Suggerimenti

Come prendersi Cura delle ortensie in vaso

Le ortensie, che sono piante appartenenti al genere Hydrangea, sono una delle piante da fiore più apprezzate dagli amanti del giardinaggio, poiché i loro fiori, formati in suggestivi bouquet, sono un contributo di colore e vita eccezionale a qualsiasi giardino o spazio.

Queste piante, originarie dell’Asia, mostrano una grande diversità di dimensioni, sebbene la maggior parte di quelle vendute qui siano arbusti di medie dimensioni. Coltivare ortensie in giardino non è eccessivamente complicato, ma le cose si complicano quando proviamo a prenderci cura delle ortensie al chiuso. Tuttavia, non è impossibile: se ti stai chiedendo come prenderti cura delle ortensie in vaso e vuoi sapere quali passaggi devi seguire affinché durino per molti anni, sia all’interno che in terrazza, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde.

Caratteristiche delle ortensie

Come abbiamo accennato, ci sono membri del genere Hydrangea che hanno le dimensioni di piccoli alberi o che si arrampicano, ma quello che popolarmente è noto come ortensie sarà quasi sempre un arbusto alto poco più di un metro, di forma tondeggiante, foglia caducifoglia e tipica dei climi temperati, anche se nelle giuste condizioni può crescere notevolmente di più.

Le sue foglie tendono ad essere di un bel verde brillante, anche se senza dubbio la parte più vistosa della pianta sono i suoi mazzi di fiori, che possono essere bianchi o sfumature di rosa o blu, a seconda della varietà e del pH del terreno. Vuoi conoscere le varietà di ortensie? Qui indichiamo i principali.

Ti chiedi quanto dura il fiore di ortensia? Apparendo in primavera, autunno o estate a seconda del clima e della varietà, questi mazzi di fiori durano individualmente alcune settimane, sebbene la pianta sostituisca i fiori vecchi con quelli nuovi durante la sua stagione di fioritura, che è di diversi mesi.

Cosa bisogna fare per far fiorire le ortensie? Presto vedremo quali sono le cure specifiche di cui questa pianta necessita in vaso; Se la tua ortensia non fiorisce, è molto probabile che tu ne stia trascurando una, la più comune è la mancanza di luce o di spazio.

Come piantare le ortensie in una pentola

Per imparare a prenderti cura di una pianta di ortensia in vaso, devi prima prendere in considerazione alcuni aspetti della sua messa a dimora.

  1. Quando arrivi a casa con la tua nuova ortensia, prepara il suo nuovo vaso grande, che dovrebbe essere almeno il doppio della dimensione della zolla della pianta.
  2. Seppelliscilo con il substrato appropriato, di cui parleremo più avanti, fino al punto in cui si trovava nel suo vaso al vivaio o al negozio.
  3. Innaffia abbondantemente il terreno.
  4. Tieni la pianta al riparo dal sole per alcuni giorni mentre si acclimata.

Qui puoi saperne di più su come piantare le ortensie.

Luce e posizione per le ortensie

Di quanto sole hanno bisogno le ortensie? Praticamente tutte le specie di ortensie concordano sul fatto che necessitano di un ambiente molto luminoso, con almeno 5 ore di luce al giorno. Amano particolarmente la luce che viene da est, cioè al mattino, poiché non tollerano bene l’esposizione diretta a un sole molto intenso, ed è meglio tenerla al riparo dalle ore diurne di mezzogiorno e del pomeriggio.

Pertanto, la tua ortensia avrà bisogno di una stanza illuminata in cui la pianta riceva il sole diretto al mattino, purché tu sia in un clima mite, o un’esposizione indiretta per gran parte della giornata. In climi molto caldi, una posizione semiombreggiata può essere più che adeguata per queste piante.

Per quanto riguarda i vasi, questo è anche uno dei punti più importanti nella cura delle ortensie da interno. La prima cosa è che dovete avere le vostre ortensie in vasi grandi, di circa 50 cm di diametro, perché se le radici non hanno abbastanza spazio per svilupparsi e cercare i nutrienti, la pianta non fiorirà e nemmeno si seccherà. È anche necessario che il vaso abbia dei fori di drenaggio e potrebbe essere d’aiuto se ha ruote o simili per spostarlo se devi spostarlo in luoghi diversi durante la mattina e il pomeriggio.

Innaffiare le ortensie in vaso

Andiamo avanti nel dettaglio di un altro punto molto importante nella cura di queste piante: come annaffiare un’ortensia in vaso? L’ortensia necessita di molta umidità, essendo una pianta che di solito si gode la pioggia all’aperto. All’interno, annaffiare quando lo strato superiore del substrato si è asciugato, applicando un’irrigazione profonda e rimuovendo l’acqua in eccesso dal sottovaso o vassoio alla base del vaso. Nei mesi caldi e se il clima è caldo, l’ortensia potrebbe aver bisogno di annaffiature quotidiane.

Un altro punto molto importante di irrigazione per le ortensie in vaso è che questa pianta non ama l’acqua con molta calce, cosa che accade nell’acqua del rubinetto in molte zone. Se questo è il caso e noti che la tua ortensia sta diventando gialla, annaffia la pianta con l’acqua piovana o ammorbidisci l’acqua, lasciandola riposare per circa 24 ore, prima di annaffiare la pianta con essa.

Substrato e concime per ortensie

Le ortensie in vaso necessitano di un substrato ricco di sostanze nutritive e con un ottimo drenaggio, cioè leggero. Usa una miscela con humus di lombrico e torba, che darà alla pianta i nutrienti di cui ha bisogno.

Inoltre, le ortensie che non sono bianche possono cambiare colore in base al pH del terreno. Se possiedi una di queste varietà, puoi alterare il pH del terreno alzandolo, se vuoi fiori rosa, o più basso, se stai cercando ortensie a fiore blu. Si è soliti ricorrere, ad esempio, all’aceto per le ortensie, aggiungendolo all’irrigazione in modo da acidificare il terreno. Anche così, fai sempre attenzione quando modifichi il pH del substrato per le ortensie, tieni presente che è un processo lungo che deve essere fatto lentamente e gradualmente.

Prova a mettere del fertilizzante in primavera nel substrato delle tue piante, le aiuterà a dare fiori con più forza. Scegli sempre concimi organici e, se possibile, specifici per le ortensie. Tuttavia, non abusare del suo uso in quanto può modificare il pH del terreno. In questo altro articolo puoi imparare come preparare in casa un fertilizzante organico per piante.

Potatura di ortensie in vaso

Dopo la fioritura, è particolarmente importante potare le ortensie in vaso, poiché è necessario potare tutti i fiori secchi in modo che la pianta non sprechi risorse su quegli steli e dia una buona fioritura l’anno successivo. Ti consigliamo di leggere questo altro post su Come potare le ortensie per saperne di più.

Inoltre, qui puoi saperne di più sulla cura delle ortensie piantate nel terreno o sul terreno.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come prendersi cura delle ortensie in vaso, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.