Suggerimenti

Zolfo nelle piante: [Utilizzi, vantaggi, eccessi e carenze]

Lo zolfo fa parte dei nutrienti secondari che vengono riconosciuti nelle colture a causa della quantità di cui hanno bisogno per essere sani.

Tuttavia, in molte occasioni questa condizione viene confusa con la situazione se siano più o meno importanti.

È un dato di fatto che facendo parte della famiglia dei micronutrienti più rilevanti, con calcio e magnesio , è un elemento essenziale .

E lo possiamo notare perché un deficit di zolfo potrebbe essere dannoso per l’assorbimento e il funzionamento di altri nutrienti.

Se non avevi pensato prima all’importanza dello zolfo per le tue colture, fai attenzione perché qui ti diremo tutto.

Che cos’è lo zolfo?

Lo zolfo è indicato all’interno degli elementi chimici con il simbolo di S e a livello di coltura rappresenta uno dei tre nutrienti secondari.

La sua importanza è associata al mantenimento di piante con un buon tasso di crescita, contribuendo nel contempo alla loro salute ottimale .

Affinché le piante possano assorbirlo dal terreno, lo zolfo deve essere presente sotto forma di solfato , manifestandosi come SO4.

Ottenere questa forma è qualcosa di relativamente semplice nell’ambiente perché lo zolfo è molto facile da dissolvere, sebbene si possano generare anche perdite.

Quali fattori influenzano la risposta della coltura alla concimazione con zolfo?

  1. Lo zolfo deriva dalla decomposizione della materia organica nel suolo. Per questo motivo uno dei fattori che influenzano direttamente i corretti livelli di questo elemento per la fertilizzazione è la materia organica.
  2. Ciò significa che i terreni con un alto contenuto di materia organica avranno più zolfo disponibile.
  3. Ora, questa forma non è adatta alle piante per assorbirla, perché come abbiamo già visto, hanno bisogno della forma solfata.
  4. Quello che succede è che lo zolfo da materia organica subisce un progressivo processo di decomposizione che, in seguito, darà origine a solfati.
  5. Un altro elemento strettamente correlato alla capacità del terreno di fertilizzazione solforosa è il pH .
  6. Come nella maggior parte dei casi, un terreno a pH elevato avrà meno zolfo disponibile.
  7. Infine, la tessitura è legata al fatto che i terreni con contenuto più argilloso avranno più zolfo rispetto a quelli sabbiosi.
  8. In generale, ciò è dovuto al livello di filtrazione che ciascuno ha, poiché lo zolfo tende a perdersi attraverso un processo noto come lisciviazione .

Qual è il contenuto di zolfo nel suolo?

La quantità totale di zolfo nel suolo è variabile in funzione dei fattori sopra descritti.

Questa percentuale può occupare dallo 0,005% allo 0,04%.

Il modo migliore per convalidare il punto esatto è attraverso un’indagine del suolo.

Quali vantaggi può avere un terreno ricco di zolfo?

  1. I terreni ricchi di zolfo rendono più facile per le piante ottenere la quantità di elementi di cui hanno bisogno per la costituzione delle loro proteine.
  2. Questo perché lo zolfo è una parte essenziale di essi, così come nella formazione e nel funzionamento di diversi ormoni.
  3. Un’altra parte in cui interviene lo zolfo, e che è determinante, ha a che fare con la formazione di alcuni oli.
  4. Lo zolfo svolge inoltre un ruolo di primo piano nel corretto sviluppo della clorofilla ed è presente in alcune reazioni a livello cellulare.

Quali sono gli svantaggi di un eccesso di zolfo?

Il problema principale che si verifica quando c’è un eccesso di zolfo ha a che fare con l’elevata competitività che ha con l’ azoto .

Ciò significa che alti livelli di zolfo possono portare la pianta a non assorbire e distribuire bene l’azoto, il che porterà ad un deficit di questo.

Quali colture beneficiano maggiormente della presenza di zolfo nel terreno?

  1. Lo zolfo è necessario per lo sviluppo e la salute di tutte le specie vegetali .
  2. Tuttavia, la sua presenza è essenziale in colture come aglio e cipolla .
  3. In essi, fanno parte dei composti volatili di cui hanno bisogno per la loro costituzione.
  4. I cereali sono un’altra delle colture che beneficiano molto dei terreni ricchi di zolfo perché aumentano il livello di farina nella loro composizione.
  5. Poiché aiuta anche a sviluppare oli, le colture di semi oleosi ne hanno molto bisogno .
  6. Nel caso degli ortaggi, lo zolfo aiuta le colture ad essere molto più uniformi per dimensioni e consistenza.

Come rileviamo la carenza o la carenza di zolfo nelle nostre colture?

Lo zolfo è strettamente legato all’azoto poiché entrambi sono coinvolti in processi simili.

Lo zolfo, infatti, aiuta la pianta ad assorbire meglio l’azoto.

Ciò si traduce nella mancanza di zolfo che si manifesta con sintomi molto simili a quelli che si verificherebbero se il deficit fosse di azoto.

La prima cosa è la clorosi che attraversa progressivamente l’intera struttura della pianta , dalle foglie più giovani a quelle più vecchie.

Il motivo è che il modello di mobilità dello zolfo è relativamente lento, ma allo stesso tempo aiuta a mostrare un aspetto uniforme in tutta la pianta .

Un modo per separare la clorosi azotata dalla clorosi solforosa è notare dove inizia:
  • La clorosi da carenza di azoto inizia con le foglie più basse o più vecchie.
  • La clorosi da carenza di zolfo si verifica sulle foglie più recenti.

Godere di un terreno con una buona quantità di sostanza organica significa che è ricco di tutti i tipi di nutrienti, soprattutto di zolfo perché da esso dipende.

In ogni caso, quando si ha dei dubbi sulla quantità di zolfo disponibile, è meglio effettuare uno studio del suolo.

Ciò consentirà di definire se è necessaria una fornitura supplementare di zolfo o con i livelli disponibili è più che sufficiente.

È anche la misura migliore da adottare quando noti che qualcosa con la pianta non sta andando come dovrebbe.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.