Suggerimenti

Il grande business dell’acqua in bottiglia

Il settore dell’acqua in bottiglia sta crescendo molto rapidamente in tutto il mondo, essendo oggi il business più vivace, ma è anche uno dei meno regolamentati, il che dà origine a situazioni davvero scandalose.

L’espansione di questo business richiede alle grandi aziende alimentari e delle bevande (Coca Cola, Pepsi Cola, Danone, Nestlé …) di avere un accesso crescente alle risorse idriche, promuovendo la privatizzazione dei corsi d’acqua e delle falde acquifere.

I numeri del business idrico parlano da soli. Negli anni ’70, il volume annuo di acqua in bottiglia, commercializzata in tutto il mondo, era di circa 1 miliardo di litri. Nel decennio successivo i consumi raddoppiano, ma è dal 1990 in poi che la crescita è già esponenziale. Nel 2000, le vendite annuali ammontavano a più di 84 miliardi di dollari.

Nel 2001 gli americani hanno speso 6,880 milioni di dollari e nel 2006 erano già 10,980 milioni di dollari, con un consumo di 25,800 milioni di litri. Ciò rappresenta una crescita annuale di oltre il 9%, secondo i dati forniti da Bevarage Marketing Corporation e dall’International BottledWater Association. Il marchio Dassain, società appartenente al gruppo Coca Cola, ha registrato nel secondo trimestre del 2006 un utile di 1,84 miliardi di dollari, il 6,6% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

La moda dell’acqua in bottiglia è molto importante anche in Europa. La Germania consuma 10,3 miliardi di litri, la Francia 8,5 miliardi e la Spagna 5,5 miliardi. Gli italiani avevano un consumo medio, nel 2006, di 183,6 litri a persona/anno e gli spagnoli di 136,7 litri a persona/anno.

Mentre aumentano i profitti delle multinazionali dell’acqua in bottiglia con un’acqua di dubbia qualità; una regolamentazione libera e più efficiente dei sistemi comunali consentirebbe di attuare una distribuzione sicura dell’acqua potabile per l’intera popolazione del mondo per una quantità molto inferiore a quella utilizzata nell’acqua in bottiglia.

Il consumo annuo di acqua in bottiglia ha raggiunto i 154.000 milioni di litri, nel 2006, e rappresenta un aumento del 57% rispetto al 2001. Ciò rappresenta una spesa di circa 100.000 milioni di dollari l’anno. Il prezzo medio di un litro di acqua in bottiglia è di 0,65 euro.

In Spagna un litro di acqua del rubinetto costa, nel 2004, 0,00096 euro. Come puoi vedere, il business è rotondo. Allo stesso prezzo può essere fornita una bottiglia di acqua in bottiglia con tremila litri di acqua del rubinetto.

Uno dei grossi problemi è che non c’è un’adeguata manutenzione delle reti di distribuzione dell’acqua potabile, sia pubbliche che private, che deteriorano notevolmente il servizio e la qualità dell’acqua che esce dal rubinetto. È chiaro che questo tipo di investimento non brilla nel mondo politico e tra l’altro tutto ciò che è privato è favorito dal classico schema neoliberista che il privato è meglio del pubblico.

Molte persone sostengono che l’acqua nelle loro città e paesi, soprattutto nell’arco mediterraneo, non è potabile. In parte hanno ragione, dovremmo TUTTI pretendere che Comuni, Regioni e Stato facciano gli investimenti necessari affinché la popolazione utilizzi normalmente l’acqua del rubinetto ed eviti così lo spreco di acqua in bottiglia.

Anche se non si investe a sufficienza nelle reti di approvvigionamento, si sovvenziona con autorizzazioni a basso costo, lo sfruttamento delle fonti idriche da parte di aziende private di imbottigliamento, che ottengono guadagni favolosi.

L’acqua potabile arriva a noi attraverso un’infrastruttura che utilizza l’energia in modo economico, mentre l’acqua in bottiglia viene trasportata su lunghe distanze utilizzando navi, treni, aerei e camion. Ciò significa bruciare enormi quantità di combustibili fossili.

Nel 2004, una società di Helsinki, Finlandia, ha spedito 1.400.000 bottiglie di acqua in bottiglia finlandese a 4.345 chilometri in Arabia Saudita. Il 94% dell’acqua in bottiglia venduta negli Stati Uniti è prodotta internamente, ma molti americani consumano acqua importata fino a 9.000 chilometri, ad esempio dalle isole Feiji e altrove, per soddisfare la domanda di “acqua in bottiglia fantasiosa ed esotica”.

EarthPolicyInstitute denuncia le grandi distanze percorse dall’acqua in bottiglia e l’ impatto ambientale di questo trasporto per fornire un prodotto che in condizioni più che sufficienti per il suo consumo viene offerto anche attraverso le tubazioni con un costo energetico infinitamente inferiore.

Il FeijiWater con la sua bottiglia quadrata è un complemento regolare del famoso, meravigliandosi del suo esotismo. Quest’acqua proviene da una falda acquifera sotto una fitta giungla di quest’isola del Pacifico in cui l’azienda sottolinea che dista centinaia di chilometri da qualsiasi continente. Le associazioni ambientaliste sottolineano che per raggiungere i consumatori, le bottiglie devono percorrere un’enorme distanza in barca, con il costo del carburante che ciò comporta. Mentre questo accade a Feiji, quasi un terzo degli abitanti di quest’isola non ha accesso all’acqua pulita.

L’acqua in bottiglia utilizza più combustibili fossili. Le bottiglie d’acqua sono per lo più fatte di plastica, diventando una delle principali fonti di contaminazione delle acque sotterranee. La maggior parte delle bottiglie d’acqua sono realizzate in polietilene tereftalato, una plastica derivata dal petrolio greggio (PET).

Solo la produzione di bottiglie per soddisfare la domanda dei nordamericani richiede più di 1,5 milioni di barili di petrolio all’anno, tanto da fornire carburante a circa 100.000 auto per un anno. In Spagna significano circa 330.000 barili di petrolio, che rappresenta il costo di circa 22.000 auto.

Le organizzazioni ambientaliste nordamericane stimano che occorrono più di cento milioni di barili (il greggio che la Spagna importa in due mesi) per produrre la plastica per tutte le bottiglie utilizzate nel 2006 nel mondo per l’acqua in bottiglia. I nordamericani riciclano solo il 14% e in Spagna il 32,5%. Nel nostro Paese il peso delle bottiglie di plastica è stato ridotto del 45% rispetto a quelle che esistevano vent’anni fa, riducendo così il costo energetico dei trasporti.

Il mondo ha utilizzato, nel 2004, circa 2,7 milioni di tonnellate di plastica per imbottigliare l’acqua. Delle bottiglie raccolte, gli Stati Uniti hanno esportato il 40% verso destinazioni lontane come la Cina, ma richiedono più combustibili fossili.

L’industria dell’imbottigliamento dell’acqua dice di essere rispettosa dell’ambiente, ma non è così, perché in molti casi utilizza l’acqua in modo poco rispettoso dell’ambiente e il 90% dei contenitori che utilizza sono in plastica . Tutti noi che attraversiamo la campagna vediamo in essa un’infinità di questi contenitori altamente inquinanti. Queste aziende ci diranno che rispettano scrupolosamente la legge su questo tema, ma anche così, i contenitori di plastica devono essere rimossi con urgenza.

L’Institute for Container Recycling afferma che l’86% delle bottiglie d’acqua di plastica usate negli Stati Uniti diventa spazzatura o discarica. L’incenerimento di bottiglie usate genera sottoprodotti tossici come gas clorato e ceneri, simili a quelli che contengono metalli pesanti che già causano molti problemi alla salute umana e animale. Le bottiglie d’acqua sepolte possono impiegare fino a mille anni per biodegradarsi.

Come afferma Emily Arnold dell’Herat Policy Institute, “Non c’è dubbio che l’acqua potabile pulita a basso costo sia essenziale per la salute della nostra comunità globale, ma l’acqua in bottiglia non è la risposta nel mondo sviluppato, né è la soluzione al Problema di $ 1,1 miliardi di persone senza un approvvigionamento idrico sicuro. Espandendo e migliorando il trattamento delle acque e la sanificazione dei sistemi esistenti è più fattibile fornire fonti d’acqua sicure e sostenibili a lungo termine”.

Gli stabilimenti di imbottigliamento, in molti casi, prelevano l’acqua dalla stessa rete idrica a cui accede il pubblico, pubblico o privato che sia. Molte volte, come la Coca Cola, aggiungono un pacchetto di minerali, che chiamano “acqua minerale” . Con questa procedura aumentano il prezzo dell’acqua del rubinetto di oltre 1.100 volte il suo valore, imbottigliandola e diventando una delle imprese più spudorate del mondo capitalista.

Il quotidiano britannico TheGuardian, riassume il processo dell’acqua in bottiglia: “Prendere l’acqua del rubinetto a Londra, sottoporla a un processo di purificazione, chiamandola “acqua pura”, aggiungere un po’ di cloruro di calcio contenente bromuro per darle sapore, quindi pompare l’ozono, ossidando il bromuro, che non è un problema, trasformandolo in bromato che è. Ho mandato al negozio queste bottiglie d’acqua, contenenti il ​​doppio del limite legale di bromato e il business è ottimo”.

Nel marzo 2004, la Coca Cola ha riconosciuto in Inghilterra che l’acqua di marca Dassain è normale acqua del rubinetto, venduta in bottiglie da mezzo litro. Hanno richiamato più di mezzo milione di bottiglie dal mercato sostenendo di aver rilevato livelli di bromato che superavano gli standard legali britannici.

Nello sciopero dei trasporti in Spagna nel giugno 2008, la prima cosa che è finita nei supermercati sono state le bottiglie d’acqua in bottiglia.

Come dice Andrea Gambas “con l’acqua sta succedendo come è successo con il vino, c’è molto interesse a conoscere acque dalle caratteristiche davvero uniche” . Nei menù dei ristoranti più lussuosi vengono presentati marchi come:

Rainwater raccolta in Tasmania (
Cloud Juice ).

Acqua ottenuta da una sorgente sotto un vulcano giapponese (
Finé ).

Acqua filtrata dai ghiacciai canadesi (
Berg ).

Se il prezzo della più comune acqua minerale è mille volte più caro di quella che esce dal rubinetto, in questi casi il paragone è pazzesco. La bottiglia d’acqua del marchio nordamericano BLING, decorata con cristalli SWAROVKI, risulta essere la più esclusiva al mondo: non si trova a meno di 35 euro, quasi 40.000 volte più del prezzo medio dell’acqua nelle città spagnole.

Come dice Michael Blandin “ Ci sono varie tecniche utilizzate dalle aziende e le pubblicizzano come tecniche proprietarie che passano attraverso sette diverse fasi di filtrazione, e tutto il resto. E se la questione viene analizzata, non è altro che l’osmosi inversa, in fondo non è altro che far passare l’acqua attraverso una membrana per eliminare i contaminanti, che in realtà è molto simile al tipo di processo che si può trovare nei filtri per l’acqua domestici. Solo il tipo che ci mette alla spina per circa duecento dollari. Quindi la questione non è così sofisticata come si potrebbe affermare che sia “.

Poiché la qualità dell’acqua mondiale si deteriora e la sua scarsità aumenta, coloro che possono permettersi di acquistare acqua in bottiglia sono a favore di questa formula, nonostante sia altrettanto sicura e pericolosa dell’acqua in bottiglia. è notevolmente inferiore.

È tempo di esigere dalle autorità pubbliche gli investimenti necessari nelle reti pubbliche o private affinché il loro mantenimento sia adeguato, garantendo la qualità sanitaria dell’acqua del rubinetto, sia nel gusto, sia nell’odore… E allo stesso tempo, standard di comportamento etico e salubrità delle acque in bottiglia, con controlli rigorosi, nonché il requisito di un prezzo equo per loro.

In Sud America, le multinazionali straniere stanno acquisendo vaste aree naturali, inclusi sistemi idrografici completi da utilizzare in un futuro non troppo lontano. Spicca, in questo senso, la falda acquifera Guaraní, dove le grandi multinazionali si stanno impossessando dei terreni per sfruttare l’acqua.

A volte capita che queste aziende impoverino completamente non solo gli impianti sui propri terreni ma anche quelli della regione circostante. È quello che è successo nella Tillicum Valley nella Columbia Britannica, dove la società canadese Canadian BeverageCorp ha sfruttato le falde acquifere della regione in modo così intensivo che gli abitanti e gli agricoltori della zona ne sono rimasti senza.

Allo stesso tempo, in questi tempi di globalizzazione stiamo assistendo a una concentrazione impressionante del settore intorno a quattro o cinque multinazionali, che stanno creando un oligopolio (Nestlé, Danone, Coca Cola, Pepsi Cola …) con decine di marchi intorno a ognuno di loro, dove segnano il prezzo e la qualità dell’acqua senza quasi alcun controllo. Negli Stati Uniti, più di un terzo dell’acqua in bottiglia è semplicemente acqua di rubinetto trattata o non trattata; essendo un business monopolizzato da Nestlé e Danone, leader mondiali.

Oggi, questo favoloso business dell’acqua in bottiglia sta cominciando a essere messo in discussione. Le città di New York e Boston hanno lanciato una campagna pubblicitaria per incoraggiare i propri cittadini a consumare l’acqua del rubinetto, tra le proteste delle multinazionali dell’acqua. Chicago ha stabilito una tassa di dieci centesimi a bottiglia per scoraggiarne il consumo.

Emily LLoyd, capo del Dipartimento per la protezione ambientale di New York, afferma: ” L’acqua in bottiglia utilizza molta più energia dell’acqua del rubinetto sia nella produzione che nel trasporto, e l’acqua del rubinetto va oltre la semplice doccia o il lavaggio dei piatti. “.

La città di San Francisco ha vietato l’acquisto di acqua in bottiglia da parte delle istituzioni pubbliche, in quanto rappresenta un costo di mezzo milione di dollari all’anno. Molti ristoranti dello Stato della California hanno già smesso di servire acqua minerale e di mettere caraffe di acqua del rubinetto.

Nel nostro Paese il Comune di Donosti ha preso l’iniziativa sul tema dell’acqua in bottiglia . Per un anno sono riusciti a convincere più di settanta esercizi della città ad aderire alla loro campagna per sostituire le bottiglie con l’acqua del rubinetto nei menu. L’assessore di Donostiarra, Victoria Iglesias, afferma che “ vogliamo sensibilizzare i cittadini sull’importanza del consumo responsabile. È una soluzione più economica, più rispettosa dell’ambiente… Qui l’acqua della rete è di altissima qualità. Il nostro obiettivo è ridurre alla fonte la produzione di rifiuti ”.

Il Comune di San Sebastian non compra più acqua in bottiglia e nelle riunioni ufficiali l’acqua del rubinetto viene servita in caraffe. Per questo assessore ” l’immagine dell’acqua del rubinetto è stata svalutata ed è sempre più difficile chiedere un bicchiere d’acqua al posto della bottiglia nei ristoranti “.

Molti ristoratori sono riluttanti a offrire brocche di acqua del rubinetto. La vendita di acqua in bottiglia offre loro vantaggi significativi mentre le brocche d’acqua sono generalmente gratuite. L’Associazione alberghiera di Madrid La Viña ha sollevato alcuni mesi fa che potrebbe essere addebitata l’acqua del rubinetto, ma la questione è complicata dalle polemiche che solleva e perché i regolamenti comunali rendono difficile la vendita dell’acqua del rubinetto.

Secondo l’Agenzia Catalana dell’Acqua, a Barcellona si beve più acqua in bottiglia che acqua di rubinetto. Rubén Sánchez di FACUA dice che bisogna investire di più nei sistemi di alimentazione, e contro il cattivo sapore dell’acqua si possono usare i filtri, che è un investimento che si ripaga in pochi mesi (i filtri valgono circa 140 euro ).

In Cina (il suo consumo è raddoppiato in sei anni), India (è triplicato), Brasile o Indonesia, la crescita del consumo di acqua in bottiglia è vertiginosa, mentre cresce il numero di persone che non hanno un consumo di acqua garantito .potabile. Per l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), ci sono più di 1.100 milioni di persone in questa situazione.

Per dimezzare questa cifra entro il 2015, le Nazioni Unite hanno chiesto di raddoppiare i 10 miliardi di euro spesi annualmente per l’approvvigionamento idrico e le reti fognarie. Ben al di sotto degli 80.000 milioni di euro all’anno spesi per il consumo di acqua in bottiglia.

Questa situazione dell’acqua in bottiglia deve finire, imponendo alle autorità pubbliche di effettuare gli investimenti necessari nella rete di distribuzione affinché l’acqua di qualità sanitaria sufficiente raggiunga le case in modo da non dover acquistare acqua in bottiglia.

Chiediamo una regolamentazione sanitaria molto esigente da parte delle aziende private, allo stesso tempo che pongano fine alle pratiche predatorie dell’acqua, nonché alla scomparsa delle bottiglie di plastica la cui contaminazione ambientale è così perniciosa e infine che il prezzo sia molto più ragionevole del quello attuale. Posso capire che l’impresa privata genera profitto, ma non che raggiunga l’attuale prezzo scandaloso ed eccessivo. Nuova tribuna.
.

.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *