Suggerimenti

Talee di olive: [Concetto, Tempo, Radicazione e Semina]

Cosa significa piantare per talea?

La procedura di impianto di un ulivo per talea si riferisce all’utilizzo di un pezzo, frammento o parte della pianta per ottenere la riproduzione della specie.

La talea secondo il dizionario botanico è un frammento di fusto con gemme di consistenza legnosa che serve per la moltiplicazione di una nuova pianta.

Attualmente, la tecnica della semina per talea è diventata molto popolare tra gli hobbisti o le persone che hanno appena iniziato a dedicarsi al giardinaggio.

L’ olivo ha una grande capacità di riprodursi vegetativamente e questo è dovuto alle numerose gemme latenti presenti che si sviluppano a fronte di stimoli esterni di vario genere, facilitando la produzione di radici.

Il metodo di propagazione dell’olivo migliore e più utilizzato, soprattutto in Spagna, è il metodo per talea (talea legnosa) ottenuta dalla potatura dei rami degli uliveti adulti.

Questa tecnica contribuisce efficacemente al miglioramento dell’olivicoltura e alla modernizzazione dell’industria olivicola, producendo di conseguenza una migliore e maggiore redditività.

Per saperne di più: Riproduzione per talea

Qual è il momento migliore per piantare le talee di olive?

I moderni sistemi di impianto dell’olivo consentono di effettuare la moltiplicazione dell’olivo per talea in qualsiasi periodo dell’anno.

Come far radicare correttamente le talee di oliva?

La corretta moltiplicazione dell’olivo per talea deve tenere conto delle condizioni ambientali, della temperatura, dell’umidità e dell’esposizione al sole.

I ricercatori sono giunti alla conclusione che affinché le talee di olivo attecchiscano correttamente, occorre effettuare una corretta applicazione dei regolatori di crescita che favoriscono la rizogenesi.

Come dobbiamo prendere le talee di ulivo per piantarle?

Le talee semilegnose dell’olivo devono essere ottenute da esemplari sani, potando accuratamente fusti di lunghezza compresa tra 10 e 20 centimetri, privi di foglie alla base e con due o tre paia di foglie apicali. 

Le talee selezionate per la moltiplicazione dell’olivo non possono provenire da rami non carichi, né da alberi carichi, né con infiorescenze e frutti. L’attecchimento è ottimale se le talee sono prelevate da olivi in ​​attivo sviluppo vegetativo.

Il successo della tecnica sta nel mantenere in vita le talee ponendole ad una profondità di 3-4 cm, in un mezzo inerte, per il quale si consiglia un tunnel di nebulizzazione, con un alto grado di umidità e una temperatura favorevole.

La propagazione dell’olivo mediante la tecnica delle talee si compone di 3 fasi: radicazione per provocare l’emergere di radici avventizie alla base delle talee; e ndurecimiento per promuovere il rafforzamento degli apparati radicali; e  un allevamento delle piantine allevate in sacchetti, ad un unico tronco. 

Quanto tempo dobbiamo lasciare le talee di olive in acqua?

Per evitare che le talee da piantare si secchino, è necessario mantenerle fresche e umide durante il periodo di preparazione delle talee.

Una volta preparate le talee, è consigliabile trattarle con una soluzione fungicida come precauzione contro lo sviluppo di malattie durante il periodo di radicazione.

Si consiglia invece di utilizzare la nebulizzazione come metodo di radicazione delle talee poiché mantiene un’elevata umidità relativa e abbassa la temperatura.

È conveniente usare il compost o il compost?

Per garantire il successo dell’attecchimento delle talee è necessario disporre di materiale vegetale proveniente da piante in buono stato fisico fitosanitario; vigoroso, di note caratteristiche riproduttive.

Prima di piantare le talee si consiglia di preparare il substrato su tavoli di propagazione o in cassette e generalmente con perlite e acqua bene per conferirgli un’adeguata compattezza.

La perlite agricola è il substrato di radicazione più utilizzato, ma anche torba, vermiculite o una miscela di tutte queste, purché siano mantenute le condizioni appropriate. È possibile utilizzare anche sabbia lavata, sebbene abbia lo svantaggio di produrre un apparato radicale lungo, non ramificato e molto fragile.

Il substrato per l’impianto deve essere riscaldato in modo che le talee di olive rimangano tra 20 e 25 ˚C e l’ambiente circostante deve essere molto umido e un po’ più fresco, che si ottiene mediante nebulizzazione intermittente.

Le talee di ulivo andranno introdotte nel substrato a una profondità di circa quattro o cinque centimetri, quindi lo strato di substrato dovrà avere uno spessore di circa 10 cm e la densità di impianto non dovrà essere eccessiva.

Quanto tempo impiega di solito a spuntare una talea di ulivo?

Rispetto ai metodi tradizionali di olivicoltura, la propagazione per talea offre il fondamentale vantaggio di radicare i germogli all’anno.

In questo modo, dallo stesso olivo si ottengono un gran numero di piante, cioè con la stessa identità varietale, con la qualità e le caratteristiche richieste dalle moderne tecniche di coltivazione.

Bibliografia e riferimenti

  • Bent Ana. (2019). Grande libro di giardinaggio indoor. Prima edizione. Servilibro Ediciones, SA Madrid-Spagna. PP 43-47.

Banca dati digitale

  • Montero, Maria del Carmen. Induzione della radicazione nelle talee di olivo mediante l’utilizzo di batteri provenienti dalla crescita delle piante . Riprodotto da : https://idus.us.es/bitstream/handle/11441/24384/R_T.PROV14. PDF
  • Purogamer.com. Come fare le talee o le talee di olive . Riprodotto da: https://www.youtube.com/watch?v=uPIpbrTmL4U
  • Un semplice trucco per far crescere le piante per talea. Riprodotto da:  https://www.youtube.com/watch?v=GfHWU_y_gX8
  • Ecured.com. talee Riprodotto da : https://www.ecured.cu/Esqueje
  • López D e Carazo N. La produzione di talee. Riprodotto da:  https://www.researchgate.net/publication/28280218_La_produccion_de_esquejes

Nella nostra pagina puoi saperne di più sulla riproduzione per talea di alcune piante e alberi:
  • Talee di rosa.
  • Talee del cespuglio di rose in patata.
  • Talee di olive .
  • Ritagli di rosmarino .
  • Talee di lavanda.
  • Talee di gelsomino.
  • Talee di edera .
  • Talee di geranio.
  • Talee di mandarino.
  • Talee di cipresso.
  • Ritagli di garofano.
  • Talee di Dracena marginata.
  • Ritagli di garofano.
  • Talee di Camelia .
  • Talee di cactus.
  • Talee di bouganville.
  • Talee di bambù.
  • Talee di patate dolci.
  • Talee di bosso.
  • Ritagli di carciofi .
  • Talee di begonia.
  • Talee di alberi .
  • Ritagli di mandorle .
  • Talee di aloe vera.
  • Talee di oleandro .
  • Talee di agrifoglio.

 

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.