Suggerimenti

Minatore di foglie: [Caratteristiche, rilevamento, effetti e trattamento]

Cos’è il minatore di foglie?

Il minatore fogliare è un intruso molto particolare, in quanto si tratta di larve dell’insetto dittero appartenente al genere Liriomyza, molto efficienti nel lavoro di invadere le foglie delle colture ornamentali e orticole, quindi possono diventare il peggior incubo, poiché se vengono lasciati avanzare, possono portare a perdite economiche significative per gli agricoltori.

La missione principale della femmina di questa specie è estrarre la linfa dalla pianta con l’aiuto del suo ovopositore, che può portare alla rovina totale della sua vittima, che appassirà a morte, a causa dell’ostruzione del processo di fotosintesi e innesca la caduta prematura delle foglie colpite, che subiscono gravi ferite sotto forma di cunicoli o gallerie scavate dalle larve invasori. 

Ci sono tre specie dominanti di questo insetto invasivo: la vedetta americana o Lyriomyza trifolii, il minatore di pomodori o Liriomyza bryoniae e il minatore di piselli sudamericano e L. huidobrensis. L’enciclopedia virtuale, Wikipedia, avverte che la maggior parte degli insetti minatori di foglie sono falene, o lepidotteri e mosche, o ditteri.

Ma allo stesso modo alcuni tipi di coleotteri e vespe assumono comportamenti altamente invasivi simili. Ci sono anche i minatori, che sono micro lepidotteri, cioè minuscole farfalle, o micro ditteri, che sono piccole mosche.

Come possiamo identificarlo?

Proprio il fastidio di queste larve si evidenzia nella rovina delle foglie delle piante malate a causa della perdita di linfa, perché provocano danni che possono essere irreparabili provocando lesioni alla parte superiore ed inferiore delle foglie, che subiscono l’azione distruttiva delle larve femmine, le quali, durante la deposizione delle uova, aprono dei buchi per depositarle, con lo scopo di schiudere le larve che si faranno strada sulla superficie della pianta per nutrirsi, danneggiando la cuticola della foglia infetta.

Vediamo alcune caratteristiche che permettono l’identificazione di questo parassita.

  1. Le femmine adulte sono generalmente alte circa 2-3 mm e leggermente più grandi dei maschi. 
  2. Una femmina è di colore nero, ma ha la parte inferiore e le zampe gialle , con una superficie dorsale gialla .
  3. Hanno un ovopositore che li aiuta nel compito di incastrare le uova nella foglia invasa, che si riconosce perché di forma ovale e di colore bianco crema.
  4. I maschi dipendono dalle femmine per mangiare, perché in precedenza segnano le aree della foglia dove succhieranno la linfa. 
  5. Le uova deposte dalle femmine impiegano circa 2 settimane se la temperatura è in media di 30ºC, ma se è di circa 15ºC impiegheranno circa 7 settimane per passare allo stadio larvale.
  6. Quando le larve si schiudono, attraversano tre fasi principali della vita. Nella prima sono trasparenti, poi virano dal bianco sporco al giallo ocra e hanno una lunghezza di circa 2mm.
  7. Prima di diventare pupa, la larva scava una buca nella foglia dove vive e assume un nuovo colore: va dal giallo al bruno-rossastro.
  8. Man mano che le larve crescono, anche la galleria nella foglia diventa sempre più ampia. È identificato perché sembra un piccolo sentiero.

Quali piante colpisce il minatore fogliare?

Qualsiasi varietà di piante può essere invasa da questo insetto dipterano.

Ma sono molto colpite le colture pomodori e pomodorini, i cetrioli e i cetriolini, le melanzane , i fagioli , le gerbere, i peperoni dolci e il peperoncino dolce (piccante), i meloni e le angurie , le lattughe, i cavoli, le patate e le colture di crisantemi , tra molte altre piante ornamentali .

Nel caso dei pomodori, i minatori iniziano ad agire molto presto, danneggiando le piantine dei vivai, finendo così per infettare le serre.

Anche i grandi alberi come le querce vengono colpiti da questi fastidiosi insetti, derubandoli di una sostanza chiamata tannino, che è un’arma difensiva contro gli erbivori perché sono tossine che respingono l’ animale e ne pregiudicano la crescita.

Anche gli alberi da frutto sono una vittima sicura dei minatori fogliari. Limoni, aranci e tigli, tra gli altri.

Come combattere il minatore di foglie?

Queste larve sono difficili da combattere perché riescono ad infiltrarsi nel tessuto delle foglie, ad assorbire gli strati che hanno la minor quantità di cellulosa.

Un meccanismo efficace per ridurre la popolazione dei minatori fogliari consiste nell’utilizzare colture trapezoidali, o che è lo stesso, utilizzare un metodo di associazione di colture al fine di ridurre l’infestazione di quelle principali. 

Per i minatori fogliari, possono essere piantati vicino alle nostre specie coltivate principali come aquilegie ( Aquilegia ) Cenizos ( Quinhuilla ) genere di piante e perenni con fiori Abutilon. Ma la cosa più importante è rimuovere le foglie malate il prima possibile, evitando che cadano a terra.

È essenziale distruggerli, non permettere loro di compostare, perché l’insetto continuerà a vivere. Devono essere bruciati e smaltiti all’esterno della coltura o del giardino. Inoltre è sconsigliato permettere la crescita delle erbe infestanti , perché sono una sicura fonte di parassiti. 

Funzionano anche le cosiddette trappole cromatiche, che utilizzano il colore giallo per attirare l’attenzione di questi insetti. Questo metodo funziona non solo per i minatori. Elimina le mosche bianche ,afidi , tripidi. Amano il colore giallo.

Può essere realizzato con l’aiuto di una bottiglia di plastica gialla (candeggina o altro prodotto), olio, sapone e acqua. La bottiglia verrà tagliata ad un livello di circa 20 cm dal fondo, in modo da farne una ciotola o un contenitore.

Si applica un getto di sapone e si completa con l’acqua, in modo tale che attirati dal colore giallo cadano e rimangano imbrattati nella sostanza saponosa, impedendo loro di uscire. Questa ciotola viene posta ai piedi della piantagione interessata e i risultati positivi si vedranno in breve tempo.

L’altro modo per realizzare una trappola cormatica è tagliare a metà la bottiglia di plastica, per sfruttare un foglio intero ed estrarre due quadratini gialli. Con l’aiuto di un pennello si applica su tutta la superficie una colla per topi, miele o olio (di girasole o di oliva).

Viene praticato un foro nella parte superiore e viene appeso ad uno dei rami della pianta colpita.  Idealmente, dovrebbero essere appesi circa 4 poster gialli per ogni piano. Nelle serre è opportuna anche la collocazione di barriere gialle, al fine di catturare i minatori adulti che frequentano.

Quali sono i migliori prodotti per la rimozione dei minatori fogliari?

Una formula efficace per uccidere questi insetti minatori è il Bacillus thuringiensis, un potente batterio che digerisce i bruchi .

Allo stesso modo, ci sono altri predatori naturali, che sono molto meglio dell’uso di insetticidi chimici. Un buon aiuto da vespe, ragni, orius, lacewings e parassitoidi non farà mai male.

Un altro metodo naturale molto potente consiste nell’applicazione di Olio di Neem durante le sessioni di irrigazione, in dosi che vanno da 3-5 ml per ogni litro di acqua di irrigazione utilizzata, anche se questo dipenderà dalla gravità dell’infestazione.

Il vantaggio dell’olio di Neem è che combatte molti parassiti in modo residuale, perché il suo effetto dura circa 3 settimane e dona alle foglie un sapore amaro che respinge i visitatori indesiderati.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.