Suggerimenti

Cura della pianta Strobilanthes dyerianus o Scudo persiano

Nella famiglia Acanthaceae , c’è il genere Strobilanthes , composto da più di 300 specie di piante erbacee originarie dell’Asia tropicale. Alcune specie di questo genere sono : Strobilanthes dyerianus, Strobilanthes japonica, Strobilanthes callosus, Strobilanthes kunthiana, Strobilanthes wallichii.

È conosciuto con il nome comune di Scudo persiano e anche con il nome scientifico di Perilepta dyeriana. È una pianta originaria del sud-est asiatico (Birmania).

Si tratta di piante erbacee tropicali alte appena mezzo metro e coltivate in vaso. Sono interessanti per le loro belle foglie lanceolate (lunghe fino a 20 cm) con marcate venature verdi su fondo rosa e tocchi argentei. Di solito non fioriscono ma se lo fanno, producono spighe di fiori blu in autunno.

Sono generalmente utilizzate come piante da serra o da interno; a Città del Messico le ho viste all’aperto perché il clima lo permette.

Il Persian Shield ha bisogno di esposizione alla luce o al buio e non dovrebbe mai ricevere la luce diretta del sole dalle ore centrali della giornata (le foglie sono bruciate). In estate, possiamo portarli fuori, ma al riparo dal sole. La temperatura non deve scendere sotto i 12ºC.

Il terreno potrebbe essere una miscela di torba, lettiera di foglie e terriccio. Trapiantarlo ogni anno in primavera in un contenitore di “dimensioni” più grandi.

Acqua con acqua SENZA calce in attesa che la superficie del terreno si asciughi tra gli apporti d’acqua; non lasciare che il terreno si asciughi completamente. L’umidità ambientale è importante . Si consiglia quindi di annaffiare quotidianamente le foglie con acqua priva di calcare e di mettere anche un piatto con pietre bagnate o argilla sotto il vaso.

Concimare con un concime minerale una volta al mese in primavera, in estate e durante le prime settimane d’autunno.

Piuttosto che prugna secca , è meglio pizzicare la punta della pianta per renderla più compatta.

Possono essere attaccati dagli afidi se l’umidità è bassa e dai funghi sulle radici se annaffiamo troppo.

Anche se è possibile moltiplicare con talee fatte in primavera, non è sempre facile. Si consiglia di cambiare le piante ogni 3 anni in quanto diventano meno attraenti nel corso degli anni.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *