Suggerimenti

Irrigazione del Naranjo: [Necessità, frequenza e procedura]

L’arancio è uno degli agrumi più coltivati ​​e consumati al mondo e se ne avete un esemplare in giardino è necessario che sappiate tutto sulla sua irrigazione.

L’acqua è fondamentale per il suo sviluppo efficiente e, soprattutto, per poter produrre frutti di qualità sempre migliore.

Non si tratta di versarci sopra dell’acqua come si pensa, perché si può causare più danni che benefici, fino alla morte. Sai definire aspetti come la frequenza delle irrigazioni e avvertire che la quantità d’acqua è insufficiente o eccessiva? Continua a leggere.

Punti importanti quando si innaffia un albero di arance:
  • Frequenza di irrigazione: variabile. In inverno ogni 15 giorni, in estate due volte a settimana. Eliminare l’irrigazione quando è la stagione delle piogge.
  • Metodo di irrigazione: goccia a goccia.
  • Orario ottimale della giornata per l’irrigazione: al mattino.
  • Identificare l’acqua in eccesso: foglie giallastre, marciume radicale.
  • Identificare la mancanza d’acqua: foglie verde chiaro verso la fine della chioma.

Che bisogno di irrigazione ha l’arancio?

L’arancio deve rimanere in un substrato costantemente umido senza cadere in ristagni d’acqua. Ciò comporta che le esigenze di irrigazione vengano stabilite in base all’aspetto secco del terreno, stabilendo una frequenza maggiore o minore a seconda dei casi.

Quando gli aranci vengono piantati in terreni argillosi necessitano di meno acqua rispetto a quelli sabbiosi perché la trattengono più a lungo. Da tenere in considerazione anche l’età dell’albero , poiché i più giovani tendono a richiedere più acqua degli adulti.

Come possiamo rilevare la mancanza di irrigazione nell’albero di arancio?

La mancanza di irrigazione sarà facilmente identificabile notando cambiamenti nel colore delle foglie che tendono ad apparire verde chiaro. Queste foglie iniziano ad essere notate con queste condizioni dalla fine della tazza, dando così l’opportunità di correggere il guasto non appena se ne accorge.

Quante volte dovremmo innaffiare l’albero di arancio?

La quantità di acqua e la frequenza con cui viene applicata agli aranci dipenderanno da vari fattori come il terreno, il clima o il periodo dell’anno. In generale, nelle giornate invernali non dovrai lavorare molto su questo problema perché l’albero sarà senza foglie e avrà una traspirazione molto bassa.

Pertanto, i rischi possono essere impostati su una media di una volta ogni 15 giorni. In estate il tema è diverso. In questo momento l’albero è in piena attività produttiva e la quantità di calore fa evaporare l’acqua molto più velocemente.

Quindi, è meglio applicare le annaffiature 2 volte a settimana per assicurarti di ottenere la quantità d’acqua di cui hai bisogno. È importante che in ogni ciclo di irrigazione si applichi la giusta quantità di acqua in modo che penetri nel sottosuolo e mantenga l’ambiente umido delle radici.

Per ottenere ciò, utilizza un meccanismo a basso flusso che ha un lungo tempo di ciclo, in modo che la terra assorba l’acqua a poco a poco. Tieni presente che nei periodi in cui ci sono le piogge, il ciclo di irrigazione dovrà scendere in modo che il tuo albero di arancio non “affoghi”.

Qual è il modo migliore per innaffiare l’albero di arancio?

Il miglior metodo di irrigazione per l’arancio è la goccia, che devi applicare con un sistema a basso flusso. Questo meccanismo consentirà all’acqua di penetrare direttamente nella base dell’albero e alla terra di poter assorbire ciò di cui ha bisogno nel punto esatto.

In alcuni casi è vantaggioso creare delle scanalature nell’ambiente che facilitino la distribuzione dell’acqua su tutto il diametro e non che il gocciolamento si concentri solo in un punto.

In questo modo non solo offrirete una quantità d’acqua adeguata, ma coprirete anche tutti gli spazi possibili. La flebo è vantaggiosa perché facilita anche l’applicazione di alcuni tipi di fertilizzanti contemporaneamente all’irrigazione.

Come rileviamo l’acqua in eccesso nell’albero di arancio?

Quando un albero di arancio è sottoposto ad alti livelli di umidità, le foglie cambieranno il loro colore dal verde al giallo. Tuttavia, l’impatto maggiore si evidenzia nelle radici, che possono diventare un focolaio per l’insediamento di funghi o batteri.

Il più probabile che si verifichi è il marciume radicale, con il quale non solo le radici soffriranno ma porteranno alla morte dell’albero di arancio. Tieni presente che la risposta del tuo arancio all’irrigazione è importante quando definisci tutti gli aspetti relativi a questa cura.

Sebbene gli studi abbiano permesso di progettare una serie di riferimenti, come quelli qui espressi, dovrai personalizzarli in base alle tue condizioni particolari. In questo modo avrete un albero ben curato intorno all’umidità che produrrà frutti deliziosi. Certo, non dimenticare le concimazioni e la potatura.

Forse ti interessano anche:
  • 7 parassiti che colpiscono i tuoi alberi di arancio: [rilevamento, cause e soluzioni]
  • Come fertilizzare Naranjo: [Componenti, esigenze e importanza]
  • Cura dell’arancio in vaso: [terreno, umidità, potatura e problemi]
  • Cura di Naranjo: [Terra, umidità, potatura e problemi]
  • Malattie dell’arancio: [Caratteristiche, tipi, rilevamento e trattamento]
  • Talee di arance: [innesto, stagione, radicamento e semina]
  • Potatura dell’arancio in vaso: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]
  • Potatura Naranjo: [Date, modi per farlo e strumenti]
  • Potare un albero di arancio malato: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]
  • Tipi e varietà di arance più famose e deliziose

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *