Suggerimenti

Gelso: [Semina, cura, irrigazione, substrato, parassiti e malattie]

Il gelso appartiene al genere Morus, e sono piante legnose perenni , di taglia medio-bassa, semidecidue in condizioni tropicali , a crescita rapida , monoiche o dioiche , e con un apparato radicale profondo.

La maggior parte delle specie di gelso, della famiglia delle Moraceae , ha una chioma arrotondata e ramificata, con un tronco di corteccia grigiastra che può misurare fino a 60 cm di diametro.

Punti importanti quando si pianta un gelso
  • Dove seminare? Luce piena. Ha bisogno di molta luce solare.
  • Quando? In primavera o in autunno, per seme e a fine inverno per talea.
  • Come prepariamo il terreno? Rimosso, eliminando le erbacce . Con substrato di sostanza organica combinato con terreno.
  • Come innaffiamo? Con gocciolamento .
  • Quanto spesso annaffiamo? In estate 4-5 irrigazioni a settimana. Il resto dell’anno una volta ogni 4-5 giorni.
  • Piaghe e malattie? Afide , cocciniglia. Funghi o nematodi.

   

Caratteristiche del gelso

Le foglie del gelso sono alterne, picciolate, semplici, integre, lucide e stipulate da 1 a 5 lobi, con la pagina superiore glabra, e la pagina inferiore leggermente tomentosa nelle ascelle delle nervature principali.

È noto come la principale fonte di cibo per i bachi da seta. Per la lunghezza dei suoi rami e per il gran numero di foglie, perfette per fornire ombra, nei periodi estivi quando i raggi del sole sono più intensi.

Inoltre, il gelso è considerato un albero a crescita rapida . Nelle giuste condizioni, può crescere di diversi metri in pochi anni.

Quando piantare un gelso?

I gelsi vengono piantati in giardino alla fine dell’inverno, anche se la coltivazione può essere effettuata anche in autunno se il tempo presenta miti gelate.

La coltivazione del gelso è ideale per le zone che soffrono il freddo in inverno e il caldo in estate. Supporta praticamente tutto, è per questo motivo che si sono diffusi in tutte le parti del mondo.

E, sebbene non ci sia una stagione speciale per piantare, la regola generale è farlo quando le condizioni sono favorevoli.

Il gelso non dovrebbe essere piantato quando il terreno è ghiacciato, quando le temperature diurne sono inferiori a 0 ° C (32 ° F) o superiori a 32 ° C (90 ° F), o in climi estremi come tempeste di neve o forti piogge.

 

Dove piantare un gelso?

Questa pianta ama la luce, quindi il gelso crescerà più velocemente e più sano se coltivato in pieno sole , dove eserciterà volentieri la sua funzione protettiva.

Come preparare il terreno?

Il gelso è un albero che resiste a tutti i tipi di terreno senza resistere. Le preferisce però ben aerate, per evitare il soffocamento delle radici, e con pH neutro.

Tuttavia, e sebbene sia associato a terreni poco fertili, le condizioni per la riproduzione dei suoi frutti non sono le migliori quando il terreno è debole.

I terreni preferiti dal gelso sono quelli che consentono una buona ventilazione dei suoi rizomi , quindi un’acidità neutra sarà la più indicata.

I gelsi richiedono un buon sistema di drenaggio. Ecco perché è importante assicurarsi che non si trovino in un’area in cui le inondazioni sono comuni, poiché non tollerano di essere coperti dall’acqua.

Preferibilmente, si consiglia di scegliere per il più; Terreni profondi e ben drenati con terreno leggermente acido con un pH compreso tra 5,5 e 6,5. Inoltre, possono tollerare terreni di moderata alcalinità.

 

Come innaffiamo i gelsi?

L’irrigazione del gelso dipenderà anche dal clima in cui si trova la coltura, ma in generale si consiglia di annaffiare 4-5 irrigazioni settimanali nel periodo più caldo dell’anno e una volta ogni 4-5 giorni il resto dell’anno.

È molto importante essere molto attenti e attenti quando si innaffia il gelso, assicurandosi che l’acqua raggiunga bene le radici.

Avrai bisogno di annaffiature moderate, evitando sempre che il terreno diventi fangoso. In effetti, potrebbe colpire i rizomi di gelso e causare malattie. Tollera la siccità sebbene ne rallentino la crescita.

Per altri giardinieri il gelso andrebbe annaffiato molto di più quando è giovane, anche se in maniera moderata. Allora probabilmente sarà abbastanza se stesso.

Come seminare un gelso passo dopo passo?

La riproduzione del gelso è molto semplice poiché si riproduce semplicemente per talea o per seme.

Tuttavia, per preservare le caratteristiche che tanto le favoriscono nella pianta madre, il gelso viene solitamente moltiplicato per talea .

Coltivazione di semi

Per seme si riproduce in primavera o autunno ed è consigliato:

  1. Riempi un vassoio per piantine forestali con un terreno di coltura universale.
  2. Acqua coscienziosamente.
  3. Metti un massimo di due semi in ogni presa.
  4. Coprire con uno strato sottile di substrato.
  5. Cospargere di rame o zolfo per prevenire la comparsa di funghi.
  6. Infine innaffia con uno spruzzatore.
  7. Posiziona il vassoio della piantina all’esterno in mezz’ombra.
  8. Se l’intero processo è stato eseguito correttamente, il gelso germoglierà in circa un mese.

 

Riproduzione per talea

In caso di riproduzione per talea, è necessario seguire i seguenti passaggi:

  1. Taglia un ramo di 10-20 cm. che ha circa tre gemme (sporgenze da cui spuntano le foglie).
  2. Eliminare le foglie basali che sono quelle inferiori, se presenti.
  3. Impregnare la base delle talee con radici fatte in casa.
  4. Pianta in vasi singoli con terreno di coltura universale.
  5. Dopo circa un mese, emetteranno le loro radici.

 

Quali associazioni favorevoli ha?

L’associazione di colture vegetali compatibili produce benefici rispetto alla loro coltivazione separata, oltre all’utilizzo di luce, acqua e/o sostanze nutritive.

Non sono noti studi sulle associazioni favorevoli alla coltivazione del gelso.

Quali parassiti e malattie possono attaccare i nostri gelsi?

Nei gelsi non c’è bisogno di preoccuparsi dei parassiti, anche se si possono osservare alcuni episodi minori con la comparsa di afidi o cocciniglie .

Come misura precauzionale, si raccomanda di prestare molta attenzione alle esigenze del gelso in termini di luce, acqua e sostanze nutritive. La posizione corretta della piantagione sarà essenziale.

In caso di trovare peste o malattie nell’albero di gelso, dovresti iniziare a utilizzare prodotti biologici. Per uccidere gli insetti si consiglia di applicare sapone di potassio o olio di Neem o una combinazione di entrambi i prodotti.

Se il gelso è ancora giovane, basterà un semplice zaino di trattamento per raggiungere tutti i suoi rami: distribuire bene l’insetticida per essere efficace ed effettuare tra 3 e 4 trattamenti distanziati, per almeno due settimane.

Le malattie delle radici (funghi o nematodi) rappresentano un serio rischio per il gelso. Contro questo, la prevenzione è la cosa migliore: quindi, dovrebbe essere evitata l’eccessiva umidità nel terreno. È interessante utilizzare un fungicida naturale.

Bibliografia e riferimenti

  • María G Medina: Garcia Danny; Moratinos Pedro; Cova, Luis. (2009, dicembre) Mulberry (Morus spp.) Come risorsa di foraggio: progressi e considerazioni sulla ricerca . Riprodotto da: http://ve.scielo.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0798-72692009000400001

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.