dovrebbe garantire che drena almeno il 10% dell’acqua introdotta. Con questo, trascinerà i sali accumulati e consentirà alla conduttività del substrato di non salire e salire fino a quando non colpisce le radici, soprattutto quando applichiamo continuamente fertilizzanti.

Alcune miscele consigliate tra torba e argilla espansa sono le seguenti, a seconda della coltura scelta.

  • Substrato per semenzaio:  20-30% argilla espansa e 70-80% substrato. In questo tipo di situazioni, è più consigliabile utilizzare perlite o vermiculite, poiché hanno migliori proprietà di ritenzione dell’umidità.
  • Piante succulente e cactus: 40% argilla espansa e 60% torba. Si possono utilizzare anche ghiaia o sabbie vulcaniche.
  • Piante orticole:  10-20% argilla e 80-90% torba. Questi tipi di piante necessitano di terreni fertili, quindi si consiglia di utilizzare torba mista a humus di lombrico.
  • Ornamentali floreali: 10-20% argilla e 80-90% torba. Seguiamo l’esempio del caso precedente.

Per tutti i tipi di piante, utilizzate come decorazione e per ottenere alcuni dei vantaggi già citati, è possibile aggiungere sulla superficie dei vasi alcune palline di argilla per nascondere il substrato.

accumulo di temperatura

Una parte importante dell’argilla espansa e che è benefica per i mesi invernali e non così positiva per l’estate è utilizzare uno strato superficiale di questo substrato in tutti i vasi, come decorazione.

Essendo composto da colori terrosi e scuri, conserva molto bene la temperatura, soprattutto quando i raggi la colpiscono, e la trasmette al resto del substrato. Per questo motivo, in inverno o in autunno, si ottiene un aumento di diversi gradi di temperatura rispetto ad altri substrati, cosa molto positiva per anticipare la germinazione dei semi.

Tuttavia, nei mesi estivi più caldi, dovremmo evitare di esporre al sole le piante con uno strato di perlite, poiché ci sarà un calore eccessivo e ridurremo la crescita delle radici. Tenere presente che il calore in eccesso nel supporto aumenta la fotorespirazione, che è ciò che provoca l’inutile perdita di acqua al di sopra della sua capacità di assorbimento.

Uso di argilla espansa per bonsai

Nei bonsai, l’argilla espansa è un materiale molto utilizzato per le sue eccellenti qualità drenanti. In questo tipo di coltura si mescolano materiali argillosi, che forniscono nutrienti e umidità alle radici, con materiali inerti che facilitano il drenaggio, poiché il substrato nei bonsai è la chiave principale per garantire il successo.

Arlita è particolarmente indicata quando si effettuano trapianti di bonsai, poiché la sua grande ossigenazione del substrato permette un rapido sviluppo delle radici. Tuttavia, lo svantaggio è che ha così tanto drenaggio che dovremo aumentare la frequenza dell’irrigazione a causa della sua facilità di drenaggio.

I migliori consigli per il substrato per i bonsai sono la scelta del 100% di Akadama o dell’80% di Akadama e del 20% di ghiaia vulcanica o qualsiasi altro materiale drenante con un’elevata granulometria.

Prezzo e acquisto di argilla espansa

A seconda della quantità che acquistiamo, non è un substrato particolarmente economico, motivo per cui vengono utilizzati in piccole quantità e con moderazione. Il suo prezzo è generalmente compreso tra 0,5-1 €/kg. Viene venduto in sacchi, come qualsiasi altro supporto, da piccoli 5 kg a 25 kg o più.

Alcuni prodotti consigliati a base di argilla sono i seguenti:

Altri substrati analizzati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.