Suggerimenti

Assenzio: [coltivazione, irrigazione, cura, parassiti e malattie]

L’ Artemisia absinthium , conosciuta come assenzio , yerba santa, erba maestra, tra molte altre varianti, è una pianta con un valore medicinale storico unico.

Conosciuto e apprezzato fin dall’antichità dagli egizi e dai greci, l’ assenzio veniva utilizzato come antielmintico, cioè per eliminare le infestazioni di parassiti nell’intestino.

L’ assenzio veniva tradizionalmente utilizzato anche per migliorare la digestione, migliorare i problemi al fegato e alla cistifellea, nonché per stimolare le mestruazioni.

Infatti, all’interno di un antico libro di medicina chiamato Tesoro dei Poveri , l’ assenzio era indicato come “la madre di tutte le erbe” per le sue numerose applicazioni medicinali e aromatiche.

Oggi l’ assenzio è diventato una delle piante essenziali nei frutteti di oggi. Ora, quali passi devi seguire per coltivarlo? Qui condividiamo alcuni punti importanti sulla coltivazione dell’assenzio .

Punti importanti per la semina dell’assenzio
  • Nome scientifico: Artemisia absinthium .
  • Nome comune: Assenzio, erba sacra, artemisia amara, erba maestra, prodigiosa, alosna, artemisia.
  • Altezza: 40 cm e 1 m.
  • Fabbisogno di luce : Esposizione al sole e mezz’ombra.
  • Temperatura: Temperata.
  • Irrigazione: Controllata.
  • Fertilizzante : fertilizzanti naturali e artificiali.

Quali sono le caratteristiche dell’assenzio?

L’ Artemisia absinthium è una delle 474 specie ammesse descritte nel 1449 dagli specialisti. Con fusti ramificati e decidui, l’ assenzio produce rami diritti che possono misurare tra i 50 centimetri e 1 metro di altezza.

I rami del assenzio secco in autunno e in inverno, ma crescono di nuovo durante la primavera, quando grappoli di fiori gialli spuntano e produrre un achenio di frutta , che è, un semplice, frutta secca con un odore forte e penetrante.

Sia i rami che le foglie hanno una colorazione biancastra a causa della fitta peluria grigia che li ricopre. Infatti, una delle caratteristiche più importanti dell’assenzio è il sapore amaro delle sue foglie causato da un alcaloide noto come assenzio.

Ci sono teorie che spiegano che “Artemisia” sia stata nominata in onore della dea greca Artemide, la dea della caccia, delle virtù curative delle malattie delle donne, della fertilità e della terra vergine.

Quando seminare l’assenzio?

Sebbene alcune specie si possano trovare allo stato selvatico, l’ Artemisia absinthium viene solitamente seminata negli ultimi giorni dell’inverno e all’inizio della primavera, poiché è in questa stagione che si presentano le condizioni necessarie per la sua crescita.

Dove piantare l’assenzio?

L’ assenzio è originario dell’Europa, dell’Asia e dell’Asia settentrionale, quindi cresce su terreni e ambienti freschi con piovosità moderata (meno di 400 litri l’anno), in cui vi sia protezione dal vento in modo che non possa spargere i piccoli semi di pianta.

Gli specialisti raccomandano di coltivare l’ assenzio in una cornice di piantagione tra 70 x 30 centimetri e 60 x 80 centimetri orientata a sud o sud-ovest per favorire l’esposizione al sole.

Come preparare il terreno?

L’ assenzio è una pianta che non richiede molte cure. Cresce molto bene in terreni plastici profondi, leggeri e asciutti, soprattutto se coltivata in substrati ricchi e ben drenati. Bisogna fare attenzione che il terreno non sia molto argilloso o eccessivamente umido, in quanto queste condizioni sono sfavorevoli per la pianta .

Nelle grandi piantagioni, invece, ci si aspetta che il terreno sia ben concimato, sia con letame, sia con componenti minerali quali azoto, acido fosforico e potassio in diverse misure e proporzioni.

Se si desidera coltivare in piccoli giardini, si consiglia di realizzare una miscela base di humus di lombrico 50%, con sostanze nutritive organiche e ritenzione chimica, e fibra di cocco 50%, una fibra leggera che aiuta a trattenere l’umidità e che il substrato ha un’ottima pH (tra 4,8 e 8,2).

Ci sono altre proporzioni per avere un substrato migliorato. Per questi casi si consiglia una miscela in cui il substrato contenga il 40% di humus di lombrico, il 40% di fibra di cocco, il 10% di agrolite e il 10% di vermiculite, con cui si favorisce la decompattazione, l’aerazione e la ritenzione chimica dei nutrienti.

Come innaffiamo l’assenzio?

Sebbene assenzio è resistente alla siccità, è più produttivo se viene sottoposto ad irrigazione regolare e controllato, il monitoraggio dei livelli di umidità del substrato ed evitando ristagni.

Ogni quanto innaffiamo l’assenzio?

È importante innaffiare i semi di assenzio ogni giorno quando vengono piantati, circa un pollice di acqua ogni settimana, soprattutto durante l’ estate .

Tuttavia, quando la pianta si stabilizza e matura, il rischio dovrebbe diminuire drasticamente. Ad esempio, in estate si consiglia di annaffiare la pianta ogni due o tre settimane, e aumentare la frequenza nei periodi di siccità o di caldo estremo.

Al contrario, l’irrigazione di assenzio dovrebbe essere limitato durante la stagione delle piogge o in climi dove c’è maggiore umidità per evitare che la pianta da indebolimento o funghi germinazione.

Come seminare un assenzio passo dopo passo?

L’ assenzio può essere coltivato in diversi modi:

Per seme

  1. I semi vengono posti in un semenzaio, ben coperto da un leggero strato di sabbia fine. Può anche essere sparso purché i semi siano ricoperti da terreno sabbioso.
  2. Lasciare germogliare i semi per 15 giorni con annaffiature leggere giornaliere fino a quando un paio di foglie germogliano dalle piantine.
  3. Quando le piante sono alte 6 o 7 dita, trapiantale in file distanti tra loro da 70 a 80 centimetri.

Per posta in gioco

  1. Cerca una pianta di assenzio maturo con rami di un anno.
  2. Tagliare i rami in sezioni da 15 a 20 centimetri, circa.
  3. Spogliare le foglie e seppellirle in file di 3-4 centimetri l’una dall’altra, lasciando all’esterno due o tre gemme del paletto .
  4. Innaffia quotidianamente senza inumidire eccessivamente il terreno.
  5. Trapiantare le talee una volta che hanno messo radici, soprattutto in primavera .

Per stratificazione

  1. Scegli un ramo giovane di assenzio .
  2. In una sezione del ramo, rimuovere o intagliare circa 1 centimetro di corteccia.
  3. Circonda l’area del ramo con segatura o muschio inumidito tra 8 e 10 centimetri.
  4. Coprire l’area con un involucro di plastica e legarla saldamente.
  5. Lo strato può essere separato dalla pianta solo se si osserva un gran numero di radici nell’area interposta e quindi viene trapiantato.

Di che cure ha bisogno l’assenzio?

Una delle principali cure dell’assenzio è quella di monitorare il livello di umidità del suolo ed evitare le pozzanghere poiché l’umidità può favorire la comparsa di funghi e danneggiare gravemente la pianta. Durante l’estate la pianta di assenzio deve essere annaffiata con maggiore regolarità. È anche importante sarchiare il terreno per eliminare le erbacce e controllare le colonie di formiche .

È anche importante potare l’ assenzio in autunno per prevenire la diffusione incontrollata. La procedura per la potatura o la raccolta della pianta si effettua tagliando i teneri steli esterni e lasciando addensare i rami centrali in modo che possa riprendersi.

Quali parassiti e malattie colpiscono l’assenzio?

In quanto tale, l’assenzio non è noto per malattie o parassiti specifici. Le foglie, infatti, sono un rimedio naturale molto efficace per controllare i parassiti di diverse colture.

Tuttavia, l’assenzio può sviluppare funghi a causa dell’eccesso di umidità nel terreno. I funghi che solitamente colpiscono questa pianta sono la Puccinia absinthii e la Phacopsora compositarum .

D’altra parte, se si osservano fusti pendenti, fogliame sciolto e scolorito, è importante controllare il livello di umidità del terreno e interrompere l’irrigazione per una settimana o due per consentire all’assenzio di riacquistare forza.

Riferimenti

  • http://192.188.48.14/bitstream/123456789/20261/1/TESIS.pdf
  • https://repositorio.uam.es/bitstream/handle/10486/11698/57862_tesis%20doctoral%20Mar%C3%ADa%20Bailén.pdf?sequence=1
  • https://repositorio.inia.gob.pe/bitstream/inia/922/1/Folleto%20-%20Cultivo%20de%20Hierbas%20Aromaticas%20y%20Medicinales%20R.I..pdf
  • http://www.conafor.gob.mx/biblioteca/Plantas_medicinales_de_la_farmacia_viviente-Conafor.pdf
  • http://www.repositorio.usac.edu.gt/477/1/06_3761.pdf
  • http://www.metrohuerto.es/wp-content/uploads/2017/01/Manual-Mh-online.pdf
  • https://www.minsal.cl/portal/url/item/7d983cf52c858bd6e04001011e011da0.pdf
  • https://rosalandia.com/varios/ajenjo
  • http://repositorio.uncp.edu.pe/bitstream/handle/UNCP/2071/Noroña%20Sancedo.pdf?sequence=1&isAllowed=y
  • https://bladmineerders.nl/parasites/fungi/basidiomycota/pucciniomycotina/pucciniales/pucciniaceae/puccinia/puccinia-absinthii/
  • https://www.ecured.cu/Artemisa_(dea)

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *