Suggerimenti

Come piantare il rosmarino in [12 passaggi e con immagini]

La famosa acqua conosciuta come “Acqua della Regina d’Ungheria” ha il rosmarino come ingrediente principale ed era usata per lenire il dolore reumatico e la paralisi della regina Elisabetta d’Ungheria.

E nell’antico Egitto era uno degli ingredienti usati per imbalsamare i corpi dei morti.

Incredibile, vero?

Il rosmarino è un arbusto che può essere coltivato in climi temperati, tendenti al caldo.

Inoltre, è considerata un’erba medicinale  (come l’ aloe vera , il timo o la camomilla ) e una pianta aromatica , oltre ad essere usata come pianta d’appartamento .

Se vuoi piantare il rosmarino nel tuo giardino urbano o domestico, penso che sei arrivato nell’articolo giusto

Punti importanti per la semina del rosmarino:
  • Quando? In autunno e trapianto in primavera.
  • Dove? Luogo che riceve circa 6-8 ore di luce solare, sebbene tolleri anche l’ombra.
  • Tempo di raccolta? Da circa 40 giorni dopo il trapianto.
  • Come prepariamo il terreno? Non è esigente riguardo ai nutrienti. Elimina le erbacce e aggiungi del compost.
  • Come innaffiamo? Inoltre non è schizzinoso sull’acqua. Ideale per mantenere umido il terreno con irrigazione a goccia .
  • Come seminiamo? Possiamo seminare direttamente a terra , tramite semenzaio o per talea.
  • Come raccogliamo? Dobbiamo potare regolarmente le sue foglie fresche.
  • Associazioni favorevoli?  Fave , carote , pomodori e cavoli .
  • Associazioni sfavorevoli? Nessuno in generale.
  • Piaghe e malattie? Ragno rosso, coleottero rosmarino, muffa , phytophthora e alternaria.

E l Rosemary è una delle le erbe più vengono utilizzati in tutto il mondo.

Sia per le sue proprietà medicinali che per il suo eccellente aroma , il rosmarino è un ingrediente indiscutibile per la preparazione di unguenti, piatti, cosmetici e molti altri.

È una coltura molto completa, è una pianta che cresce velocemente e molto facile da seminare Poiché difficilmente attecchisce , può essere conservato per diversi anni.

Impara il modo più semplice per piantare il rosmarino e raccoglierlo.

Lo sapevate…
Sapevi che il rosmarino è un’ottima pianta antizanzare ?

Di cosa abbiamo bisogno per coltivare il rosmarino?

Quando? Gli appuntamenti

Se vogliamo seminare il rosmarino con i semi , si consiglia di farlo in autunno e trapiantare in primavera.

Per saperne di più sul trapianto di rosmarino, consulta questo articolo.

Dove? Temperatura e luminosità

Nel suo habitat naturale, il rosmarino cresce negli ambienti  secco e molto luminoso. 

Si consiglia di trascorrere tra le 6 e le 8 ore di sole intenso , anche se può tollerare periodi di ombra .

La temperatura ideale per la sua germinazione è di 20 ºC.

Si adatta molto bene alle alte temperature , anche se la sua crescita si ferma sopra i 35 ºC.

Allo stesso modo è molto resistente al freddo e può essere mantenuto anche durante le nevicate .

Si consiglia comunque di proteggere i primi germogli dal gelo, in quanto sono più sensibili alle basse temperature.

Come lo innaffiamo? Umidità

Ha una grande tolleranza alla siccità, ma si sviluppa meglio con un buon schema di irrigazione.

Irrigazione deve essere leggera locazione ha periodi di terreno asciutto tra waterings .

Prima dei primi germogli necessita di annaffiature regolari per far germogliare il seme . Sarà sufficiente mantenere umido il terreno , senza che si inzuppi d’acqua.

In seguito sarà sufficiente innaffiare la pianta quando si innaffia il giardino o il frutteto, lasciando anche che sia la pioggia a provvedere alla quantità d’acqua di cui ha bisogno.

Non essendo molto esigente sull’acqua , l’eccesso può far marcire le radici . Di per sé, dovresti cercare di avere un terreno ben drenato.

Come prepariamo il terreno? Il substrato e i nutrienti

Predilige i terreni  povero di natura calcarea, sabbiosa, leggera o arida .

I terreni asciutti ti aiutano a rafforzare il tuo apparato radicale.

Non è molto esigente in termini di nutrienti , quindi non necessita di un fertilizzante eccessivo.

Un’aggiunta occasionale di compost migliorerà notevolmente la sua crescita.

 Il pH ottimale tra 6.0 e 7.5 .

La calce agricola nel substrato in quantità moderate può essere utile per il suo sviluppo.

Come seminare il rosmarino passo dopo passo

  1. Preparare il terreno. Rimuovi le erbacce e i vecchi detriti del raccolto e tutti i tipi di residui per assicurarti che le tue piante di rosmarino possano svilupparsi correttamente.
  2. Inumidisci il terreno per una settimana prima di piantare il rosmarino. In questo modo riduci il rischio di espellere i semi dalla forza dell’acqua.
  3. Fertilizzare il terreno. Spargi della materia organica sul terreno per migliorare la qualità generale prima di iniziare a seminare.
  4. A seconda del modo in cui scegli di piantare il rosmarino, segui i passaggi seguenti.
Ora devi stabilire se vuoi farlo direttamente in giardino , per mezzo di semi in semenzaio o per talea .

Utilizzo dei semi direttamente in giardino

  1. Immergere i semi in acqua 24 ore  prima della semina, per favorire la loro germinazione. Dovresti introdurli ad una profondità massima di 2,5 cm, cercando di coprirli con un po’ di pacciame .
  2. Puoi mettere da due a tre semi in ogni buca . Mantieni una distanza di 10-20 centimetri tra una pianta e l’altra.
  3. Innaffia il terreno regolarmente fino alla germinazione dei semi , che impiegherà circa 20 giorni.

Usare i semi nel vivaio

  1. Disponeteli ad una profondità  massima di 2 cm , in un contenitore di almeno 15 cm di diametro e ad una profondità minima   di 15 cm.
  2. Riempi il contenitore con due terzi di sabbia grossolana e un terzo di muschio di torba (sfagno).
  3. Successivamente, posizionare il vaso in un luogo soleggiato , ma senza luce solare diretta.
  4. Innaffia il terreno regolarmente  fino alla germinazione dei semi, che richiederà circa 20 giorni.

Per talea

  1. Seguendo le stesse istruzioni per il contenitore, posizionare le talee di 10 cm , ad una profondità di circa 3 cm. Assicurati che l’estremità che seppellisci non contenga foglie per evitare che lo stelo marcisca.
  2. Successivamente, posizionare il vaso in un luogo soleggiato , ma senza luce solare diretta.
  3. Innaffia regolarmente la talea  e tienila in un luogo caldo fino alla formazione delle radici, che richiederà circa 3 settimane.
  4. Seleziona le piantine più sane e più forti . Se più di un seme è germogliato in ogni buca, mantieni il più forte. Per fare questo, non tirare i deboli, poiché puoi danneggiare le foglie. È sufficiente una semplice potatura a livello del suolo.
  5. Trapianta i tuoi germogli. Se hai seminato in vaso o in semenzaio, dovrai trapiantare un mese dopo la semina. Scegli una zona soleggiata e ben ventilata in giardino. Lascia da 10 a 20 centimetri tra ciascuna delle tue piante.
  6. Se vivi in ​​una regione con climi più freddi [/ su_highlight], è meglio conservare il rosmarino in vaso , in modo da poterlo spostare a piacimento.
  7. Proteggi le tue piante. Usa le reti per proteggere le tue piante da parassiti e potenziali predatori. La protezione è importante soprattutto durante le prime fasi.
  8. Controlla regolarmente le tue piante  per evitare parassiti e malattie .

Per saperne di più, puoi vedere: Talee di rosmarino .

Raccolto e raccolto

Devi potare la pianta regolarmente o svilupperà fusti molto alti , ma con poche foglie.

La raccolta avviene 40 giorni dopo il trapianto .

Essendo una pianta perenne , le sue foglie fresche possono essere raccolte durante tutto l’anno.

Taglia tutte le foglie di rosmarino che ti servono. I suoi rami continueranno a crescere normalmente.

Un errore comune è tagliare le foglie più vicino alla base , poiché sono più mature.

Al contrario, è meglio tagliare le foglie nuove che escono, in quanto sono più fresche e con un sapore migliore. In questo modo ti assicurerai che i nutrienti vengano utilizzati nella produzione di nuove foglie e non favoriscano la crescita verticale della pianta.

Se si vuole essiccare, è meglio farlo in estate , appendendo i mazzi in un luogo buio fresco e asciutto senza superare la temperatura di 35ºC.

Quando sono completamente secche, le foglie vengono staccate dai gambi e conservate in barattoli ermetici.

Lavare le foglie una volta tagliate.

Cura del rosmarino

Il rosmarino è una pianta che non ha bisogno di troppe cure.

Tuttavia, la potatura è necessaria di volta in volta . Oltre a mantenere il terreno fertilizzato, con abbastanza materia organica o humus di vermi. 

È inoltre importante che il terreno dove vogliamo piantare il rosmarino sia ben drenato e l’acqua sia adeguatamente filtrata , in questo modo è molto più facile mantenere umide le radici.

Associazioni favorevoli di rosmarino

Si abbina bene con fagioli, carote, pomodori e cavoli.

La sua vicinanza ad altre piante aiuterà a tenere lontani insetti e parassiti.

Soprattutto, predilige i pomodori , poiché li protegge dagli attacchi dei parassiti e ne aumenta il sapore .

Parassiti e malattie comuni

ragno rosso

Può essere messo a bagno di notte spruzzandolo per mantenerlo umido.

Per combattere un’infestazione si può applicare un estratto di aglio e peperoncino, anche se se la pianta è molto colpita, è meglio rimuoverla per evitare che si diffonda ad altre piante.

Coleottero al rosmarino

Per combatterla si consiglia l’uso di olio di Neem e sapone di potassio.

Muffa

Per combatterla si consiglia di eliminare erbacce e residui colturali, nonché di evitare l’eccesso di umidità favorendo un’adeguata ventilazione della pianta .

Si deve rimuovere le foglie colpite.

Si può anche applicare l’estratto di equiseto.

Alternaria

Il fungo Alternaria richiede un’elevata umidità relativa , quindi una buona ventilazione può prevenirne l’attacco.

È molto importante rimuovere anche i detriti vegetali dopo la raccolta del raccolto.

Tra i possibili utilizzi dei materiali attivi abbiamo coda di cavallo e sapone di potassio.

fitoftora

Evitare l’eccesso di umidità nel terreno e seminare in substrati ben drenati.

Al momento della semina , aggiungi una buona quantità di pacciame, compost , torba o letame per gonfiare il terreno e aerarlo.

Se aggiungi anche sabbia di fiume e la mescoli bene con la terra, il risultato sarà favorevole .

Un’altra forma di prevenzione è la rotazione delle colture .

Una volta presentato, si raccomanda l’uso di fungicidi per il suo controllo.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *