Suggerimenti

Jasminum officinale: [Coltivazione, cura, parassiti e malattie]

Punti importanti nella semina del Jasminum officinale
  • Quando? A fine inverno o all’inizio della primavera è meglio seminare, trapiantare e moltiplicare la pianta.
  • Dove? Nei giardini come pianta ornamentale , è una perfetta copertura per muri, pergolati e gazebo.
  • Come prepariamo il terreno? Si adatta a molti terreni all’aperto e in vaso sarà sufficiente un substrato universale con il 30% di perlite, in modo che l’acqua di irrigazione drena molto bene.
  • Come seminiamo? In vaso e sul bordo dei muri nei giardini, in modo che si espanda liberamente.
  • Come paghiamo? Usa fertilizzanti organici in primavera come letame o guano.
  • Quando fioriscono? In primavera, i suoi fiori aromatici sbocciano raggruppati in infiorescenze bianche .
  • Temperatura ideale? E ‘ resistente al freddo, ma non supporta gelate molto forti.
  • Come innaffiamo? L’ideale è da due a tre volte a settimana in estate e da quattro a cinque volte durante il resto dell’anno.
  • Malattie e parassiti? Attaccano cocciniglie, punteruoli, berrenillos e Piral del gelsomino , tra gli altri.

Cos’è il Jasminum officinale?

Il Jasminum officinale appartiene alla famiglia delle oleaceae, che conta circa 200 specie sotto il nome comune di Gelsomino.

La sua origine si trova nel continente europeo, nel Nord Africa e nella parte orientale dell’Asia, dove copre molte aree dell’Himalaya, dell’India e della Cina.

Altri nomi comuni sono gelsomino estivo, gelsomino comune, gelsomino e gelsomino moresco. In Pakistan è inclusa nella chioma arbustiva dello scudo ufficiale, perché è la pianta ufficiale.

È considerata una pianta rampicante sempreverde, con fusti legnosi che possono raggiungere fino a 6 metri di altezza. È molto ramificato, con foglie pennate e opposte verde scuro, integrate in fino a 3 foglioline acute e una terminale più grande, tutte con margini interi.

Un’altra particolarità è legata alle sue infiorescenze che germogliano in racemi ascellari e presenta fiori ermafroditi bianchissimi molto piccoli di soli 2 cm circa di diametro, con 5 petali, a forma di stella e dall’aroma intenso.

Famoso per le sue proprietà curative, il Jasminum officinale è un antisettico, germicida e antinfiammatorio. È venerato come “il profumo dell’amore” in molte culture, dove gli vengono attribuite proprietà afrodisiache grazie al suo aroma delicato, che dona intimità, fiducia e relax.

Ha un olio essenziale molto costoso estratto dai suoi fiori, ampiamente utilizzato nelle industrie farmaceutiche, cosmetiche e dell’aromaterapia.

Molto famoso in tutto il mondo è anche l’infuso di gelsomino, in abbinamento al tè verde, usanza asiatica che riporta vari benefici per la salute, come effetto calmante che rilassa e attenua il mal di testa ed elimina gli squilibri causati dallo stress.

Gli vengono attribuiti anche grandi effetti benefici nella lotta contro il cancro, è un buon riduttore di colesterolo e grassi nell’organismo e mitiga anche la diffusione di raffreddori e influenza, grazie alle sue proprietà antibatteriche e antivirali.

Dove lo dobbiamo seminare?

Cresce perfettamente come pianta ornamentale nei giardini, dove si comporta come un perfetto rampicante su muri, gazebo e pergolati.

Prospera anche come pianta d’appartamento e il fiore reciso dura circa 24 ore.

Quando coltivare il Jasminum officinale?

Si consiglia di moltiplicare per talea in primavera (metà) e inizio autunno, nei climi caldo-semitemperati.

All’inizio della primavera, la semina funzionerà finché le temperature invernali si dissipano abbastanza da consentire l’aumento delle temperature.

Ciò consente di trapiantare la pianta da un vaso in giardino e di applicare tecniche di taglio per moltiplicarla.

Come prepariamo il terreno?

Questo rampicante predilige terreni ricchi e ben drenati, anche di tipo calcareo, perché in generale si adatta bene a diversi tipi di substrati.

In vaso, la sua coltivazione richiede un substrato universale che contenga il 30% di perlite, al fine di garantire il miglior drenaggio possibile.

Come seminare un Jasminum officinale passo dopo passo?

Enumerare il modo di coltivarla aiuta molto a gestire abilmente l’arte di seminare e moltiplicare questa pianta dai molteplici benefici medicinali .

La tecnica della moltiplicazione per talea , che è costituita da legno semilegnoso con foglie, dà solitamente ottimi risultati . Vediamo passo passo come seminare e moltiplicare il comune Gelsomino.

Per talea

  1. Taglia un taglio sano con le forbici da giardinaggio in diagonale, rimuovi le foglie in eccesso, lasciane pochissime (2 solo) in modo che non ti tolgano le energie. Impregnare la punta con un agente radicante fatto in casa o anche ormoni in forma liquida. Anche se in polvere si conserva meglio.
  2. Il vaso dovrebbe contenere un buon substrato organico con vermiculite. Risulta anche una miscela di pacciame o torba con sabbia di fiume lavata, al 50%.
  3. Pianta la parte inferiore del taglio verso il basso per rispettare la polarità.
  4. In circa due o tre settimane, le radici inizieranno a germogliare.
  5. Innaffiare e riporre in luogo semiombreggiato, con buona luce indiretta.
  6. Alla fine dell’autunno successivo, le talee radicate verranno portate al letto di un vivaio e messe a dimora anche in vasi singoli fino alla messa a dimora definitiva.

Di che cure hai bisogno?

Non è molto difficile avere la benedizione di coltivare un bellissimo gelsomino in casa. Sono piante nobili che ci regalano molti benefici, in cambio di poche cure. Vediamo come mantenerle sempre belle e sane.

illuminazione

Si adatta a spazi aperti con buona luce naturale, come giardini, in pieno sole e in mezz’ombra.

Temperatura

Provenendo da climi tropicali e subtropicali, sopportano poco il gelo anche se sono abbastanza resistenti al freddo.

Irrigazione

Le richieste dovrebbero essere moderate ma costanti. Soprattutto in estate o nella stagione calda, per evitare che la pianta si secchi.

Circa due o tre volte alla settimana, è sufficiente in estate e forse un po’ di più se vive in vaso. Il resto dell’anno sarà sufficiente annaffiarlo ogni 4 o 5 giorni.

La tecnica del piattino pieno d’acqua sotto la pentola vi fa bene, ma solo per una decina di minuti al giorno, dopo aver ricevuto con moderazione l’annaffiatura della giornata.

Passaggio

Un buon fertilizzante organico come letame o guano , è l’ideale per prendersi cura della fioritura di questo famoso rampicante. Ma è consigliabile applicarlo in forma liquida se la pianta vive in vaso, in modo che il drenaggio rimanga ottimale.

Potatura

Si consiglia vivamente di sfruttare l’ inverno per eliminare foglie, rami secchi e deboli, oltre a quelli che si intersecano per far sembrare brutto il fogliame.

Quali parassiti e malattie attaccano il Jasminum officinale?

Una terribile piaga per il Gelsomino sono i Berrenillos o larve degli Hylesinus , insetti in grado di costruire gallerie nella corteccia e nel legno della pianta.

I fori rivelano gli esemplari adulti. Quando ciò accade, è necessario applicare urgentemente un insetticida larvale efficace.

Un altro parassita che lo frequenta è la cocciniglia , del tipo cotonoso e della patella, che si attacca alle foglie per nutrirsi delle cellule. Combatterli può essere noioso. È meglio attaccarli con l’aiuto di olio di neem .

Altre visite indesiderate sono quelle del punteruolo , della piralide del tronco e della piralide del gelsomino.

Bibliografia e riferimenti

  • Buczacki, Stefan. (1994). Piante rampicanti. Tursen SA – Hermann Blume Edizioni. Madrid, Spagna.
  • Piegato, E.; Colombo, A. (2003). Piante rampicanti. Da Vecchi. Madrid, Spagna.
  • Morales, Ramon; Macia, Manuel Juan; Dorda, Elena; Garcia Villaraco, Antonio. (millenovecentonovantasei). Archivi della flora iberica. Consiglio Superiore per la Ricerca Scientifica (CSIC). Madrid, Spagna.
  • Cabanillas, Pablo Alejandro; Hurrell, Julio Alberto. (2012). Piante rampicanti: tipologia biologica e classificazione . Università Nazionale di La Plata. Buenos Aires, Argentina. Riprodotto da: https://digital.cic.gba.gob.ar/bitstream/handle/11746/3807/11746_3807.pdf-PDFA.pdf?sequence=1&isAllowed=y
  • Chanampa, Mariana; Alonso Ojembarrena, Javier; Vidal Rivas, Pilar; Guerra Aragonese, Raquel; Olivieri, Francesca; Neila González, F. Javier; Bedoya Frutos, César. (2009). Sistemi impiantistici che migliorano la qualità ambientale delle città. Quaderni di Journal of Urban Research. Madrid, Spagna. Riprodotto da: https://dialnet.unirioja.es/descarga/articulo/3876444.pdf

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *