Suggerimenti

La semina dei fagiolini passo dopo passo | Come e quando piantare

La coltivazione di fagiolini o fagiolini (Phaseolus vulgaris) è l’argomento del nostro articolo di oggi. Questa pianta appartiene alla famiglia delle cosce uminose o Fabaceae  ( come fagioli, lenticchie, piselli o soia). Sono ortaggi con radici leggere e poco profonde, ma alcune varietà possono raggiungere anche i 3 metri di altezza.

In questo post ti daremo le chiavi per imparare a piantare i fagiolini e prenderci cura della pianta in modo ecologico , considerando tecniche come la rotazione o associazione di colture, la  pacciamatura , e la sostituzione di fertilizzanti chimici e insetticidi naturali per o preparati ecologici.

Associazione colturale: vantaggi di piantare fagioli insieme ad altre piante

I legumi sono piante ammendanti ,  poiché i noduli che si formano sulle loro radici aiutano a fissare l’azoto dall’aria nel terreno, in modo che le piante abbiano più azoto disponibile, e questo è un nutriente essenziale che è fondamentale per la loro crescita e crescita.

Nella progettazione dell’orto è molto utile inserire nelle rotazioni e nelle associazioni colturali piante di questo tipo (legumi come fagiolini, fave, ceci…) .

Coltivare fagiolini in giardino è una buona opzione per migliorare o fertilizzare il terreno in modo naturale . Per questo motivo è buona norma coltivare fagioli quei terrazzi o zone dell’orto che nella stagione precedente ospitavano pomodori, melanzane, zucche o altri ortaggi esigenti e con un elevato fabbisogno nutritivo che “esaurivano” il terreno. Per lo stesso motivo, dopo la raccolta dei fagioli, queste colture impegnative possono essere successive nel luogo in cui sono stati piantati i fagioli.

Il fagiolo si associa bene alla maggior parte delle colture da giardino: sedano, melanzana, zucchina, fragola, cavolo cappuccio, spinaci, lattuga, mais, rapa, patata, porro, ravanello, cavolo cappuccio, carota… anche se non è consigliabile associarlo con aglio, cipolla, barbabietola, finocchio e con altri legumi.

È molto interessante anche coltivare fagiolini per poi utilizzare i resti come fertilizzante verde  per le colture per il prossimo raccolto, o semplicemente coltivarli prima di ortaggi impegnativi come bietole, broccoli, cavoli, patate e piante con i frutti in rotazione. di dimensioni come cucurbitacee e belladonna.

Clima e terreno per coltivare fagiolini

Clima relativamente umido  (ma senza molte fluttuazioni)  e mite: temperatura ottimale tra i 18 ei 24 ºC.  Le gelate sono letali e sopra i 30ºC si possono verificare deformazioni dei baccelli e l’aborto dei frutti. Le migliori produzioni: climi caldi ma non troppo umidi (l’umidità molto elevata provoca malattie alle foglie).

I fagioli sono amanti del sole , quindi dovresti trovare una zona soleggiata nel tuo giardino.

Questa coltura è molto esigente riguardo al suolo, anche se predilige substrati leggeri e soffici, con buon drenaggio e ricchi di sostanza organica. Per ottenere ciò si può effettuare un lavoro relativamente profondo (circa 20 cm) in autunno e un lavoro più superficiale (rastrellatura) per preparare il substrato prima della semina in primavera/estate.

Diversi tipi o varietà di fagiolini

Esistono molte varietà di fagioli e si possono classificare in molti modi : per tipo di baccello, per tipo di seme, per colore, varietà con filo o senza filo, fagioli con pergamena o senza pergamena (i fagioli “con pergamena” o si possono mangiare verdi “da sgranare” ma normalmente si lasciano essiccare da mangiare come “fagioli secchi”, mentre i fagioli “senza pergamena” sono varietà da mangiare verdi)…

Un’altra classificazione divide le varietà in due gruppi: le varietà striscianti, nane o a cespuglio basso, alte circa 30-40 cm, e le varietà a fusto o rampicante , che possono misurare fino a 3 metri.

Le varietà di fagiolini più coltivate nei frutteti sono i fagioli nani (come le varietà Annabel , The Prince , Mantecosa enana blanca o Garrafal enana ) poiché occupano poco spazio, mentre nelle serre tendono ad essere più enrame , che tendono ad essere più produttivi, come Perona o Buenos Aires , Helda, Strike, Blue Lake, Mantra RZ …

Nel decidere quale varietà di seme acquistare, tenete conto di aspetti come la precocità della pianta e il clima della zona (a volte, se la varietà è troppo “tardiva”, possono arrivare notti fresche e piogge prima che sia elencato il raccolto , cosa lo danneggerebbe), comfort (varietà nane/a stelo, raccolta frequente/infrequente) o resistenza a parassiti e malattie . La cosa migliore è optare per varietà locali , adatte al clima e alle condizioni del luogo.

Quando si seminano i fagiolini e quando trapiantarli?

Per la semina dei fagioli si può scegliere di fare la semina diretta o di realizzare un semenzaio per la produzione di piantine che verranno successivamente trapiantate sul terreno definitivo (terrazzi, fioriere, ecc.)

Ma … Quando piantare i fagioli? Per quanto riguarda l’ epoca di semina, se si fa la semina protetta (in serra o in serra) la si può fare a fine primavera e se si fa in semenzaio all’aperto o si fa la semina diretta, il momento migliore per seminare i fagioli è anticipato estate , quando non c’è più il rischio di gelate.

Una volta che il seme si è depositato nel terreno nelle giuste condizioni, avviene la germinazione. Ma… quanto tempo impiegano i fagioli a germogliare?

Dopo la comparsa della radichetta o prima radice, la plumula (da cui emergeranno le prime foglie o cotiledoni) emerge circa 5 o 7 giorni dopo la semina.

Dopo circa 20 giorni in semenzaio , e fintanto che la pianta del fagiolo avrà più di 2 paia di foglie vere, le piantine verranno trapiantate sul terreno finale (aiuole, vasi, ecc.)

Come prendersi cura di una pianta di fagiolini (irrigazione, concimazione e altre attività)

Coltivare i fagiolini non vi porterà troppi grattacapi, in quanto è una coltura che non è troppo esigente in termini di substrato e non necessita di molte cure.

Basterà che il terreno venga concimato o concimato con compost qualche mese prima della semina.

Dopo la semina in semenzaio e il trapianto in campo definitivo, si possono svolgere le seguenti operazioni colturali per avere un ottimo raccolto di fagioli:

  • Diserbo continuo per il controllo delle infestanti durante la germinazione e lo sviluppo della piantina.
  • Addestrato:  nelle varietà a stelo è necessario porre dei tutori in modo che le piante si arrampichino non appena i viticci iniziano a germogliare.
  • Rialzato o increspato : fare un cordone o un cumulo con il substrato fino all’altezza delle prime foglie migliora lo sviluppo delle radici e l'”alimentazione” della pianta.
  • Defogliazione: consiste nell’asportare le foglie più vecchie e si può fare se il raccolto si protrae a lungo e la pianta diventa troppo voluminosa. Ciò migliora la quantità e la qualità del raccolto e, aumentando la ventilazione della pianta, diminuirà il rischio di malattie.
  • Puoi anche coprire il terreno con pacciame o pacciame per mantenere il terreno morbido, umido e protetto.

Innaffiare i fagioli

La pianta del fagiolo è piuttosto esigente in termini di quantità d’acqua. Le innaffiature devono essere frequenti per mantenere il substrato sempre umido, soprattutto quando la pianta è in fiore.

Il volume di irrigazione applicato dipende da fattori climatici (umidità, temperatura e precipitazioni) e dalle condizioni del suolo come la consistenza o la salinità del suolo. In terreni limoso-argillosi, che trattengono una maggiore quantità di acqua, le irrigazioni dovrebbero essere più voluminose e distanziate, mentre in terreni sabbiosi e leggeri, in quanto capacità di ritenzione minore, dovrebbero essere applicati terreni più brevi ma più frequenti.

Innaffiare almeno 2 o 3 volte a settimana e aumentare la frequenza delle irrigazioni durante la fioritura e nei periodi molto aridi (temperature elevate e assenza di precipitazioni). Si consiglia di irrigare mediante irrigazione a goccia o altro sistema di irrigazione localizzata , poiché l’uniformità di irrigazione e di umidità è maggiore e le perdite di acqua di irrigazione sono minori.

Parassiti, malattie dei fagioli e altri problemi 

Tipici parassiti da giardino come lumache e chiocciole (soprattutto quando la pianta è piccola), mosche bianche, afidi, ragnetto rosso,  tripidi… possono colpire la pianta del fagiolo .

I fagiolini possono essere colpiti anche dal virus del mosaico giallo (BYMV) o da malattie causate da funghi , come oidio, ruggine o marciumi vari.

Imparare a combattere ognuno di questi parassiti e malattie di fagioli nell’articolo sulla parassiti di legume s ).

Raccolta dei fagioli Quanto tempo impiegano i fagioli a dare i loro frutti?

Le prime foglie iniziano a dispiegarsi e, entro due giorni dalla germinazione, le piante di fagiolo raggiungono circa 6-8 cm di altezza. Ad un mese dalla semina la pianta può già avere un’altezza di 1,5 metri e compaiono i primi fiori, e dopo 40 giorni si possono osservare i primi baccelli di fagiolo

Puoi iniziare a raccogliere i fagioli circa due mesi dopo la semina. È un raccolto scaglionato: da maggio a ottobre si possono raccogliere i fagioli dal proprio orto.

Dovresti raccogliere continuamente (frequenza da 3 a 7 giorni, a seconda della varietà e del periodo di coltura in cui ti trovi), in  modo che la pianta continui a produrre più fagioli .

I fagioli si conservano freschi per qualche giorno quindi, se vuoi consumarli verdi, devi farlo velocemente o congelarli. In caso contrario, puoi anche lasciarli asciugare (alcune varietà) e utilizzare i fagioli secchi per altri tipi di piatti.

Buona fortuna a coltivare fagioli in giardino! Aspettiamo commenti con le vostre esperienze!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *