Suggerimenti

Preparare e utilizzare l’equiseto contro i parassiti dei funghi del frutteto e del giardino

Sapevi che l’equiseto è un ottimo fungicida? Questa pianta, dal nome scientifico Equisetum arvense , è la nostra alleata quando vogliamo prevenire o curare malattie fungine nelle piante da frutteto e giardino.

In questo post vi mostreremo come fare una biopreparazione o macerazione vegetale con equiseto contro i funghi e come applicarla. In questo modo utilizzerai un rimedio naturale ed ecologico mentre ti prendi cura delle tue piante.

A cosa serve il macerato di equiseto?

Ci aiuta a prevenire e combattere le malattie fungine. I funghi possono facilmente comparire sulle nostre piante (sia orticole che ornamentali) per diversi motivi.

I funghi più comuni sono l’ oidio , la botrite, la roya , l’alternaria, l’ oidio e la septoria. Questi funghi producono macchie scure o biancastre sulle foglie delle piante, possono marcire i frutti, i fiori e i nuovi germogli e provocare l’avvizzimento della pianta.

L’equiseto è una pianta particolarmente utile per curarli e controllarli, poiché ha nella sua composizione l’ equisetonina , un composto tossico per i funghi e che ha anche un alto contenuto di silice.

Inoltre, la preparazione dell’Equiseto agisce impedendo l’accesso dei funghi all’interno della pianta.

E come abbiamo già detto, puoi usarlo per prevenire lo sviluppo di funghi e per curare piante che hanno già funghi.

Macerare contro i funghi equiseto

Hai bisogno:

  • 100 grammi di foglie di equiseto fresco
  • 1 litro d’acqua

Preparazione del Macerato:

Idealmente, l’acqua da utilizzare dovrebbe essere preferibilmente piovana o primaverile. Se usiamo l’acqua del rubinetto o del rubinetto, dobbiamo lasciarla riposare per 24 ore in modo che abbia meno cloro.

Tagliate l’equiseto a pezzetti e mettetelo in una ciotola con l’acqua. Coprire e conservare in un luogo buio e fresco per 24 ore.

Trascorso questo tempo, lo mettiamo a fuoco basso a scaldare per 20 minuti.

Lasciamo riposare finché non si raffredda e poi filtriamo.

Abbiamo già fatto il purè.

Se devi fare più quantità, il rapporto che dovresti avere come base è di 100 grammi di equiseto fresco per ogni litro d’acqua.

Come usare il macerato di equiseto

Innanzitutto, prima di applicarlo alle piante, diluiamo il macerato in ragione di una parte di macerato in tre parti di acqua (1/3).
Applicare il preparato con uno spray, nebulizzatore o nebulizzatore su tutta la pianta: parti aeree (parte inferiore e superiore delle foglie, frutti, fiori, ecc.) e lungo il tronco o fusto e sul terreno.

Come preventivo, usa questo mosto una volta alla settimana o ogni 10 giorni, soprattutto dopo temporali e pioggia, quando è più probabile che appaiano i funghi a causa dell’umidità.

Quando le tue piante hanno già funghi, usalo a giorni alterni.

Una volta preparato il mosto, puoi conservarlo in un luogo fresco e buio e puoi usarlo per un periodo massimo di due mesi.

Lo sapevate…?

Non possiamo solo sfruttare le virtù di questa pianta nel frutteto e nel giardino.

L’equiseto è una delle piante utilizzate nella medicina tradizionale per le sue applicazioni terapeutiche.

Se volete conoscerli a fondo vi lascio il link al mio post sulle Proprietà dell’Equiseto e vi invito anche a vedere questo video in cui vi racconto quelli più notevoli.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.