Suggerimenti

Trapiantare un albero: [Ragioni, condizioni e stagione ideale]

Avevamo un albero di limoni pieno di limoni. Dava limoni tutto l’anno.

Tuttavia, a causa di una serie di modifiche che abbiamo dovuto apportare, è stato necessario spostarlo.

Trapiantare un albero non è facile. Va fatto con gli strumenti giusti, al momento giusto e preparando bene il luogo dove andrai a mobilitarlo.

Tuttavia, ti daremo una serie di suggerimenti che molto probabilmente ti aiuteranno.

Ti iscrivi?

Quando trapiantare un albero?

Hai mai dovuto eseguire il processo di trapianto di un albero?

Trapiantare un albero è una procedura spesso consigliata perché migliora, in qualche modo, la vita delle specie coltivate.

Altri, quando l’albero è più vecchio, non è raccomandato. Rischiamo che l’albero stesso non lo sopporti e muoia nel tentativo di trapianto.

Il trapianto consiste nel rimuovere un albero da un determinato luogo per collocarlo in un altro. In alcune specie è raccomandato durante il loro periodo di crescita, ma può essere fatto per altri motivi.

Ed è di questo che parleremo in seguito, quindi non perdere nemmeno un dettaglio di queste informazioni che ti aiuteranno a preparare il tuo giardino.

Perché trapiantare un albero?

Cambia posizione per taglia

Il trapianto di un albero può essere fatto per vari motivi, il principale è cambiare la sua posizione a causa delle sue dimensioni.

Ed è che in molte occasioni può essere piantato un albero che raggiunge dimensioni che non erano contemplate e non possono rimanere lì.

Ad esempio, quando le radici sono molto vicine a una costruzione e c’è la possibilità di intaccarla in qualche modo.

Diverse specie in competizione

Anche quando crea un ostacolo allo sviluppo di altre specie o blocca la visibilità. Attualmente, molti alberi vengono trapiantati per motivi di sviluppo urbano, quando si trovano in un’area necessaria per un altro scopo.

A titolo esemplificativo si potrebbe pensare alle strade dove si costruiscono strade in aree boschive o all’ampliamento di una scuola.

Il luogo dove si trova l’albero cambia

Una terza ragione ha a che fare con le possibilità di sviluppo della specie in quel luogo.

Forse all’inizio aveva le condizioni ottimali, ma già quelle esistenti non coprono i bisogni che richiede. Oltre a quanto sopra, il caso più comune di trapianto di alberi si verifica quando sono ancora molto giovani .

Questo trapianto si verifica quando si passa dal vivaio al giardino dove continuerà a crescere. Per tutti questi motivi, è preferibile conoscere in modo molto dettagliato le caratteristiche dell’albero prima di piantarlo.

Cosa serve perché un trapianto di alberi abbia successo?

Affinché un trapianto di alberi possa essere considerato di successo, deve soddisfare determinate caratteristiche:

  1. Quando è di dimensioni adeguate al tipo di misurazioni che potrai eseguire . A volte può essere troppo grande e servirà l’uso obbligatorio di macchinari per avanzare correttamente. In questi casi, assumere un’azienda esperta nel settore sarà la decisione migliore.
  2. Quando lo stato di salute è adeguato perché un esemplare malato potrebbe non valere la pena di essere trapiantato. In quei casi sarebbe più conveniente piantare una nuova pianta e aspettare che si sviluppi.
  3. Nel caso di una specie che sia in grado di resistere al processo e che le garantisca di trovare le condizioni ottimali per continuare a vivere. Il trapianto suppone un gigantesco cambiamento negli alberi e generalmente porta ad azioni che influenzano la loro struttura, come la potatura, la perdita di radici, tra gli altri. Alcune specie non sono in grado di tollerarlo.
  4. Quando si tratta di una specie a crescita lenta . Questo perché sono specie che vivono più a lungo di altre specie, quindi un trapianto sarebbe giustificato per garantire molto più a lungo. Tuttavia, quando si tratta di una specie a crescita rapida (che di solito non vive per così tanti anni), potrebbe essere necessario considerare più nel dettaglio i problemi che un trapianto potrebbe portare, soprattutto a livello economico.

Quali aspetti dobbiamo considerare in termini di temperatura quando trapiantiamo un albero?

Il periodo ideale per avanzare nel processo di trapianto è l’inverno perché è il periodo in cui la pianta è a riposo .

Ciò significa che non producono fiori o frutti e, quindi, i loro fabbisogni nutrizionali e idrici non sono così esigenti.

Se un albero viene trapiantato durante la primavera o l’estate, il danno causato alla sua struttura potrebbe essere molto maggiore.

Ovviamente bisogna fare attenzione che il periodo invernale prescelto non sia quello con le temperature più basse e, tanto meno, quando ci sono le gelate. Del resto, sarà solo necessario attenersi ai passaggi consigliati affinché la gestione abbia successo, come ad esempio:

  1. Inumidisci il terreno dove è piantato l’albero in modo che sia molto più facile estrarre la zolla.
  2. Potatura di un terzo della chioma dell’albero per assicurarsi che il peso sia più leggero per spostarlo.
  3. Tutor le radici , preferibilmente con materiali degradabili che aiuteranno a estrarre la zolla e in seguito a mantenere l’albero nella sua nuova posizione.
  4. Aprire il nuovo foro dove si insedierà l’ albero , assicurandosi che abbia il diametro e la profondità necessari per riceverlo.
  5. Preparare la buca con i nutrienti appropriati in modo che l’albero possa stabilirsi comodamente e continuare il suo sviluppo.

Trapiantare un albero non è un compito facile, ma non è nemmeno impossibile, e la verità è che non dovrebbe essere fatto alla leggera. Se in qualsiasi momento hai bisogno di farlo, tieni queste informazioni a portata di mano in modo che il processo sia un successo.

È possibile trapiantare qualsiasi specie di albero?

Alcune specie di alberi reagiscono meglio al trapianto rispetto ad altre.

Aceri rossi , olmi e cipressi calvi tendono a rispondere meglio ai trapianti rispetto ad altre specie, in particolare nelle regioni settentrionali.

In particolare, gli aceri rossi hanno sistemi di radici molto più fibrosi.

La maggior parte degli alberi si muoverà bene, supponendo che venga concesso un tempo adeguato per una corretta fertilizzazione, potatura delle radici, scavare la zolla di dimensioni adeguate e annaffiare prima e dopo il trapianto.

È altrettanto importante continuare con un programma di gestione dei parassiti/concimazione dopo il trapianto, poiché l’albero può avere una crescita delle radici transitoria per 1 o 2 anni prima di stabilirsi di nuovo.

Le uniche condizioni per le quali sconsigliamo di riposizionare un albero includono:

  • L’albero è in uno stato di stress/decadimento.
  • La nuova posizione non è adatta per l’albero specificato.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.