Suggerimenti

Cura della pianta Sparrmannia africana, Esparmania o Linden

Il genere Sparrmannia appartiene alla famiglia Malvaceae secondo alcuni autori o alla famiglia Tiliaceae secondo altri. Si compone di circa 12 specie di alberi e arbusti provenienti dall’Africa tropicale, dal Sudafrica e dal Madagascar.

È conosciuto anche con i nomi comuni di falco, tiglio o tiglio africano.

Sono arbusti che possono raggiungere i 6 metri di altezza nel loro habitat, ma che in genere non superano i 2 metri se coltivati all’interno. I gambi sono verdi da giovani e diventano marroni con l’età. Le sue grandi foglie a forma di cuore sono ricoperte di peli (a volte un po’ pungenti) e ricordano quelle di Tilia platyphyllos (tiglio). Produce fiori di colore bianco con un centro giallo che può essere singolo o doppio, a seconda della varietà. Fioriscono in primavera, nella prima metà di questa stagione.

Sono generalmente utilizzate come piante da interno, ma in luoghi con clima mediterraneo possono essere coltivate all’aperto in gruppi o esemplari isolati (a Barcellona si possono vedere nel Parc de les Aigües e nel Parc de la Ciutadella).

Sebbene sia una pianta tropicale, preferisce temperature fresche (tra i 15 e i 18 ºC); l’esposizione deve essere luminosa ma senza luce solare diretta nelle ore più calde della giornata. All’esterno non è adatto a temperature inferiori a 5ºC. Se si coltivano in casa a temperature superiori ai 20ºC si consiglia di porre un piatto con sassi o ghiaia che andremo ad inumidire.

Il terreno sarebbe idealmente una miscela, in parti uguali, di torba, sabbia e lettiera di foglie. Si tratta di una pianta a crescita rapida che di solito necessita di un trapianto annuale all’inizio della primavera in un contenitore (di fango migliore) di “dimensione” maggiore.

Irrigazione in attesa che la superficie del terreno si asciughi prima di aggiungere acqua. In inverno le annaffiature devono essere ridotte, ma il terreno non deve essere lasciato asciugare completamente. In estate, all’interno, si consiglia di spruzzare spesso le foglie con acqua priva di calcare.

Concimare quindicinale con un concime minerale in primavera, estate e inizio autunno.

È possibile potare leggermente dopo la fioritura o alla fine dell’inverno per dargli un aspetto più compatto e per rimuovere i rami danneggiati. Si consiglia di tagliare gli steli dei fiori appassiti.

Se soffrono di siccità, possono essere attaccati dagli insetti della cocciniglia del cotone e possono perdere le foglie se non c’è abbastanza luce.

Si moltiplicano bene grazie alle talee di potatura dei rami.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *